ROMA CROTONE L’AVVERSARIA – Nella giornata numero 35 di Serie A arriverà all’Olimpico il Crotone di Serse Cosmi che affronterà una Roma che pensa già al futuro. Sfida fra squadre deluse, che potevano e forse dovevano fare di più in questa stagione: i giallorossi, specie nella seconda parte hanno dissipato quanto di buono fatto fino a dicembre, i calabresi di fatto non sono mai stati in corsa per la salvezza. Per questo, cercare di chiudere in crescita la stagione è un obiettivo che accomuna la squadra di Serse Cosmi e quella di Paulo Fonseca.

I prossimi impegni

Roma-Crotone (35^ turno di Serie A, 9 maggio ore 18.00)
Crotone-Hellas Verona (36^ turno di Serie A, 13 maggio ore 20.45)
Benevento-Crotone (37^ turno di Serie A, 16 maggio ore 15.00)
Crotone-Fiorentina (38^ turno di Serie A, 23 maggio ore 18.00).

Leggi anche:
Roma-Crotone, le probabili scelte di Fonseca

Come arriva il Crotone

Una stagione estremamente complicata, quella del Crotone al ritorno in Serie A. La squadra prima in mano a Giovanni Stroppa e poi a Serse Cosmi ha totalizzato a stento 18 punti, subendo ben 85 gol in stagione, troppi per una squadra che sperava e sognava la salvezza nella massima categoria. L’ultimo match ha visto Simy e compagni avere la peggio contro l’Inter all’Ezio Scida, partita in cui Erisken e Hakimi hanno messo le mani sul diciannovesimo scudetto targato Antonio Conte, matematicamente conquistato dopo il pareggio dell’Atalanta a Reggio Emilia con il Sassuolo di De Zerbi.

Roma-Crotone, punti di forza e debolezze dei calabresi

Se bisogna trovare una nota lieta della stagione del Crotone è sicuramente la fase offensiva dei calabresi. Simy e Messias, i giocatori più rappresentativi e di più qualità del club, infatti, hanno messo insieme 27 gol. I due presumibilmente abbandoneranno la Calabria nella prossima sessione di mercato e rimarranno in Serie A, facendo incassare delle ottime plusvalenze al direttore Ursino. In generale l’attacco rimane il reparto più pericoloso dei pitagorici, che Cosmi ha reso ancora di più produttivo. Il rammarico più grosso potrebbe essere quello di non aver affidato prima la gestione del gruppo all’ex tecnico del Perugia, con cui si sono visti ampi spazi di crescita e di miglioramento. Il tallone d’Achille della squadra è rappresentato ovviamente dalle troppe reti al passivo e da una retroguardia che nel corso del campionato ha fatto vedere grosse lacune sia individuali che di reparto. La difesa, infatti, per un team che punta alla salvezza, dovrebbe essere il punto di forza, mentre per i calabresi sia l’inesperienza sia l’inadeguatezza di alcuni elementi della rosa hanno giocato un ruolo determinante e fatale per la retrocessione immediata in Serie B.

Leggi anche:
Roma, preoccupano le condizioni di Smalling

Le scelte di Cosmi verso Roma

Domenica all’Olimpico Cosmi dovrebbe schierare la formazione tipo, quindi Cordaz in porta, difesa a tre con Djidji favorito su Luperto, Golemic e l’ex Ajax Lisandro Magallan. A centrocampo dovrebbe rivedersi Luca Cigarini con interni Benali e Messias e sulle fasce completano i 5 Molina e Pedro Pereira. Davanti spazio all’estro e alla fantasia di Ounas accanto a Simy che insegue il ventesimo sigillo in campionato. Indisponibile Samuel Di Carmine.

La probabile formazione

CROTONE(3-5-2): Cordaz; Djidjji, Golemic, Magallan; Pereira, Benali, Cigarini, Messias, Molina; Ounas, Simy. All. Cosmi.