romanews-roma-james-pallotta-panchina-roma-pallone
Foto Getty

ROMA ROSA COSTI – Puntare sui giovani, costi più bassi con gestione oculata delle spese e un’importante accelerata sul fronte stadio: questa è la nuova politica della Roma. Tuttavia, secondo quanto riportato da Calcio e Finanza, i giallorossi avrebbero incrementato il costo della rosa da 167 milioni della scorsa stagione ai 203 attuali. La società capitolina infatti da questo calciomercato ha messo a bilancio una perdita di circa 15 milioni tra acquisti e cessioni. In particolare il monte stipendi, al lordo delle tasse, dovrebbe attestarsi a 112 milioni di euro, in aumento di circa 31 milioni di euro rispetto al 2018-2019 (+31%). Gli ammortamenti dei diritti alle prestazioni sportive dei calciatori dovrebbero invece essere pari a 79,9 milioni, in calo di 2 milioni rispetto alla stagione precedente (-3%).

La Roma avrà come impatto a bilancio circa 72 milioni per le operazioni in entrata, nelle quali l’acquisto Spinazzola rappresenta la spesa più esosa, mentre i guadagni a bilancio ottenuti dalle cessioni hanno fatto fruttare 55.5 milioni, ottenuti in buona parte grazie alla trattativa per l’addio di El Shaarawy che, oltre all’entrata dovuta dal prezzo del cartellino, ha fatto risparmiare 2 milioni netti di stipendio ai capitolini. Le plusvalenze saranno quindi fondamentali per riequilibrare la situazione.

14 Commenti

  1. Spinazzola “centro infermeria titolare” pagato un tantino troppo, ma vabbè che ce frega che importa c’avemo Petrachi c’avemo Pallotta

    • Lo scrivo da un po’. Dal 1 luglio prossimo qualunque scenario è contemplato. Anche quello che nessuno ha il coraggio di pronunciare. Loro venderanno, anche a poco, perché l’alternativa è ormai diventata la tragedia.

  2. L’unico club in Europa che cede ogni anno i giocatori migliori e nonostante ciò riesce a far aumentare i costi di gestione (monte ingaggi in primis).
    Fenomeni veri.

  3. Il problema ingaggi viene da lontano, da prima di Monchi, e nessuno dei DS romanisti dell’era Pallotta ci ha messo le mani veramente, a quanto pare neanche Petrachi lo sta facendo. La Roma ha privilegiato una politica di ingaggi molto alti in media, non tanto ai giocatori più “pregiati” quanto piuttosto agli altri, cioè i “gregari”, che alla Roma però diventano ” di lusso”. L’esempio più eclatante è Juan Jesus, cioè un giocatore modesto e, sostanzialmente, un panchinaro, che percepisce poco più di 3 milioni bonus inclusi. Una follia, anche perché poi gente così non la riesci a rivendere a squadre medie o basse (dove dovrebbero stare) appunto perché nessuno sano di mente darebbe più di 3 milioni a Juan Jesus, che da parte sua a decurtarsi lo stipendio non ci pensa proprio, ovviamente… La stessa cosa è accaduta con Bruno Peres e con altri calciatori, che la Roma per questa ragione non è riuscita a “smaltire”. Ciò è folle e questa politica di stipendi di lusso va cambiata nettamente, ma nessuno lo ha fatto. La media resta altissima e poi quando un vero top player (Allison ad esempio) chiede un ingaggio da top player la Roma dice che ” non può “… Il che è ridicolo, appunto. Se pensiamo che alla Lazio Milinkovic Savic adesso percepisce 3 milioni e Immobile credo intorno ai 2,5, beh al monte ingaggi della Roma c’è qualcosa che non va. E non mi pare che Petrachi stia prendendo il toro per le corna.

  4. +31 milioni rispetto all´anno scorso ? credo debban rifare i calcoli..prendendo per buone le cifre nette dei nuovi arrivi, calcolando imposte standard per i calciatori provenienti dall´italia, e imposte ridotte per i calciatori provenienti dall´estero che beneficiano del decreto crescita abbiamo: lopez 4,8 – spinazzola 5,5 – smallin 4,8 – mkhitaryan 4,8 – kalinic 4,8 – veretout 5,5 – zappacosta 3,7 – diawara 4 – mancini 2,5 – cetin 1,6
    per un totale di 42 milioni
    Per quanto riguarda i giocatori ceduti, svincolati, o dati in prestito con stipendio a carico di altri rispetto all´anno scorso si perdono i costi di stipendio di:

    manolas 5 – lu pellegrini 1,5 – elsha 3,7 – schick 4,6 – marcano 2,8 – nzonzi 5,7 – olsen 2,2 – karsdorp 2,8 – de rossi 5,6 – coric 2,4 per un totale di 36,3 milioni

    l´aumento é di 5,7 milioni, a cui si puó certamente aggiungere l´aumento rispetto all´anno scorso di alcuni contratti giá in essere prolungati (fazio,under,zaniolo,dzeko) quantificabile in 6 massimo 7 milioni lordi

    quindi siam ad un aumento rispetto all´anno scorso di massimo 13 milioni, non di certo di 31

    • La Roma ha tutti gli interessi a far risultare i costi più alti delle entrate, e a far girare vorticosamente tanti soldi con operazioni di trading continue.
      È tutto fatto così bene che nessuno saprà mai i reali costi di gestione della Roma.
      Ma dietro questo tipo di gestione c’è un perché, che i più smaliziati capiranno, i meno smaliziati invece aspetteranno, perché io non ho intenzione di avere problemi per cose che so ma che non posso dimostrare.
      Forza Roma, Pallotta dimettiti

  5. a parte che se il Lipsia va in champions, cosa probabile, scatta l’obbligo di acquisto di schick, e son 30 milioni, vanno aggiunti i vari soldini di Defrel, i bonus di Ponce, l’obbligo d’acquisto di Sadiq, e speriamo i bonus di elsha. son altri 20. Petrachi non poteva fare di molto meglio per mettere le pezze. completamente valido il discorso di mb: chi viene dall’estero non paga le tasse per intero. e poi veniamo alle note dolenti, lo dico da parecchio: il trading di giocatori significa che o lo fai vendendo a molto di più di quelli che poi riacquisti, o se vendi, e poi rispendi la stessa cifra o quasi, gli ammortamenti stanno sempre li, non si abbassano, e ristai da punto a capo. oppure fai una cosa seria: tieni la stessa squadra per 2-3 anni, e gli ammortamenti crollano, oltre agli ovvi benefici sul campo

  6. Avete ragione tutti….era meglio quando avevamo Chimenti, dal Moro Petruzzi Lucenti, Scapolo Tetradze ,Servidei…Frau …Fabio Junior Guatieri….quella si….che era una grande Roma.
    ..ma alla fine….io mangio uguale….bevo uguale….lavoro uguale….e sopratutto tifo As Roma uguale….

    • Urlopupa, mi sa che ti sei scordato aldair, zago, cafu, candela, Emerson, Samuel, batistuta, Tommaso, montella, Paulo Sergio, Totti mai venduto, de rossi mai venduto, Pizarro, vucinic, perrotta, del vecchio, Difrancesco, cassano, Balbo, Fonseca.
      E per quel che riguarda i cialtroni con cui tu ti identifichi ti ricordo che pippe ar sugo hanno comprato: piris, Jose angel, kijer, gago, heinze, bastos, Cole, nura, Sadiq, spolli, ibarbo, doumbia, yanga biwua, holebas, Bojan, grenier, marcano, Moreno, iturbe, Schick, stekelemburg, goicoicea, silva.
      E ce ne sarebbero tanti altri.
      Se tu sei un tifoso della Roma io sono l’imperatore del mondo.
      Fatela finita di sparare cavolate soggettive, la mala gestione di questa società è assolutamente oggettiva.
      Con i vostri elenchi da bambini delle elementari fate ridere e venite sbugiardati puntualmente.
      Io magno, bevo e faccio l’amore molto più di te che sei un poro sfigato che ancora crede che ci ha comprato l’americano ricco, e nun te sei accorto che Pallotta è Mr nessuno

  7. ciao redazione. deve essere successo qualche inghippo dopo il cambio che avete fatto ieri: non pubblicate più i miei commenti e quando riapro il sito ho i dati memorizzati

  8. Confermo le ottime considerazioni di mb sul fatto che le novità sui lavoratori impatriati hanno ridotto le tasse sui giocatori provenienti dall’estero (es. Smalling, mhtyryan). Quindi la forbice tra redditi lordi e quelli netti si è ridotto. La differenza di netti in aumento è di 13 milioni netti.
    Dati Calcio e Finanza per la Gazzetta dello sport e bastava una ricerca su internet per scoprirlo.

Comments are closed.