Riscatto Destro, Burdisso e Goicoechea fanno muro con la regia di De Rossi

16/01/2013 - 23:50

FIORENTINA-ROMA, LE PAGELLE – Una Roma in grande emergenza conquista le semifinali. Tiene bene il campo e, come le capita spesso ultimamente, spreca diverse occasioni. Il gol vittoria arriva nel primo tempo supplementare a ripagare gli sforzi di Destro unico attaccante di ruolo. Peccato per le due espulsioni di Taddei e Dodò.

Giulia Spiniello

 

GOICOECHEA 7 Primo tempo senza particolare problemi. Concentrato quanto basta, gestisce senza problemi. Nella ripresa un paio di svarioni con i piedi (non era il suo pezzo forte?) e un’incertezza a 8 minuti dalla fine che potrebbe costare caro alla Roma. Ma c’è ancora tempo per un’uscita con i pugni a spazzare l’area. Nei supplementari nega prima il gol su punizione ad Aquilani e poi compie un autentico miracolo su Cuadrado.

BURDISSO 7 Sarà la presenza di Marquinhos, o il nuovo modulo con i tre centrali, ma stasera appare in ottima forma: vince tutti i duelli, impeccabile in tutte le chiusure. Rimedia un giallo al 39′ per un presunto fallo su Jovetic ma il cartellino non lo condiziona: le prende tutte lui anticipando puntualmente gli avversari.

CASTAN 6,5 Fa a sportellate con Toni ed ha la meglio. Non evita il giallo di Rizzoli nel secondo tempo. Buona gara la sua, attenta e con poche sbavature.

MARQUINHOS 7 Torna al centro della difesa e la sua presenza si sente. Nel primo tempo sfiora anche il gol di testa in una delle sortite di avanti su calci da fermo. Gesto apprezzabile su Borja Valero all’85’ quando gli toglie il pallone dai piedi con un intervento pulito e tecnicamente imeccabile.

PIRIS 6  Interpreta bene il ruolo nel 3-4-3 improvvisato questa sera. Si propone in avanti e riparte così come è pronto a ripiegare nella difesa a 5 in fase di possesso palla avversario. All’80 lascia il posto a Taddei.

DE ROSSI 6,5 Prende in mano il centrocampo e sfiora il gol del vantaggio con uno dei pezzi migliori del suo repertorio, il colpo di testa. E il gol lo segna al 78′ se il guardalinee non annullasse tutto per fuorigioco. Nei supplementari va a occupare la posizione di intermedio sinistro dopo l’ingresso di Tachtsidis.

BRADLEY 5,5 Lavoro oscuro nel primo tempo per l’americano. Si fa notare invece nella ripresa per un brutto intervento su Borja Valero che gli costa l’ammonizione. Quando è chiamato a sostenere le azioni di attacco, si propone bene ma non riesce mai a rifinire con successo.

BALZARETTI 6 – Nel nuovo ruolo assegnatogli nel 3-4-3 bada più a difendere che ad attaccare. Sale meno rispetto al collega Piris, non è al meglio e si vede. Al 58′ la sua partita termina, al suo posto entra Dodò.

PJANIC 6 Il gioco nasce dai suoi piedi ma prova anche a finalizzare. Sfortunato sul tiro al volo al 12′, rimedia un giallo al 43′ ed era diffidato. L’ammonizione forse lo condiziona perché nel secondo tempo cala vistosamente, ma è lucido quando rifornisce Destro con l’assist gol del vantaggio romanista.

DESTRO 7,5 Unica punta di ruolo, si carica l’attacco sulle spalle. Impeccabile per impegno, svaria su tutto il fronte avanzata. Ricorda il miglior Vieri quando si porta dietro mezza difesa viola, peccato per il suo diagonale che finisce fuori. Va meglio da suggeritore, bravo a sfruttare un errore avversario e a mettere in area un pallone d’oro per Florenzi che sciupa colpevolmente. Potrebbe fare il colpaccio se Savic non si opponesse al suo pallonetto inventato al 3′ di recupero del tempi regolamentari. Non sbaglia, però, al 96′, un gol che sa di liberazione dopo la sfortuna delle ultime partite.

FLORENZI 6,5 Torna a giocare da esterno alto come gli era già capitato al Crotone. Si trova a suo agio nel ruolo va al tiro al 12′. Al 36′ viene ammonito per fallo su Jovetic. A inizio secondo tempo manca l’appuntamento con il gol in un’occasionissima creata da Destro. Come al solito ci mette cuore e polmoni a danno però della precisione sotto porta.

Al 58′ DODO’
5,5  -Sostituisce Balzaretti e va a occupare il ruolo di esterno nella difesa a 5 reinventata da Zeman. Le scintille con Cuadrado sul finire di match gli costano il rosso diretto. Lascia la squadra in 9 dopo l’espulsione di Pjanic.

All’80 TADDEI 5,5
– Entra al posto di Piris e mette a disposizione tutta la sua esperienza nonostante non sia al 100%. Al 114′ si fa ammonire per aver allontanato il pallone dopo il fischio dell’arbitro e due minuti dopo l’arbitro non gli perdona un intervento su Borja Valero che gli costa il secondo giallo e l’espulsione.

Al 101′ TACHTSIDIS S.V. Va occupare il suo ruolo da regista centrale, ma no combina molto.

ZEMAN 7 – Cambia modulo e propone un inedito 3-4-3 per adattarsi alla esigenze di una rosa in emergenza. Nel primo tempo la squadra tiene bene il campo ed ha più di un’occasione per andare in vantaggio. Nel secondo tempo lascia troppo spesso l’iniziativa ai viola e la difesa non riesce ad alzarsi come lui vorrebbe.

 

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*