6 Gennaio 2011

ROMA-CATANIA, le interviste. TOTTI: “Reazione giusta. Questi sono tre punti di peso”.

Totti in zona mista firma autografi : “Non mi dice bene ma l’importante è aver vinto. Il gol l’ho tenuto per il ritorno

LE INTERVISTE DEL DOPOGARA
PRADE’ A SKY
Ha sentito le dichiarazioni di Pulvirenti?
“Si le ho sentite ma mi sembra che non abbia detto niente contro la Roma. Anzi gli faccio i complimenti perchè il Catania è una squadra veramente forte: è ben organizzata, ha un allenatore bravo e dei calciatori come Maxi Lopez che è un giocatore di grandissimo livello, da top team”
Vucinic ha lasciato lo stadio a testa bassa, è sembrato nervoso. Che analisi fa del suo comportamento?
“Quando hai dei giocatori così forti che non giocano è gusto che si arrabbino. Lui è entrato ed ha risolto la partita. Abbiamo giocato gli ultimi 10 minut con tre attaccanti come Borriello, Vucinic e Totti e una mezza punta come Menez. Vuol dire che questa squadra ha tantissima qualità e in qualsiasi momento può trovare il colpo decisivo per fare gol ed è questo che ci interessa”
La Roma farà mercato in questo inverno?
“Non accade nulla. Siamo in tanti, 29. Adesso sono usciti Baptista e Okaka, con cui mi complimento per il gol e sono contento che trovi la sua dimensione. Noi dobbiamo allegerirci e puntiamo forte su questi calciatori. Non faremo nessun tipo di entrata”
E’ geloso che Pizarro mandi i messaggi a Bruno Conti e non a lei?
“Assolutamente no. Spero solo che Pizarro torni al massimo della salute e delle sue forze per darci un contributo importante. Possiamo puntare in alto. Noi siamo convinti di avere una squadra di grandissimo livello”
Siamo sicuri che viste le situazioni di Pizarro e Adriano la Roma non voglia dire ancora la sua sul mercato?
“Non devo rispondere più di tanto. Mi sembra sia dal 25 di luglio che si sta lavorando su questa situazione. La cosa fondamentale è che è una cosa esterna che ci riguarda. Noi pensiamo solo a lavorare. Non ci dobbiamo far rapire da quello che succede sui giornali, come il passaggio del club agli americani e così via. Dobbiamo solo lavorare, sappiamo di essere una squadra forte, dobbiamo essere bravi a chiuderci nelle quattro mura di Trigoria. Anzi le dico che determinate situazioni possono darti anche più forza e non togliertela. Dobbiamo trarne beneficio perchè può essere qualcosa di importante”
Sapete qualcosa di più oppure veramente siete impermeabili alla questione societaria?
“Le posso garantire che noi viviamo senza sapere nulla. E’ una situazione paradossale perchè noi economicamente siamo solidi, non ci sono problemi con i pagamenti, abbiamo gli stipendi pagati e qualsiasi cosa richiediamo ci viene data. Sono sei anni che ci rafforziamo, andando avanti con il nostro lavoro e le nostre idee. Io penso che questa situazione ci giochi a favore. Nel momento in cui cambia tutto non saremo neanche capace a fare mercati stratosferici: io non sono neanche capace a comprare uno come Messi”.
RANIERI a RAI SPORT
Dopo l’happy hour, l’happy end
´Avevamo iniziato bene, abbiamo trovato subito il gol ma poi improvvisamente abbiamo staccato la spina e ci siamo disuniti. Poi il Catania è riuscito a pareggiare ed andare in vantaggio e noi siamo riusciti a segnare in contropiede. Abbiamo spinto, abbiamo creato tanto e siamo riusciti a vincere. Volevamo riprendere l´anno nuovo come avevamo lasciato l´anno vecchio e va bene così anche se va sempre rivisto l´atteggiamento del primo e del secondo tempo´
Oggi in campo con Menez, Vucinic, Totti e Borriello. La mettono in difficoltà con le scelte?
“Io ho fatto già i complimenti ai ragazzi, ai quattro tenori, come li chiamo io, perché non è facile accomodarsi a volte in panchina. Loro hanno dimostrato sempre di fare molto bene, Mirko quando ha giocato è sempre stato decisivo, ci ha permesso di vincere contro l´Inter e ha fatto gol oggi. Abbiamo giocatori con ottime caratteristiche.”
Ci sono state polemiche da parte del Catania per l´arbitraggio
´Ho visto le inquadrature, sull´episodio di Riise da un´inquadratura sembrava che la palla fosse uscita, dall´altra no, nell´occasione del gol di Vucinic, il giocatore era oltre al linea ma era difficile per il guardalinee da vedere´
Come sta Pizarro?
´Non sta bene perché ha sofferto anche negli anni passati, per problemi al ginocchio. E´ rimasto lì per recuperare, per noi è un giocatore importante. E´ andato lì il preparatore atletico per seguirlo insieme al suo fisioterapista, in modo tale che quando rientra possa proseguire al meglio il lavoro che ha iniziato´
Con questo gruppo la Roma può puntare allo scudetto?
´È ancora una squadra imprevedibile dobbiamo essere più bravi, più cinici ma anche più belli perché abbiamo dei grandissimi giocatori´.
TOTTI SUL SUO SITO INTERNET (francescototti.com)
Una vittoria importantissima quella di oggi. Avevamo cominciato bene l’incontro con il gol di Marco ma poi il Catania è tornato in partita segnando due volte e lì la situazione si è complicata. La reazione però è stata di quelle giuste che ci ha portato a ribaltare il risultato: sono 3 punti di peso che ci fanno ripartire positivamente in questo 2011“.
RANIERI a MEDIASET PREMIUM
Vittoria importantissima anche se con tanta fatica
“Ne abbiamo fatta moltissima nel primo tempo. Siamo partiti bene poi ci siamo disuniti, il Catania ha ottimi giocatori, Giampaolo è bravo. Buon per noi che non ci hanno fatto il terzo gol, eravamo in balia. Nel secondo tempo è tornata la Roma di sempre, bella, brillante, con tanti miracoli di Andujar e alla fine abbiamo vinto”
I cali della Roma preoccupano?
“Sono la nostra croce. Se giocassimo sempre concentrati potremmo dire la nostra su tutte e tre le competizioni. Finchè non prendiamo il treno della continuità ci si può aspettare di tutto”
Si può dire. Meno male che ci sono Borriello e Vucinic che segnano
“Meno male che ci sono i grossi giocatori, sennò non vinci”
Un aggettivo per la Roma?
“Imprevedibile””
De Rossi come sta?
´Bene. Dopo tre giorni di febbre è voluto esserci per forza non essendoci Pizarro. L´ho sostituito nel momento giusto´
Sei romano e alla guida della Roma da un po´. Qual è il problema vero della mancanza di risultati? Ora che ci sei dentro cosa puoi dirci?
´Ci vorrebbe non un trasmissione, di più per analizzare tutto. Questa a Roma è una sfida difficile e l´uomo vuole vedere fino a quando ce la fa. Essendo tifoso soffri il doppio, è bello quando vinci e i tifosi sono felici e allora pensi che sia giusto continuare a lottare´
Contro il Bayern, nel secondo tempo, c´è stata la più bella Roma della stagione. La vedremo mai cosi con i quattro tenori in campo?
´Se non steccano, sì´
Avete superato la Juventus, per lei è una soddisfazione piccola o grande?
´L´importante è aver vinto. Sarà una grande soddisfazione quando supererò il Milan primo in classifica´.
PRADE´ A MEDIASET PREMIUM
Pulvirenti ha parlato di una direzione scandalosa dell´arbitro e ha denunciato che i giocatori della Roma hanno intimidito l´assistente
´Questa dei calciatori è una stupidaggine che nemmeno commento. Mi complimento con Pulvirenti perché il Catania è un´ottima squadra ma era di fronte ad una squadra più forte, con campioni. Il fuorigioco di Vunicic era millimetrico, sull´episodio di Riise si poteva fare meglio ma ci sta nel calcio. Pulvirenti non è stato polemico nei confronti della Roma quindi non posso dire nulla contro di lui´
Il fuorigioco di Vucinic non era una questione di millimetri
´Difficilissimo da vedere, io dal campo pensavo al rigore. Voglio mettere in risalto però quello che la Roma sta facendo in campo, abbiamo qualità e possiamo fare meglio´
Allegri dice di aver paura solo dell´Inter
´Sono contento per lui. Mi sembra che nell´ultima partita con loro abbiamo vinto a San Siro. Li aspettiamo all´Olimpico´.
RANIERI A ROMA CHANNEL
Cosa è successo nel primo tempo?
“Siamo disuniti. Dopo il gol improvvisamente ci siamo scollegati, abbiamo staccato la spina. Loro hanno preso il sopravvento, sono una buona squadra quindi soffrivamo il loro centrocampo dove erano tre contro due. Dopo il vantaggio la chiave è stata Cassetti che è intervenuto per evitare il telrzo gol che sarebbe stato il dramma. Nel secondo tempo è stata la Roma che non t’aspetti e che vorresti vedere sempre. Noi non dobbiamo giocare sempre così, ma sempre con quella determinazione. Se ci disuniamo facciamo errori puerili”
Perrotta e Greco hanno dato più intensità
“Io gridavo nel primo tempo e non avevo più voce per tenerli a tre in centrocampo. L’ho detto a uno, ma quello non lo diceva agli altri. Nel secondo tempo allora ho potuto parlare e le cose sono andate meglio”
Nel primo tempo molte situazioni di difficoltà su palla inattiva, era successo anche contro l’Atletico
“Abbiamo lavorato sulle palle inattive, Silvestre era quello più pericoloso. Avevamo pensato ad una marcatura a uomo ma non è andata bene.”
La Roma nel secondo tempo è cambiata
“Si, come col Bayern, ho messo i 4 tenori e la musica è cambiata. Ma tutti dall’inizio non potevamo giocare. Col 4-.2-4 giocava il Brasile negli ani ’60. Però Vucinic ce li ha i 90 minuti.”
Superata la Juve, peccato per il Milan che ha vinto
“Si, mi aspettavo il pareggio a Cagliari (ride ndr) ma noi dobbiamo pensare a noi. L’importante è aver vinto ma dobbiamo anche essere sempre come nel secondo tempo”.
RANIERI IN CONFERNZA STAMPA
Vucinic se entra dalla panchina sfoga la rabbia che gli manca quando gioca dall’inizio
“Non glielo diciamo sennò vuole stare sempre in panchina. Comunque voglio sottolineare che quando uno entra dalla panchina i miei danno sempre il 100% Vucinic, Totti e Borriello. Loro capiscono di non poter giocare 4 insieme, lo accettano e poi sfogano, in maniera positiva, la voglia di giocare. Vucinic non ha giocato oggi, giocherà domenica, lo dico subito (sorride ndr). E’ stato un buonissimo secondo tempo, abbiamo ripreso il bandolo e siamo stati molto più concentrati”
Pulvirenti ha detto che due episodi sono stati contro il Catania e la Sensi ha parlato di troppe polemiche sulla Roma
“Sono d’accordo, la dottoressa si dimentica che ci sono romanisti e non romanisti. Noi veniamo criticati alla minima cosa succede il 48. Anche il papà della Sensi diceva che con un’altra stampa avremmo fatto altre cose. Ma più difficile è una cosa e più vogliamo superarci per venirne a capo”
Incidono i problemi societari?
“Lo dico ora e non lo dico più. Lo spogliatoio di una squadra di calcio vive su equilibri delicatissimi e non sappiamo cosa fa bene e cosa fa male. Può darsi invece che in situazioni simili ti compatti di più, oppure che ti deconcentri. Io come allenatore divido il settore esterno e uno interno che va in campo. Dobbiamo fare il nostro lavoro. E’ logico che queste voci non fanno bene. Io devo preservare i miei giocatori e farli pensare alla partita”
Siete partiti col 4-4-2 e poi siete passati al 4-2-4
“Si, io cercavo di gridare per farli passare dal 4-4-2 al 4-3-1-2 ma non c’è stata comunicazione tra i centrocampisti. A fine primo tempo ho avuto modo di parlare ed è cambiato tutto. Greco il più in forma? Sono tutti in forma, la forza di questa Roma è la rosa ampia. Ho parlato serenamente con i ragazzi e ho detto loro che siamo in corsa su tre obiettivi e ora sta a noi portarli avanti. I ragazzi erano carichi e quindi recepivano. Anche quelli che non giocavano davano forza e coraggio agli altri”
De Rossi, perchè farlo giocare visto che non era lui?
“Si, non avendo Pizarro, ho messo lui perchè diceva di stare bene, ma perchè è un generoso. Gli ho detto vabene e poi magari lo tolgo prima. Però faticava troppo e l’ho tolto a fine primo tempo”.
PRADE’ ALLE RADIO
“Faccio i complimenti a Pulvirenti perché il Catania ha giocato un ottimo calcio.Oggi giocava contro una squadra più forte tecnicamente come la Roma. Sull´arbitro erano due situazioni diverse, il fuorigioco di Vucinic era millimetrico, su Riise si poteva fare qualcosa di più. Non è stato polemico sulla Roma quindi non posso rispondere. La cosa de giocatori non la voglio neanche commentare. Voglio mettere in risalto quello che sta facendo la Roma sul campo, abbiamo tanta qualità e possiamo far meglio”.
Allegri dice che l´unica concorrente del Milan è l´Inter
“Se lo dice lui va bene. Mi sembra che l´ultima partita a San Siro l´abbiamo vinta. Vediamo il ritorno all´Olimpico”.
PRADE’A  ROMA CHANNEL
Bella vittoria che serviva
“Una vittoria pesantissima, che ci fa continuare la strisica positiva, un primo tempo non all’altezza. Il Catania ci ha messo in difficoltà,complimenti a Giampaolo, ma nel secnodo tempo abbiamo cambiato rotta e abbiamo giocatori che sanno far gol. Il problema è quando non ce li hai i giocatori bravi, Ranieri ha a disposizione grandi giocatori infatti non faremo mercato in entrata, crediamo in questa rosa, sfoltiremo solo un pò.”
Su Okaka
“Sono molto contento per Stefano. A noi non serviva cederlo, ma serviva a lui, ha bisogno di sentirsi la maglia titolare addosso, ha bisogno di una crescita mentale. Lui ha già un bagaglio, deve trovare continuità e poi tornare alla Roma e puntare al posto da titolare”.
PERROTTA A ROMA CHANNEL
Una grande rosa
“Per il mister è difficile scegliere solo 11 giocatori in questa rosa. Una rosa valida, le partite sono tante. Quando hai 25 giocatori tutti sullo stesso livello, chi resta fuori può cambiare la partita come oggi. Nel primo tempo abbiamo giocato bene nella prima parte e poi però il Catania si è rifatto giusto. Si doveva cambiare qualcosina e poi le cose sono andate bene.”
Oggi la Roma digeriva il panettone nel primo tempo
“Nella partita prima della nostra si è visto che il panettone è stato indigesto (la JUVE HA perso contro il Parma in casa ndr) potevamo fare meglio nel primo tempo, invece nel secnodo tempo è venuta fuori la voglia di vincere questa partita. Poi ci sono situazioni favorevoli che ti caricano. La differenza è stata quella.”
Una percentuale sul tuo stato di forma
“Non lo so, non sono al 100% oggi mi sentivo discretamente, mi manca la partita ma sono contento di aver dato il mio apporto a questa vittoria”
Il gol del Milan nel finale ti ha dato fastidio?
“Bisogna pensare a recuperare 4 punti sul Milan perchè a tre giornate dalla fine abiamo lo scontro diretto e ce la giocheremo. Se poi non vinci lì è giusto che vincano gli altri”
Quanto è difficile per voi che siete della “vecchia guardia” mandare giù le esclusioni
“E’ più facile, perchè tieni di più alla squadra e quindi accetti più serenamente le scelte del mister”.
PULVIRENTI A SKY
Il tecnico dei siciliani Giampaolo non parla per scelta tecnica. Al suo posto si presenta il presidente del club Pulvirenti
Come commenta gli episodi sospetti sui gol giallorossi? Hanno lasciato degli strascichi?
“Non stiamo facendo parlare perchè al danno aggiungeremmo la beffa. I ragazzi sono arrabbaitissimi ed hanno ragione. Per cui  sarò probabilmente io ad essere squalificato per la battuata fatta all’arbitro alla fine della gara: gli ho fatto i complimenti e gli ho detto “oggi hai fatto una doppietta”. MI attirerò delle squalifiche. Almeno salviamo loro e andiamo avanti visto che alla prossima abbiamo la gara con l’Inter”
Bella la battuta della “doppietta”
“Ho provato a rasserenare il clima. Senza dire nulla di offensivo ma se per questo sarò squalificato lo accetterò perchè bisogna essere nel regolamento. Gli unici a non seguirlo oggi sono stati quelli della terna arbitrale. E’ una partita lontana da Catania che perdiamo e credo immeritatamente. Portiamo a casa 0 punti”
Il fuorigioco sul gol di Vucinic era davvero millimetrico
“Si poi ce n’era un altro che non avete fatto vedere sul 3-2 con Maxi Lopez che non è in fuorigioco anche se viene alzata la bandierina. Anche quella vedrete che è una decisione sbagliata. E’ andata così”
Prendente tanti gol, ci sono dei problemi tecnici
“Sicuramente. Se parliamo di oggi stavamo facendo una gara buona, giocando bene. Era una partita perta che conducevamo noi. Sul 1-2 la Roma poteva pareggiare come noi fare il terzo gol. E’ ovvio che se si prendono tante reti la gara va rivista. Oggi noi siamo scesi in campoper giocarcela a viso aperto, così come stavamo facendo fino al 1-2 e poi appunto è successo quello che è successo. Ma il comportamento complessivo della squadra a me è sempre piaciuto quest’anno a parte la partita col Cagliari persa malamente. Poi nel calcio ci sta di prendere gol o di farli”.
CASSETTI A ROMA CHANNEL
Oggi 120 partite con la Roma
“Ah, non lo sapevo. Sono molto felice ma soprattutto lo sono per questa vittoria, ci eravamo complicati la partita nel primo tempo, ma nel secondo abiamo ribaltato la situazione. C’era forse un pò di ruggine nelle gambe e nella testa. Non è facile tornare alla concentrazione della partita di Serie A.”
Oggi dalla panchina Greco, Perrotta e Vucinic. La rosa è la forza di questa Roma
“Si, c’è qualità e chi viene chiamato in causa dà tutto se stesso.”
Nel primo tempo troppi errori
“Sicuramente ci siamo disuniti, non eravamo più collegati tra i reparti. Il Catania è comunque una squadra di buoni giocatori, rimanevano tanti dietro la palla e ripartivano con velocità. Questo ci ha sorpreso. Nel secondo tempo invece ci siamo compattati e con la voglia di ribaltare il risultato ci siamo riusciti”
Su Vucinic
“E’ in condizione come lo sono tutti. Ma abbiamo tanti giocatori di qualità, poi il mister fa delle scelte. Per poter competere ad alti livelli bisogna avere una rosa così”
Abbiamo superato Juventus e siamo vicini alla Lazio
“Si, era importante partire bene oggi perchè non era facile riattaccare la spina. Ogni partita ora sarà importante, fino a maggio”
Sei un punto fermo della difesa, come ti senti?
“Bene, abbastanza bene. Speriamo di rimanerci”.
JULIO SERGIO ALLE RADIO
“Devo migliorare ancora, posso fare meglio ora piano piano riprenderò il ritmo”.
Oggi però abbiamo subito dietro…
“Se fossimo sempre perfetti vinceremo ogni partita, nel calcio si sbaglia ma ci si riprende. Loro erano veloci ed hanno fatto bene ma alla fine abbiamo vinto”.
Sei sicuro della tua porta?
“Io non lo so, oggi ho giocato e mi aspetto di giocare ancora, voglio fare bene poi la rosa è numerosa e ben vengano giocatori che ci fanno fare il salto di qualità, l’abbondanza è un bene”.
GRECO ALLE RADIO
Adesso ci sarà la Samp…
“E’ molto difficile ma se arriviamo bene mentalmente e in questo la terza vittoria ci aiuta, possiamo fare bene”.
Entri tu e la Roma vince…
“E’ solo fortuna”.
JULIO SERGIO A ROMA CHANNEL
La partita di oggi
“Abbiamo sbagliato troppo nel primo tempo, anche io con i piedi che non sono abituato a farlo. Oggi era una giornata così così, ma nel secondo tempo abbiamo reagito e i giocatori sono entrati bene e abbiamo vinto una partita molto difficile. Ora dobbiamo tenere i piedi per terra, continuare così, zitti zitti e lavorando, e poi vediamo.”
Come hai vissuto la fase riabilitativa dall’infortunio, con serenità?
“Non ero in Italia quando è successo tutto, ero tranquillo avevo il cellulare spento. Sono arrivato all’aereoporto che mi hanno detto : vai via?” e io:”no, non penso” Ho la mia vita a Roma, sto bene, voglio lavorare, crescere e sono sereno”
Si parla troppo a volte, arrivano critiche per destabilizzare il gruppo, ma il gruppo è importante
“Il calcio è così, a Roma c’è questa caratteristica, veicoli importanti parlano della Roma perchè è una delle squadre più grandi del mondo. Ma noi dobbiamo essere abituati e rispondere, chiarire al momento giusto. Noi non dobbiamo far entrare queste cose nello spogliatoio”
Cosa è cambiato nella Roma tra primo e secondo tempo
“Dobbiamo imparare da queste partite, ma tre partite fa dicevano che noi stavamo male fisicamente e non giocavamo i secondi tempi. Oggi invece secondo tempo buono, scambi veloci, giocatori che fanno la differenza, abbiamo vinto ma certo, dobbiamo fare molto meglio. Il Catania ha comunque corso tantissimo, si è chiuso ed è ripartito. Sono veloci davanti loro. E’ difficile gestire questo dopo la sosta. Ma questi tre punti fanno la differenza.”
Su Maxi Lopez
“Già lo conoscevo, ha giocato anche in Brasile. E’ un grande calciatore, intelligente e forte fisicamente”.
RANIERI A SKY
Donadoni dice che allenerebbe l’Inter. Lei prenderebbe la panchina della Lazio?
“No non lo farei perchè sono un tifoso della Roma”
“Roma dai due volti: brutta nel primo tempo, ottima nel secondo
“Abbiamo iniziato molto bene e ci siamo disuniti dopo il gol. Questo non deve accadere ma purtroppo è successo. Eravamo partitti bene, con la concentrazione giusta. Avevamo paura della befana, perchè ricominicare dopo la sosta aveva le sue insidie. Avevamo chiuso bene il 2010 e volevamo iniziare meglio il 2011. Per cui quando li ho visti in campo decisi, che giocavano e si trovavano ero sereno. Poi dopo il gol ci siamo disuniti, il Catani, che è una buona squadra e formata da ottimi giocatori, perlopiù argentini, guidati da Giampaolo che è un tecnico capace. Noi abbiamo lasciato molto molto a desiderare. Nel secnodno tempo invece è tornata la Roma che tutti vorrebbero vedere con grosse giocate, grandi percussioni, tante occasioni da gol . Negli spogliatoio analizzeremo bene sia il primo che il secondo tempo”
La formula dei quattro assi può essere una forma per saprigliare alcuni tipi di partite?
“Ma per sparigliare si. Già lo abbiamo fatto con il Bayern Monaco quando stavamo perdendo e l’abbiamo fatta oggi quando dovevamo vincere. Perchè il pareggio a noi non serviva. Questa formula può servire, fortuna che ho questo tipo di giocatori. Gli ho ricordato anche oggi che sono giocatori straordinari perchè quando vengono chiamati in campo danno sempre tutto e non si arrabbiano se restano in panchina”
La Roma rispetto allo scorso anno , cosa ha in più e cosa in meno?
“La differenza credo sia nella rosa, che adesso è completa e ci permette di competere con tutti, su più fronti, fino alla fine del campionato. Cos’ha in meno? Ripartiamo, perchè abbiamo fatto una brutta partenza che ci porteremo dietro. Adesso dobbiamo rimontare. Se nel 2010 la Roma è stata la squadra che ha fatto più punti, perchè nel proseguo dell’anno abbiamo inanellato molte prestazioni positive e vittorie. Adesso dobbiamo fae altrettanto. Non sarà facile, lo abbiamo detto all’inizio del campionato: sarà un campionato competitivo, molto livelllato, ci sono più squadre che lotteranno per vincere lo scudetto e questo è un bene per il campionato italiano”
Come mai ha sostituito De Rossi?
“L’ho sostituito perchè lui mi ha convinto a farlo giocare, perchè aveva due giorni di febbre, ieri si è allenato mi ha detto “sto bene, sto bene”. Lui è un generoso, da sempre tutto. Io sono stato indeciso fino in fondo, poi ho deciso di partire con lui perchè è sempre meglio avere un punto di riferimento la davnti non avendo Pizarro. Ho visto che però pian piano veniva meno, sbagliava qualche passaggio e quindi ho deciso di cambiarlo”
Il comportamento di Adriano e Pizarro le ha dato fastidio?
“No, è un comportamento normale. Adriano ha avuto problemi burocratici e con la famiglia, per il visto di suo figlio, e perchè erano quattro volte che non votava ed in Brasile dopo quattro volte senza voto non ti danno il permesso di espatrio. Ci sono voluti tempi e ragioni. Non mi ha dato fastidio. L’altro ragazzo ha problemi fisici e si è visto quest’anno perchè ha giocato di meno. SI sta curando al ginocchio, abbiamo mandato in Cile un preparatore fisico proprio per supportare il lavoro che farà con il fisioterapista in modo che quando arriva a Roma dovrà perdere meno tempo”
Il mercato è chiuso o la Roma spingerà?
“Non possiamo spingere come fanno le altre, lo abbiamo detto all’inizio della stagione che dovevamo vendere. Non ci siamo riusciti, dobbiamo farlo anche adesso perchè ve bene la rosa lunga ma avere tutti quelli che ho non va bene”
Maxi Lopez si è lamentato sui due gol della Roma ritenedoli irregolari
“Mi hanno detto che c’è stata una contestazione ma io non l’ho visto. Se me lo fate vedere sarò leale come sempre nel dire se era o non era gol e se la palla era o non era uscita. (Ranieri osserva le immagini n.d.r) E’ difficile ma sembra che sia uscita, perchè da come è messa la telecamera, sembra sia fuori. Nella prima inquadratura sembra sia fuori, nella seconda no”.
GRECO A ROMA CHANNEL
Contento per Okaka?
“Si, è un ragazzo splendido, spero possa continuare così”
La partita di oggi, sei entrato nel secondo tempo e si vince una partita difficile
“Sapevamo di avere delle difficoltà, ma l’importante sono i tre punti, fondamentali”
Cosa ti ha detto Ranieri prima di entrare?
“Niente di particolare, ho fatto il vertice baso al centrocampo a tre, poi abbiamo giocato in due con Vucinic in campo”
Cosa è successo alla Roma dopo il vantaggio nel primo tempo?
“Non lo so, le partite di inizio anno sono sempre difficili. Siamo partiti bene, poi siamo andati in dificoltà. Nel secondo tempo abbiamo ribaltato la partita per fortuna e per bravura. I tre punti li volevamo, giocando bene o male era importante vincere.”
Ti è dispiaciuto il gol del Milan e quanto senti tua questa squadra?
“Il mister lo ringrazio perchè mi da fiducia anche in momenti difficili. Io la sento mia questa squadra perchè sono cresciuto qui, mi sono sempre sentito parte del gruppo, sono felice di stare qui e voglio rimanere. Ma dipende dalla società. Sul Milan si poteva accorciare ma il campionato è ancora tutto da giocare. Nella battaglia metterei anche l’Inter, è un campionato aperto, si possono inserire altre squadre. Noi dobbiamo trovare continuità poi vediamo cosa succederà”
Il gruppo è competitivo, Vucinic entra dalla panchina e fa due gol
“Si, per raggiungere grandi obiettivi devi avere una grande rosa e noi l’abbiamo”.
ROSELLA SENSI ALLE RADIO
“Una vittoria importantissima contro un grande Catania che ce l’ha messa tutta. Bravi i miei ragazzi e bravi l’allenatore”.
“Grande carattere, alcuni giocatori hanno trascinato gli altri e questo va apprezzato. Ora diamo continuità. Voglio levarmi un sassolino se posso. Noi siamo in corsa su tutte le competizioni e abbiamo vinto a Milano invece durante le vacanze ho letto molte notizie che destabilizzano l’ambiente, c’è bisogno di serenità e di animi seri per il bene della squadra. Scusate ma stiamo tutti lavorando per il bene della Roma e queste notizie mi disturbano”
Partiti bene poi molta sofferenza…
“Si vedeva che la squadra c’era, e che volevamo il risultato. Su Vucinic? Non mi sono stupita di vederlo in panchina, decide il mister e anche su questo non voglio fare polemica. Lui è un professionista, una persona serena e seria”.
Un augurio ai tifosi…
“Auguri di salute e serenità a tutti, oltre che un futuro roseo anche per la Roma. Mi auguro di levarmi grandi soddisfazioni.
Okaka oggi ha segnato…
“Okaka è forte non ce ne accorgiamo oggi con il gol. Ha bisogno di crescere e questa era la nostra volontà”.
BORRIELLO A SKY
Sei d’accordo nel dare 5 al primo tempo della Roma e 7 al secondo?
“Adesso non voglio dare dei voti. Sicuramente non eravamo cattivi e reattivi come lo siamo stati nel secondo tempo. Nel secondo tempo siamo statti reattivi, arrivavamo su tutte le seconde palle. Siamo stati più bravi sotto porta, anche i gol sembravano facili ma c’eravamo. Eravamo reattivi di testa e di gambe. Una buona Roma nel secondo tempo”
La Roma ha vinto la partita con i quattro attaccanti in campo. Credi in questa possibilità?
“Non lo so lo dovete chiedere al mister. Sicuramente è una squadra con più qualità con quattro attaccanti, ma sicuramente il mister deve guardare ai suoi equilibri. Sono domande delicate a cui preferisco non rispondere”
Con le grandi avete sempre sfoderato grandi prestazioni. Significa che la Roma è pronta ad interpretare in maniea diversa questo campionato?
“Lo dico dall’inizio dell’anno: la Roma vuole vincere lo scudetto, più di questo non posso dire. E’ stata creata per vincere”.
BORRIELLO A MEDIASET PREMIUM
Era importante vincere oggi, un successo che fa morale e utile per l´obiettivo di salire sempre più su in classifica
“Assolutamente. Erano tre punti fondamentali, nonostante un primo tempo bruttissimo. Nella ripresa è uscito il carattere”
Vittoria targata Borriello e Vucinic. A proposito, come va la spalla?
“E’ lo stesso problema successo in Champions, mi è uscita un altro po’ ma sto abbastanza bene. Domenica dovrei esserci”
Roma che però ancora soffre ancora. C´è ancora qualcosa che va messo a punto.
“Dobbiamo giocare contro le squadre di medio livello con stessa attenzione che mettiamo contro l’Inter, il Milan, la Lazio”.
LE INTERVISTE AL TERMINE DEL PRIMO TEMPO
MAXI LOPEZ A SKY
Quanti sono i meriti del Catania e quanti i demeriti di una Roma che vi ha concesso molto spazio?
“Ovviamente essendo una squadra che se la gioca ti lascia spazio dietro. Noi ne abbiamo approfittato. Abbiamo sistemato bene la squadra e fatto gol quando dovevamo. Un primo tempo meritato”
Ti aspetti che il secondo tempo sarà diverso?
“Certo. Loro devono andare a prendersi la partita e noi dobbiamo cercare di non subire gol”
LE INTERVISTE DEL PREGARA
RIISE A ROMA CHANNEL
“Noi stiamo bene”
Nel 2010 bisogna ripartire dando la caccia ai rossoneri
“Certo noi ci crediamo, per lo scudetto è difficile perché stiamo a 7 punti dal Milan, se noi vinciamo delle partite vediamo, ma l’importante è oggi”
Oggi è importante perchè ci sono partite difficili per le altre squadre. Potrebbe valere doppio oggi
“Adesso il Mian è la squadra più forte, se noi vinciamo delle partite vediamo, ma oggi è la cosa più importante”
Non hai ancora segnato. Ti vuoi sbloccare oggi e magari fare un regalo al Roma Club Norvegia?
“Quest’anno ho giocato un po’ più in difesa, poi se viene il gol…per me l’importante è vincere”
MASCARA A ROMA CHANNEL
Gara difficile per voi
Siamo consapevoli del potenzaile della Roma. Sarà difficile, ma è una gara fondamentale
Fuori casa avete raccolto poco, ma avete fattograndi partite
Abbiamo fatto buone partite, ma a volte il Catania si piace
Come stai?
“Ormai da 10 giorni sono a pieno ritmo. Io voglio dare sempre il mio contrbuto”
MASCARA A SKY
Non sarai della partita. Perchè tanta sofferenza tra il rendimento in casa e in trasferta?
E’ da tanto tempo che purtroppo abbiamo questa mentalità. Una squadra come la nosta non può pensare in casa o fuori casa, dobbiamo giocare sempre allo stesso modo perchè ne siamo capaci e lo abbiamo dimostrato anche con squadre piuttosto importanti. Oggi c’è la Roma e devi fare la tua partita. E’ inutile venire qui e vedere loro che giocano
Roma vuol dire tanto per una bandiera del Catania: vuol dire salvezza e vuol dire anche quel 7-0. Come la vivi?
Ormai fa parte del passato. E’ inutile ricordarlo perchè fa male. Ormai siamo un’altra squadra, siamo cresciuti in questi anni di serie A e abbiamo un’altra mentalità. Sappiamo come affontare queste squadre
RIISE A SKY
La vittoria con il Milan può aver cambiato la storia di questo campionato?
Si ma se non vinciamo oggi la partita con il Milan non varrà nulla. Oggi è una partita molto importante per noi e anche domenica. Ma quella oggi di più
C’è questa notizia di un Roma club in Norvegia. Lo hai organizzato tu?
“Si un pò. La Roma è una bella città, una grandissima squadra, importante per i tifosi. E ne ha anche in Norvegia”
Quindi la Norvegia sta diventando un po romanista?
“Certo!”
BRUNO CONTI A SKY
La Roma come si approccia al periodo dopo la sosta?
“Dobbiamo sicuramente dimenticare la partita di Milano, cercando di fare qualcosa di buono visto il risultato della Juventus. Noi abbiamo dei precendeti con squadre con cui ottieni dei pareggi quando sulla carta sono alla nostra portata. Invece non è così. Dobbiamo cercare di entrare in campo concentrati con l’approccio giusto. Ogni partita deve essere come una finale. Non dimentichiamo che il Catania è dal 29 che è nel proprio centro sportivo a lavorare, a correre. Sono una buona squadra, Giampaolo li fa giocare bene. Dobbiamo rimanere attenti e concentrati”
Messaggi dal Cile?
Assolutamente si. Bertelli ha mandato un messaggio proprio adesso. Con il Pek sta valutando il lavoro che sta facendo e quello che si dovrà fare. Non voglio più parlare del “Pek” perchè sembra un caso ma non lo è. Aspettiamo solo che ritorni come ha detto Ranieri in conferenza che è la cosa più bella
Ranieri ieri in conferenza ha detto di volere di più dagli attaccanti, con l’eccezioni di Borriello. Chi tra le altre punte vede in crescita?
Marco è arrivato e si è inserito molto bene. MI aspetto qualche gol in più, per come sta giocando, da Menez e questo non lo voglio nascondere. Lo stesso Francesco ha cominciato a fre gol di nuovo. Per cui abbiamo giocatori importanti e questo è fondamentale per vincere le partite. Se segna il centrocampista o il difensore a noi va bene lo stesso, ovviamente anche agli attaccanti”
PULVIRENTI A  SKY
E’ tranquillo presidente. Questo campionato sarebbe perfetto se ci fosse qualche vittoria fuori casa.
“Noi dobbiamo salvarci, i punti maggiori dobbiamo farli al Massimino”
Maxi Lopez sarà ceduto?
“Maxi Lopez rimarrà con noi fino a giugno”
Ci spiega la mancata convocazione di Ricchiuti?
“Evidentemente l’allenatore non lo ha ritenuto in forma e non lo ha convocato. Non sono a conoscenza di altri fattori”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.