23 Settembre 2022

Roma, a breve un’area pubblica intitolata ad un grande nome giallorosso

Roma, presto sarà intitolata un'area pubblica ad un volto del passato giallorosso

La città di Roma a breve intitolerà nuove aree pubbliche a varie personalità che, chi in un modo chi nell’altro, hanno segnato la vita della città come, ad esempio, l’ex assessore alla Cultura capitolino Renato Nicolini, Simonetta Cesaroni, vittima di femminicidio nel 1990, l’ex presidente della S.S. Lazio Umberto Lenzini e l’ex allenatore dell’AS Roma Nils Liedholm. Questi alcuni dei nomi che la Commissione Consultiva di Toponomastica, presieduta dall’assessore alla Cultura, Miguel Gotor, ha approvato e che passeranno ora all’esame della Giunta comunale.

Quanto alle aree proposte per le nuove intitolazioni, per l’allenatore della Roma dello scudetto del 1983, Nils Liedholm, l’idea sarebbe l’intitolazione dei giardini di via Gustavo d’Arpe, a Trigoria;

Il commento dell’assessore Gotor

“Sono molto soddisfatto del lavoro svolto dalla Commissione Consultiva di Toponomastica, che ringrazio – ha dichiarato l’assessore Gotor – un lavoro che ha portato all’approvazione di proposte di intitolazione di aree pubbliche della Capitale a figure che sono state molto importanti nella storia recente della vita della nostra città. A partire da quella dell’architetto Renato Nicolini, grande figura di amministratore pubblico, ‘padre dell’Estate Romana’, molto amato dai romani, allora come oggi, per il quale è stata scelta un’area di fronte alla sede del Dipartimento di Architettura a Valle Giulia. E poi Simonetta Cesaroni, la cui morte violenta a tutt’oggi senza colpevoli in sede giudiziaria segnò durevolmente la sensibilità e la memoria dei cittadini romani. Inoltre, con la proposta di intitolazione di due aree verdi, si è riconosciuta l’importanza per la storia sportiva capitolina di due figure che portarono a grandi successi le due squadre di calcio della Capitale, Nils Liedholm, allenatore della Roma del 1983 e Umberto Lenzini, presidente della Lazio del 1974″.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.