Foto Tedeschi

ROMA AJAX TIKI TATTICA – E’ tutto pronto per la partita più importante della stagione della Roma. La squadra di Fonseca, giovedì alle 21 all’Olimpico, affronta l’Ajax nel ritorno dei quarti di finale di Europa League. I giallorossi partono con un vantaggio importante, dopo il 2-1 ottenuto in rimonta alla Johan Crujff Arena grazie ai gol di Lorenzo Pellegrini su punizione e di Ibanez nel finale. In caso di passaggio del turno, la Roma dovrà vedersela con il vincitore tra Manchester United e Granada.

Gli schieramenti

La Roma affronterà l’Ajax con il consueto 3-4-2-1 e con l’importante rientro di Mkhitaryan dal 1′ minuto. In porta ci sarà Pau Lopez, dopo il turno di riposo contro il Bologna, e davanti a lui la linea a tre composta da Mancini, Cristante e Ibanez. Torna a Karsdorp sulla destra, squalificato all’andata, con Calafiori che avrà un’altra chance sulla sinistra vista l’assenza di Spinazzola. A sostegno di Dzeko, pronti Pellegrini e Mkhitaryan.

Ten Hag, nonostante la sconfitta, è pronto a riconfermare in blocco il 4-3-3 dell’andata. In porta il giovane Scherpen potrebbe prendere di nuovo il posto dell’infortunato Stekelenburg, poi difesa a quattro con Rensch, Timber, Martinez e Tagliafico. Davanti spazio a Klassen, Alvarez e Gravenberch. Il tridente d’attacco sarà invece formato da Antony, Tadic e Neres.

La chiave

Costruzione dal basso, densità in zona palla, tanti calciatori in avanti e pressing ultraoffensivo: con questi principi di gioco l’Ajax arriverà all’Olimpico per cercare la rimonta contro la Roma. Se il recupero palla non riesce, però l’Ajax si trova scoperto di fronte al contropiede avversario. Inoltre, volendo creare densità in zona palla gli olandesi potrebbero soffrire sul lato debole e la Roma dovrà essere brava ad effettuare rapidi cambi di gioco. Sarà fondamentale, per la Roma, sfruttare le capacità dei suoi uomini nel giocare nello stretto sia per eludere la pressione avversaria e sia per spostare la difesa olandese.

Roma-

1 commento

  1. Perche` raccontare simili sciocchezze ,dov’e`la qualita`. Sono proprio le quantita di errori nei passaggi che penalizzano il gioco.Per una partita vinta ,come con il Bologna ,non si deve esaltare quello che non c’e`. Dovranno lottare con i denti se vogliono andare in semifinale.

Comments are closed.