Foto Tedeschi

ROMA BODO GLIMT AVVERSARIA – Appena concluso il sorteggio dei quarti di finale di Conference League, l’urna di Nyon ha regalato ai giallorossi nuovamente il Bodo/Glimt, in una doppia sfida che per la Roma avrà il sapore di una rivincita, dopo il famoso 6-1 subito dai giallorossi in trasferta nella fase a gironi della competizione. Le due squadre si affronteranno il 7 e il 14 aprile, la partita di andata si giocherà in Norvegia mentre il ritorno verrà disputato allo Stadio Olimpico.

Prossimi impegni

Bodo/Glimt-Rosenborg (3/4/22)

Bodo/Glimt-Roma (7/4/22)

Sandefjord-Bodo/Glimt (9/4/22)

Roma-Bodo/Glimt (14/4/22)

Punti di forza e debolezze

Il punto di forza della squadra è indubbiamente il reparto difensivo. Nell’ultimo campionato disputato sono stati solamente 25 i gol subiti in 30 partite, numeri che hanno consentito alla squadra norvegese di conquistare il titolo nazionale e che dimostrano la compattezza della squadra. Anche l’attacco vanta numeri molto positivi, oltre che in patria anche in campo europeo, come testimoniano le 4 reti rifilate fra andata e ritorno a Celtic e Az Alkmaar, nella fase ad eliminazione diretta della Conference League.

Risultati e statistiche

Dopo aver conquistato il titolo per la seconda volta nella sua storia, il Bodo/Glimt ha ricominciato la preparazione nel nuovo anno in vista dell’inizio del campionato norvegese, che partirà fra due settimane. In questi mesi, oltre alle vittorie ottenute in Conference League, durante il ritiro svolto a gennaio in Spagna tra Alicante e Murcia ha ottenuto risultati positivi nei test contro Dinamo Kiev (1-1), Aahrus (1-0) ed Elfsborg (3-2). Superato anche il primo turno di Coppa Nazionale (3-0 all’Alesund), il Bodo/Glimt si presenta ancora imbattuto nel 2022 tra gare ufficiali e amichevoli. L’ultima sconfitta risale alla scorsa estate, al 2-1 incassato dal Pristina nei preliminari di Conference. Il prossimo 27 marzo l’ultima amichevole precampionato con il Molde, che precederà il debutto in campionato contro il Rosenborg del prossimo 3 aprile, a pochi giorni dalla sfida di andata contro la Roma.

I singoli

Sarà sicuramente una squadra molto diversa da quella affrontata nei gironi di Conference League, perchè in questi mesi il Bodo ha ceduto molti dei suoi giocatori più importanti: in primis Botheim, autore di 3 gol contro la Roma tra andata e ritorno, che si è trasferito a gennaio in Russia al Krasnodar, ma anche Berg e Bjorkan, passati rispettivamente al Lens e all’Hertha Berlino. Per sostituirli la società si è mossa sul mercato norvegese senza spendere soldi. Fra gli arrivi si segnalano Wembangomo, esterno arrivato a parametro zero dal Sandefjord e Espejord, attaccante ingaggiato in prestito dall’Heerenveen. È rimasto invece Solbakken, esterno che ha impressionato nel doppio confronto con i giallorossi.

Probabile formazione

Bodo/Glimt (4-3-3) Haikin; Sampsted, Moe, Hölbraten, Wembangomo; Vetlesen, Hagen, Saltnes; Solbakken, Espejord, Pellegrino. All.: Kjetil Knutsen

7 Commenti

  1. Non metto in dubbio le qualita’ di Mourinho ma l’anno scorso la Roma aveva 9 punti in piu e , tutto sommato, un buon gioco. Oggi mi sembra che giochi alla viva il parroco. Ma avete mai guardato bene Karsdorp ? Quanti passaggi indietro fa ? Secondo me sbaglia la porta.

  2. Zaniolo va aspettato.Vorrei vedere quanti di noi , dopo ben due interventi ai crociati di entrambe le ginocchia sono in grado di riprendere subito a pieno regime.Ci vorranno almeno 2 anni per avere il ” vero” Zaniolo.Nel frattempo come mai tutto questo tempo impiega Spinazzola per guarire ? Non vorrei che il solito professorone straniero gli ha rovinato la carriera come successe a Sstrootman.

  3. Secondo me la Roma ha l’obbligo di vincerla questa coppa. Per noi tifosi in primis che aspettiamo da 15 anni di rialzare un trofeo.
    E poi perché non capiterà mai più nella storia di ritrovarci a lottare contro un lotto di avversarie di livello medio-basso come quest’anno.

  4. La Conference League va portata a casa. Primo perché è sempre un trofeo da mettere in bacheca e secondo perché ti dà accesso diretto all’Europa League che è la coppa giusta per noi il prossimo anno….anche perché per il quinto posto c’è una grande lotta.

  5. Con il bodo abbiamo rimediato la figuraccia più umiliante della nostra storia, al ritorno un misero punto. Passare è un’impresa rendiamoci conto che il nostro livello attuale è bassissimo

Comments are closed.