25 Aprile 2018

Rio Ferdinand: “Di Francesco si prenda le sue responsabilità: ha abbandonato la squadra”

FERDINAND LIVERPOOL ROMA – Una volta grande difensore, oggi opinionista televisivo che spesso fa discutere. E’ la parabola dell’ex Manchester United Rio Ferdinand, che nel post-gara di Liverpool-Roma non ha perso occasione per attaccare Eusebio Di Francesco per la sconfitta di stasera ad Anfield ai microfoni di BT Sports: “Penso che l’allenatore della Roma debba prendersi la piena responsabilità per il risultato di stasera. Non molto spesso si dice che un allenatore ha la totale colpa per la prestazione di una squadra. Credo che oggi abbia abbandonato i suoi giocatori nel modo in cui li ha messi in campo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

16 commenti

  1. giovanni ha detto:

    Sono completamente d’accordo.
    Ha dimostrato di essere un dilettante.
    Anche un principiante avrebbe fatto raddoppi fissi su salah e ordinato pressing sui centrocampisti.
    I giocatori della roma vagavano nel campo senza meta. Bella roba.

  2. Blek ha detto:

    Daccordissimo! La cosa più sconcertante è perchè sia intervenuto sulla squadra così tardi!

  3. Dodo ha detto:

    Ma che state a di)! Ma secondo voi DiFra non sa come gioca il Liverpool? Non ha preparato la squadra in modo tale da minimizzare i movimenti delle tre punte?
    Vorrei sapere tra tutti questi soloni che scrivono o commentano, chi, dopo i primi 25 minuti pensava ad una svolta della partita in questo modo.
    Le cause sono altre e prima di tutto nella testa di questi giocatori. Cerchiamo di capire perché ad un certo punto si è spenta la luce. cerchiamo di capire perché le punte non tenevano un pallone e questo dava al Liverpool la possibilità di ripartire sempre senza fermarsi mai.
    Loro sono forti, fortissimi, ma non imbattibili. Era chiaro che se la partita durava altri minuti la Roma avrebbe fatto anche il terzo gol, e questo ci deve dare la speranza per il ritorno.
    Sempre Forza Roma.

    • rois ha detto:

      Si….e dopo il terzo facevamo il quarto, poi il quinti ed infine dopo 300 minuti (e con Salah in panchina) avremmo pareggiato. La speranza è l’ultima a morire ma la realtà è che nella gara di ritorno (in cui per forza di cose dovremo fare una partita votata all’attacco) rischiamo un’altra imbarcata. Cancellatevi dalla testa Roma-Barca che è evidente che quella partita vi annebbia il giudizio.

    • Andrej Mrevlje ha detto:

      Si, vabbe, ma quando il Liverpool ha cominciato di verticalizzare saltando il muro di centrocampo romanista, si e trovato nello spazio aperto con la difesa a tre in piu un Jesus balante. Doppo due gol subiti doveva capire questo, o no. No invece ha aspetato fino a 5:0, e poi siamo stati graziati di Klopp.

  4. Enok ha detto:

    …”Opinionista che fa discutere” dice il commento. Lui almeno lo fà e ha ragione. Avrebbe dovuto dire le “pu…..nate” che scrivete voi?!? Lei sig. articolista..«Tagliaboschi » lo è di fatto.

  5. Ugo ha detto:

    Ma siamo seri o no?
    Eravamo tutti d’accordo che il 3-4-2-1 che avevamo proposto contro il Barça era il modullo giusto per questa Roma.
    Anche DI Fra lo pensava.
    Sbagliato.
    Abbiamo sbagliato tutti.

    Ha cambiato a partita in corso e abbiamo fatto molto meglio.
    Forse un po’ tardi ma comunque bravo.
    Al 5-0 pensavo di più a tante partite di oscure memorie e non tanto a 2 gol della Roma.
    Quindi, bravi i giocatori e Di Fra per la reazione. Qualcosa lo abbiamo imparato quest’anno.

    La partita è iniziata bene ma il Liverpool ha saputo saltare il centrocampo e cercare direttamente i suoi fenomeni, Salah Firmino, a partire dal 20o minuto.
    Noi siamo andati in difficoltà perché i nostri difensori non sono rapidi quanto i loro attaccanti e hanno pure giocato molto male.
    Non dimentichiamo che il terzo gol è in netto fuorigioco (Salah all’inizio dell’azione) e che il primo gol non sarebbe stato assegnato in Italia (e qui, dobbiamo migliorare, non fermandoci mai perché in Europa, lasciano spesso giocare di più).
    Bella reazione comunque.

    Non dimentichiamo che Di Fra è alla sua prima esperienza in Champions.
    Ha battuto Chelsea, Barça e Shakthar. Non male direi!

    Quindi, testa al Chievo ormai e ci giocheremo pure il ritorno.
    Se possiamo farlo non lo so e ci credo poco ma comunque andrà, quest ‘anno è stato un bel passo in avanti per la Roma per la visibilità e le finanze del club, ma abbiamo guadagnato anche un po’ di esperienza di certi appuntamenti.

    Solo e sempre Forza Roma!

  6. Roberto Suardi ha detto:

    Purtroppo con le squadre inglesi in casa loro ci vogliono 3 cose….corsa,velocità e precisione….quando vengono a mancare soccombi!!!

  7. Maz79 ha detto:

    Forse possiamo rimproverare al mister il cambio troppo tardivo del modulo, già all’inizio del secondo tempo avrebbe dovuto cambiare, ma è facile parlare seduti sul divano, ha pagato l’inesperienza a certi palcoscenici, ma fino ad ora anche quando abbiamo preso sonori schiaffoni , grazie al suo credo, non abbiamo mai abbassato la testa di fronte a nessuno, e alla fine con la tigna l’abbiamo sempre spuntata, e pure stavolta possiamo e dobbiamo crederci, e ringraziare difra per l’orgoglio e la speranza che quest’anno ci ha riportato

  8. Spaccia 62 ha detto:

    Giocare con la difesa 1 contro 1 per noi è stato devastante. I primi 25 minuti quando noi abbiamo giocato a 2 tocchi loro erano in difficoltà, poi di colpo alla prima vera loro scorribanda abbiamo perso sicurezza ed ogni nostro giocatore portava troppo la palla chiudendosi in spazi o linee di gioco chiuse, la cattiveria ci è mancata e prima che Di Francesco capisse cosa avveniva eravamo già 2-0 per loro. La colpa è di tutti nessuno è da salvare ma il lavoro da seguire è nella testa dei giocatori che ancora una volta si sono dimostrati anarchici. Il calcio è un bellissimo sport di squadra e noi dobbiamo lavorare molto per diventare una squadra vera. Ieri sera a tratti lo siamo stati , bisognerà lavorare per dare continuità sul lavoro. FORZA ROMA SEMPRE.

  9. Bufalo ha detto:

    Dopo la doppia gara con il Barcellona Di Francesco era un fenomeno ora è un dilettante ……ma …. FORZA ROMA

  10. embè ha detto:

    Non riesco a dare la colpa a Di Francesco. Cosa conta la tattica quando dal 20′ spariscono attenzione e applicazione così senza alcun preavviso? Il secondo gol è tutto di Manolas, il nostro migliore difensore che perde il contrasto con il loro numero dieci è gravissimo, va detto, altro che Di Francesco. Quel tipo di contrasto è “facile”, avvantaggia sempre il difensore, Manolas non solo lo perde ma non ha nemmeno la lucidità di fargli fallo. Aveva fatto (quasi) la stessa cosa sul primo contropiede di manè. Il primo gol è di Dzeko, 5 compagni liberi e incaponirsi a tenere palla sotto pressione, lui che non è un ghepardo, è un invito a farsela rubare la palla. Sul quinto gol dov’è la bravura del Liverpool? Dov’è la vergogna di Di Francesco?
    Il centrocampo di ballerine è colpa di Di Francesco?
    Ormai sono anni che si ripete ciclicamente questa storia. Ai nostri a un certo punto gli si chiude la vena, anche durante la partita. Con la tattica che ci fai? Io sono convinto che ieri Salah con noi avrebbe fatto la fine di Under, non avrebbe mai trovato gli spazi che gli abbiamo concesso noi, dando per assodato che la strategia di Di Francesco non prevedesse certamente di concedergli le praterie.
    Questa era l’occasione della loro vita, se non la coglievano ora quando allora? Il Liverpool in difesa ha limiti enormi, il ragazzino a destra non ci ha capito più niente da quando la Roma si è liberata dei suoi fantasmi, e come lui i centrali in mezzo a Dzeko, Schick e Nainggolan.
    L’unica cosa che da fuori mi permetto di imputare a Di Francesco è che conoscendo la rosa della Roma lui dovrebbe cercare di limitare al minimo i rischi. Voglio dire, chi guarda le partite della Roma sa, o pensa di sapere, che in rosa ci sono dei calciatori che presentano delle problematiche, per un motivo o per un altro. Tra questi giocatori c’è anche Juan Jesus, secondo me un buonissimo calciatore, ma uno di quelli da cui non sai mai che aspettarti. Se sommi potenziale problematica (juan jesus) a potenziale problematica (De Rossi) a possibile problematica (Strootman) a altra problematica, il rischio che il castello di carta che ti sei costruito ti crolli da un momento all’altro è forte.

    E comunque tutto ciò che si scrive oggi, mercoledì prossimo sarà diventato mondezza.

    Perché passa LA ROMA.

    E’ una sensazione. Se non passa non vengo più a rompervi su RN.

    FORZA ROMA,

    Pallotta go home.

  11. Blek ha detto:

    Amici miei, anche lui nelle interviste ha ammesso che la difesa a 3 è stato un errore

  12. pollice ha detto:

    E’ LA ROMA CHE CONOSCIAMO. NON CREDO CHE SIA SOLO COLPA DELL’ALLENATORE.
    AL RITORNO SACRIFICHEREI UN GIOCATORE SU SALAH, O PIU’ GIOCATORI .
    A UOMO SU QUESTO GIOCATORE CI METTEREI NAJNGOLLAN A SEGUIRLO OPPURE FLORENZI O TUTTI E DUE A SECONDA DELLE ZONE DEL CAMPO.
    SENZA QUESTO GIOCATORE E L’ATMOSFERA DI ANFIELD ROAD POSSIAMO BATTERLI.

  13. massimo ha detto:

    Buonasera,
    permettetemi di criticare il solito atteggiamento un po’ arrogante che ha sempre contraddistinto la Roma nei momenti migliori.
    Manca sempre il pragmatismo , in certe occasioni è necessario. Andare a Liverpool con attaccanti veloci come U.Bolt e giocare a 3 non rientra nei casi del manuale del buon allenatore.
    Purtroppo la storia si ripete (ricordate Manchester).
    Un tifoso pragmatico,bresciano e Romanista da 40 anni

  14. Enok ha detto:

    …e minkia, è arrivato al 70° e un passivo di 4-0 (poi 5-0) per cambiare il modulo di difesa e sostituire qualcuno?!? Ma non era già sufficiente l’ 1-0 per farlo?!? Qualunque allenatore lo avrebbe fatto…appunto allenatore!!