5 Dicembre 2021

I numeri certificano la crisi della Roma: 8 punti e 11 reti in meno della scorsa stagione

Foto Tedeschi

ROMA CRISI NUMERI – La Roma di Josè Mourinho è uscita sconfitta nel match contro l’Inter subendo la 7a sconfitta nelle prime 16 giornate di Serie A. I giallorossi, al momento, hanno 25 punti a -13 dal Milan capolista e con 9 lunghezze da recuperare sull’Atalanta che ricopre il quarto posto in classifica. Numeri molto deludenti per una formazione, quella giallorossa che ha ben 8 punti in meno rispetto alla gestione Fonseca dello scorso anno. La Roma, a parità di partite giocate, si trovava in terza posizione a quota 33 punti a +5 dal quinto posto e con una convincente vittoria sul campo del Crotone grazie alla tripletta di Borja Mayoral. Ora, invece, vede l’obiettivo Champions League sempre più lontano e con la possibilità di ritrovarsi in ottava posizione alla fine della 16a giornata. A questo va aggiunta anche la seconda posizione nel gruppo C di Conference League rispetto alla prima nel gruppo di Europa League conquistato da Fonseca.

I numeri della Roma di Mourinho in questa stagione

La squadra giallorossa, fino a questo momento, ha vinto 8 partite, un pareggio e ben 7 sconfitte. Un ruolino di marcia che vede la formazione allenata da Josè Mourinho, con 24 gol all’attivo e 19 al passivo. Numeri che al momento portano la Roma lontana dal quarto posto che dista ben 9 lunghezze. Il dato che preoccupa maggiormente rimane quello dei risultati nei big match. I giallorossi hanno giocato già 5 scontri diretti trovando solamente un punto contro il Napoli di Spalletti. Per il resto sono arrivate sconfitte contro Inter, Lazio, Juventus e Milan. La Roma è il terzo peggior attacco tra le prime 10 di A, meglio solo di Bologna e Juventus.

Leggi anche:
L’Inter demolisce la Roma, Mourinho cancellato dal suo passato

La peggior partenza di campionato dal 2008/09: con Spalletti furono 6 le sconfitte e il sesto posto in campionato

Il dato delle sconfitte è il peggiore dalla stagione 2008/09 quando in panchina giallorossa c’era Luciano Spalletti che concluse la stagione in sesta piazza a cinque punti dai preliminari di Champions League. Anche in quell’annata ci fu una vittoria sonora dell’Inter per 4-0 con lo Special One che però si ritrovava a festeggiare sulla panchina nerazzurra. Ma un raffronto si può fare con la stagione di Fonseca: rispetto a 12 mesi fa la squadra dello Special One ha 8 punti in meno e soprattutto 11 gol segnati di differenza. Meglio il reparto difensivo che attualmente ha subito 19 gol contro i 24 della stagione scorsa. Numeri che sicuramente non possono soddisfare un allenatore vincente come Mourinho che però ha tutti i mezzi e l’esperienza per far cambiare rotta a questa squadra già a partire dal match di Sofia di giovedì prossimo.

Giacomo Emanuele Di Giulio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 commenti

  1. Asromasempre ha detto:

    Numeri alla mano sta facendo peggio di Fonseca.
    E ce ne vuole per fare peggio di lui

    • The lion king ha detto:

      Mi hai tolto le parole di bocca anche se il campionato dell’anno scorso fino a natale non fu male, il tracollo arrivó dopo

      • Federico ha detto:

        Basta confrontare il centrocampo e capire che la Fiorentina è più forte. Ce la sogniamo la qualità e l’intensità di Torreira Bonaventura Castrovilli Amrabat, una squadra che gioca in nove come sabato con giocatori come Cristante e Veretout nulli in interdizione assenti o disastrosi in impostazione è più debole, certo. Nzonzi è molto meglio di quei due tristi ? interpreti. In questo Fonseca era più avanti di Mou, lui che Cristante non potesse giocare a centrocampo dopo un anno l’aveva capito. Su Veretout invece non c’era ancora arrivato…

    • Uno ha detto:

      Numeri alla mano neppure i Friedkin meglio del Pallotta degl’ultimi due anni.

  2. NICOLA ha detto:

    Io vi chiedo……
    Ma la rosa della Roma è inferiore a quella della Fiorentina? Che oggi vince a Bologna e ci scavalca in classica.
    La rosa della Roma è uguale a quella del Bologna? che ha un punto in meno.

    A mio parere è superiore quindi le colpe sono di chi la mette in campo senza gioco e di chi dovrebbe allenarla.
    Se poi questo prende pure un sacco di soldi peggio ancora.
    Mou sei un pippONE

    • peter rei ha detto:

      certo. Bisogna prendere un altro allenatore. Uno che insegni a zaniolo e cristante a difendere sul primo palo e al portiere a non farsi passare la palla tra le gambe.

      • Vincent Vega ha detto:

        Ok, hai preso gol presto con uno dei soliti errori tecnici madornali, ma poi? Già finita al 15° la partita? Già sul pullman a pensare al week-end? Che cosa insegna questo allenatore alla squadra? Come prepara le partite? Come si reagisce se qualcosa va storto? Spiace ma vedere questa squadra in campo è un pianto, secondo me nemmeno si allenano a dovere. Specialone al momento disastroso, addirittura peggio di btomuro-Fonseca.

    • Federico ha detto:

      Si, una squadra si giudica dal centrocampo, la Roma ha titolari due giocatori disastrosi come Cristante e Veretout nulli in interdizione mai a disposizione di passaggio in impostazione e sempre fuori tempo o imprecisi in scelte e giocate.
      La Fiorentina oltre a Vlahovic in attacco ha in mediana Torreira Bonaventura Castrovilli Amrabat e altri giocatori tutti superiori – di parecchio – ai nostri.
      E i terzini? Lo spagnolo e Biraghi c’è li sogniamo.
      In cosa siamo meglio?
      Poi Vincenzo Italiano è un grande allenatore e se vogliamo dire che magari con La Rosa romanista decimata di sabato lui una partita orrenda e rinunciataria remissiva e ferma come Roma Inter non ce l’avrebbe proposta siamo d’accordo ma questo lo posso dire io che amo Zeman.
      Prima di questa oscena partita però la Roma si era sempre battuta e era stata anche molto danneggiata da arbitraggi vergognosi che ci hanno tolto almeno 6 punti che sarebbero stati due in meno alla Juve, alla Lazio, al Milan.
      Inoltre un Italiano qui sarebbe stato massacrato alla prima sconfitta, qui i grandi media i blog le radio vogliono i cambi modulo le difese a cinque e poi le criticano se si perde: ecco vedremo se Mourinho si perderà come Fonseca che non aveva più una sua identità se non nelle idee negative o se invece questo tradimento con l’Inter sarà un’eccezione.
      Ma sempre servirà un ds e romanisti competenti in società, ora fatta di alieni e di persone estranee al mondo del calcio.

  3. Fabio ha detto:

    Tocca rimpiangere Fonseca … Mou, con le sue esternazioni si è messo contro arbitri e palazzo, ha incomprensibilmente annichilito giocatori come Villar e Borja Mayoral che con Fonseca avevano fatto molto bene, in più gli hanno ceduto Džeko e Pedro, ed Edin era mezza squadra, perché faceva giocare bene tutti e Spinazzola ormai è desaparecido, purtroppo.
    Poi ieri ci si è messo pure il buon Rui Patricio …

  4. Frank696 ha detto:

    Cacciatelo, è il vero male della Roma. Da quando è arrivato ha fatto più danni lui che il Covid.

  5. gerlando ha detto:

    Pensare che ieri è subentrato Volpato e non Mayoral…

  6. Dako ha detto:

    Maddai? Ma non era Fonseca? Ahahahahaha

    Cmq. Questo succede ogni anno, quest’anno inizi una stagione spendendo quasi 100 milioni e ti manca un terzino ed un centrocampista? Ecco il risultato … Da applausi come al solito, senza contare poi quei 4 pseudo tifosi che vanno allo stadio a insultare Zlatan e fischiare Edin, complimenti, hanno segnato tutti e due giusto??

  7. Nudless ha detto:

    Arrivati a questo punto non so più cosa dire, abbiamo iniziato con Luis Enrique che esordì con una eliminazione e concluse con un’altra all’ultima giornata. Zeman, lo conoscevamo, ma se fosse rimasto forse non ci sarebbe stato il 26 maggio. Grazia è partito benissimo per finire “spallettizzato” anche lui. Per non parlare del fenomeno tornato soltanto per farci umiliare da “quelli” per l’ennesima volta. Mi ero illuso con Di Francesco, quella semifinale da leggenda me l’ha cancellata con l’infamia di Firenze. Fonseca non mi entusiasmava e non fece nulla per farmi ricredere, ma era meglio che fosse rimasto. Abbiamo sostituito “quelli” nel ruolo di scemi del villaggio, e la cosa grave è che dopo dieci anni ci stiamo abituando..

  8. elconde ha detto:

    Si comincia a vedere la mano di Tiago Pinto, uno che regala Dzeko per risparmiare l’ingaggio e poi strapaga Shomurodov, complimenti!

  9. papa max ha detto:

    Mourinho ha le sue colpe , e anche gravi .. Rui Patricio non e’ una sicurezza in porta e credo lo abbia scelto ANCHE lui .. Vina e’ un discreto serie C .. anche qui Mourinho ha detto ok .. poi eredita un ‘parcogiocatori’ veramente modesto, dove i migliori, almeno per impegno e abnegazione, sono Pellegrini, El Shaarawy, Karsdorp, Smalling, Mancini, Ibanez, Veretout ma non spesso, Shomurodov, Carles Perez .. Zaniolo deve recuperare, fisicamente e mentalmente, due anni di rottura dei crociati e di mancanza di attivita’ agonistica .. servono 8-9 mesi per recuperare all’80% .. diamogli tempo .. anche Abraham ha bisogno di tempo .. alla Roma e anche a Pinto dico : vedi quanto ci pesa l’assenza di Pellegrini e compra due 2 DUE centrocampisti forti forti .. senno’ qui non si tornera’ mai tra le prime quattro .

  10. Giorgio ha detto:

    Otto punti e 11 reti in meno e 90 milioni spesi sul mercato è grave due domande i Friedkin dovrebbero farsele

    • alex ha detto:

      ma che 90 milioni spesi, ANCORA?
      oddio sempre a ripete le stesse cose, abrham 6 milioni, l’ex genoano 2 milioni, il portiere 8 milioni, e l’asino di vina 13, fa 90?
      ma alloccate a tutto?
      e gli 11 giocatori venduti e ceduti con il calo di monte ingaggi?
      pallotta 2.0 so questi mettetevelo in testa…

  11. alberto ha detto:

    la squadra è più debole dell’anno scorso, lo si dice da inizio anno, lo immaginavamo in molti ora è cosa concreta.

  12. asr ha detto:

    eh ma le colpe precedenti erano sempre degli allenatori, ora all’improvviso non diamo piu’ la colpa all’ellantore solo perche’ si chiama mourinho? sta facendo peggio dei precenti