FOCOLARI: “Ibanez è stato imbarazzante”; MAIDA: “Se El Shaarawy sta bene, gioca in attacco”

Manuela Fais
29/05/2023 - 9:49

FOCOLARI: “Ibanez è stato imbarazzante”; MAIDA: “Se El Shaarawy sta bene, gioca in attacco”

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Lengua a Radio Radio Lo Sport: “Ti servono i gol ed El Shaarawy ha le qualità giuste per farlo. Ha dimostrato di essere un giocatore che sposta ed inquadra la porta. L’unico è Dybala, che però sta male. Ad oggi non si può rinunciare al Faraone, il Wijnaldum di adesso non mi sembra un giocatore indispensabile.”

Camelio a Radio Radio Lo Sport: “Io mi sento di dire che ad oggi gioca Roger Ibanez, vince la staffetta con Llorente. E’ vero che Belotti non segna mai, ma tiene palla di più e gioca per la squadra. Tra lui ed Abraham metterei il primo dall’inizio.”

Maida a Radio Radio Lo Sport: “Se El Shaarawy sta bene, gioca in attacco insieme ad Abraham. 5-3-2 e passa la paura. Ad oggi Bove è meglio di Wijnaldum, ma non credo che verrà impiegato dall’inizio.”

Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Dybala? In una finale un sacrificio lo fanno veramente tutti. La partita sarà molto tattica, il Siviglia è capace di ribaltare la situazione in 15 minuti, bisognerà essere concentrati. Nelle scelte sarà da studiarsela bene, contro la Fiorentina ho visto tre giocatori in difficoltà: Zalewski, Celik e Ibanez. Mourinho ha ancora 48 ore per fare le scelte giuste. Le finali vengono decise spesso da un episodio o dalle giocate di un grande campione, e Dybala lo è. A me preoccupano gli esterni della Roma, sono ruoli fondamentali e delicati. Vediamo se Spinazzola sarà in grado di dare una mano perchè ce n’è bisogno. Ibanez è in una situazione mentale difficile, ogni volta che c’è da risolvere una situazione lui va in difficoltà e a Firenze è stato clamoroso con la palla al piede.”

Agresti a Radio Radio Mattino: “Io Dybala me lo aspetto in panchina, penso che possa giocare nella parte decisiva: l’ultima mezz’ora. O anche quando gli spazi aumentano, gli spazi sono più lunghi e gli avversari sono stanchi perchè in quel momento la sua rapidità può fare la differenza. Non me lo aspetto titolare, mi stupirei se succedesse. Devi mettere in conto che dopo un’ora lo devi togliere. Mi tengo in panchina l’uomo che può essere decisivo. Ibanez a me è sempre piaciuto tanto ma sbaglia troppo. Pensa se fa un errore clamoroso in finale… E’ un giocatore che ha delle grandi qualità ma non è affidabile, io un difensore così penso sia un pericolo. Llorente mi sembra un giocatore stabile e affidabile, non avrei dubbi su chi scegliere.”

Orsi a Radio Radio Mattino: “Non penso che Dybala stia bene, anche per quanto riguarda la paura di entrare in campo e farsi male. Lui è uno che sterza parecchio e potrebbe sollecitare la caviglia. Può darsi pure che giochi titolare, ma è ovvio che devi un po’ accettare certe scelte e fare comodo a venti minuti dalla fine. Tutti gli errori che ha fatto Ibanez sono individuali, per me è un grande difensore ma deve limare queste cose. Llorente meglio di Ibanez io non ci credo: Ibanez ha sbagliato clamorosamente, ma non ha sbagliato tatticamente.”

Focolari a Radio Radio Mattino: “Se sono vere le cose che abbiamo saputo su Dybala fino ad oggi, non è in condizioni esaltanti. Sta meglio e può giocare ma senza preparazione. Se lo metti dall’inizio a un certo punto perde fisicamente. Meglio pensare a un finale di partita incandescente, con eventuali rigori con Dybala in campo. Per contare gli errori di Ibanez non bastano due mani. L’ultima partita è imbarazzante, non mi stupirei se vedessi Llorente. Non si può sbagliare in questa partita.”

Vedi tutti i commenti (4)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Quali sono gli errori capitali che può compiere una squadra in fase difensiva?

    1) centrali che non saltano di testa (incrociano le dita e puntano sulla dea bendata)

    2) portieri che non escono e ti fanno prendere gol da pochi metri dalla riga di porta

    3) esterni che non si oppongono mai e dico MAI ai cross avversari né chiudono la diagonale

    La Roma, in particolare con la Fiorentina (millesima sconfitta in stagione, contro una squadra con organico eccezionale evidentemente…) ha commesso tutti questi errori: uscito Smalling, finita la capacità di difendersi in maniera decente, come il credo calcistico mouriniano imporrebbe. Della fase offensiva ne parleremo più in là. FORZA ROMA!

  2. Ragazzi il Siviglia forte o non forte o forte come vi pare, ma è undicesimo nel campionato spagnolo.
    È chiaro che il calcio è un mistero a volte imperscrutabile, però per me la forza di una squadra, il suo vero valore, si parametra sempre dalla posizione che occupa nel suo campionato.
    Quando ci racapita una finale contro una undecesima del suo campionato?

    Preferisco un generale fortunato ad uno bravo”
    – Napoleone Bonaparte.

    Probabilmente la stessa cosa vale anche per gli allenatori

    1. Si ma da quando è cambiato l’allenatore ha il miglior rendimento assoluto tra campionato e coppe ed è ancora in lizza per un traguardo europeo quando prima era in zona retrocessione.
      Ha una rosa più completa dell’Inter, in Europa ha stracciato il Manchester United e battuto la Juventus. La Roma invece è settima in classifica e ultima nella ultime sette partite dove ha racimolato solo 3 pareggi persino la Sampdoria ha fatto meglio. Se contasse il campionato il Siviglia già festeggia oggi. L’unica cosa positiva è il nostro allenatore per il resto siamo perdenti al 100%

    2. Ragionamento che non ha nè capo nè coda. In una singola stagione ci sono più stagioni, e la loro è iniziata quando hanno cambiato tecnico. Con questo tecnico hanno un rendimento ottimo, sia in campionato dove sono risaliti dalla zona retrocessione, sia in Coppa dove hanno battuto le favorite alla vittoria finale.

      Noi invece siamo nella fase peggiore possibile, in 7 partite solo 3 punti, calciatori appena recuperati o ancora convalescenti, capacità di fare gol prossime allo zero e difensivamente una volta è Ibanez, un’altra Zalewski, un’altra Spinazzola, tolta la difesa estrema del risultato in Germania non sembriamo nemmeno più così solidi.

      Io direi che tra le due è il Siviglia che sta ringraziando di aver beccato la Roma in finale, non viceversa, per una volta cerchiamo di essere oggettivi..

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...