“Eccoce Qua” recita la scritta sulle maglie delle giallorosse a fine partita, e in quella frase c’è tutta l’emozione di un sogno realizzato dopo ben 21anni.
Sugli spalti una cornice di pubblico degna delle gare importanti, la  balaustra della tribuna tutta colorata con tanti palloncini gialli e rossi.Le squadre entrano in campo sulle note di “Roma Roma” l’inno di Venditti tanto caro a tutti i romanisti.La prima parte della partita, particolarmente tattica, non è bellissima: la Roma sente l’importante vittoria vicina, la Ludos Palermo lotta per non retrocedere. Al 6’ ci prova Deiana mandando la palla alta sopra la traversa. Al 10’ Parejo fa le prove del gol tirando troppo debolmente sul portiere siciliano Tusa. Poco dopo Bartoli calcia di poco a lato. La rete è nell’aria e al 17’ Parejo decide che è arrivato il momento giusto: conquista palla a centrocampo, la porta per venti metri e dal limite beffa Tusa. Dopo neanche due minuti la spagnola si ripete e con un’ azione identica alla precedente realizza il gol del raddoppio. Ora le giallorosse giocano con più sicurezza e, supportate anche da una tecnica superiore a quella palermitana, arrivano ancora vicine alla segnatura con Parejo e con Giovanetti che sbagliano di poco. Al 30’ Parejo sigla  il terzo goal dopo che Bischi, con un tiro incredibile, scheggia il palo interno e Giovanetti raccoglie proprio per  la spagnola che non sbaglia. Gli allenatori, Giampiero Serafini e Fabio Cola, si mettono finalmente a sedere in panchina, soddisfatti del gioco espresso dalle loro ragazze. Il primo tempo termina con la Roma in avanti e Volpi che colpisce la traversa.Nell’intervallo si celebra un fuori programma infatti la società, nella persona del presidente Petrungaro e del DG Vettoretto, consegnano al capitano Masia una targa per festeggiare le sue 500 partite in carriera. Il capitano vanta anche 60 presenze in nazionale.Il secondo tempo riprende così come era finito il primo: con la Roma in avanti che al 4’ minuto arriva nuovamente al gol, questa volta con Bischi che insacca un pallone servitole da Parejo, in forma strepitosa così come il resto della squadra. A questo punto si potrebbe pensare ad una Roma con la mente già ai prossimi festeggiamenti per la raggiunta serie A, sbagliato. La Roma continua a macinare gioco e a sfiorare ancora il goal con Olivieri, Parejo, Volpi, D’Antoni e  Di Stefano. A questo punto, a rispettare il detto molto noto ai tifosi: “goal sbagliato, Goal subito”, arriva la rete della bandiera palermitana siglata da Spanò, poco prima del fischio finale dell’arbitro.Ora sì che si può dare inizio ai festeggiamenti! La serie A conquistata quando ci sono da giocare ancora quattro gare, indica che mai vittoria fu più giusta. Questa squadra e questa Società meritano di giocare nella massima serie, a rispetto anche del nome che portano: Roma.
IL VIDEO DELLA GARA 
ROMA-LUDOS PALERMO 4-1ROMA: Pittiglio, Bartoli (15’ st Savelli), D’Antoni, Masia, Volpi, Deiana, Giovanetti (8’ st Di Stefano), Parejo, Capparella, Bischi (17’ st Rocchi), Olivieri. All. Fabio Cola e Giampiero Serafini.LUDOS PALERMO: Tusa, Di Fiore, Reina, Stagno, Varia, Granato (37’ st Bellante), Simone, Spanò, Ciranna. Buttaccio, Scalici. All. Antonella Licciardi.ARBITRO: Pompilio di LatinaMARCATRICI: pt 17’, 19’, 30’ Parejo (RM); st 4’ Bischi (RM), 40’ Spanò (LP).CLASSIFICA:45 ROMA 32 DINAMO RAVENNA 30 ACMEI BARI
30 JESINA
30 TERME CERVIA
29 FRANCAVILLA FONTANA
24 UPEA ORLANDIA
21 AQUILE PALERMO
17 GRIFO PERUGIA
16 PACKCENTER IMOLA
14 LUDOS PALERMO
12 DOMOCONFORT LECCE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here