17 Settembre 2022

Abraham, partenza in folle: una big per decollare. Koopmeiners, jolly-goleador con la Roma sullo sfondo

Un giro in alta quota prima della sosta. La Roma si tuffa a capofitto nella 7a giornata di campionato, che la vedrà affrontare l’Atalanta attualmente capolista con Napoli e Milan (a 14). I giallorossi, a quota 13, puntano il sorpasso, ma, reduci anche dalle fatiche di Europa League, sarà tutt’altro che semplice. Servirà una performance corale, Olimpico compreso, e Mourinho avrà bisogno dei suoi tirati a lucido, tra cui Tammy Abraham. Gli orobici si presentano con qualche assenza, ma non rinunciano a Teun Koopmeiners, uno dei più in forma.

Roma, Tammy Abraham

Tammy tre punti. Un incitamento che quando si parla di Abraham parte quasi in automatico. Un coro confezionato non solo per il simpatico gioco di parole, ma perché il bomber numero 9, da quando è atterrato a Trigoria,  ha spesso risolto situazioni complicate. Quest’anno è partito un po’ in sordina, collezionando in campionato solo 2 reti, ma una di queste ha ‘salvato’ la Roma dal ko allo Stadium contro la Juve. “Può e deve fare di più”, Mourinho l’ha detto spesso, e Tammy stesso ha dimostrato di essere un attaccante da grandi numeri.

Non a caso ha totalizzato 29 centri in 60 partite in maglia giallorossa. In rosa non è capocannoniere (posto occupato da Dybala), per ora, ma di certo non gli manca il tempo per rimettere la quinta dopo qualche prestazione in folle. Le big, poi, lo ispirano. Proprio all’Atalanta il classe ‘97 ha rifilato 3 gol in due gare, e a questi vanno sommati altri 5 contro le grandi firme della Serie A sino ad ora (2 alla Juve, 2 alla Lazio, 1 al Milan). Una gara d’alta classifica, un Olimpico stracolmo d’amore, quale migliore occasione per tornare protagonista e lasciarsi alle spalle qualche piccolo ‘dosso’? Così il Leone d’Inghilterra può tornare a ruggire.

Atalanta, Teun Koopmeiners

Se si parla di centri Teun Koopmeiners ha iniziato a gonfie vele. Di ruolo centrocampista, è attualmente il capocannoniere dell’Atalanta, con 4 gol e 1 assist (e 8 passaggi chiave) in sei gare di campionato (i nerazzurri non hanno coppe europee quest’anno). Il 24enne olandese ha affrontato la Roma solo una volta, l’anno scorso, ed ha incassato una sconfitta. In questo ‘secondo round’ all’Olimpico arriva con un bagaglio realizzativo che fa concorrenza a molti attaccanti. E pensare che il giocatore di Castricum avrebbe potuto vestire la maglia giallorossa. L’estate scorsa Teun sembrava davvero vicino a Trigoria, ma poi la situazione si è evoluta diversamente e ora il centrocampo della Roma si trova davanti una bella sfida. Non solo goleador, sceso in campo sempre da titolare in questo avvio, Koopmeiners non si risparmia su nessun lato: è anche il primo in rosa per media km percorsi a partita (11,399), per occasioni da gol (9) e per tiri in porta (12). Insomma, un vero jolly a disposizione di Gasperini che lo considera un irrinunciabile.

M. Teresa Tonazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.