SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Che la società debba fare di più lo pensiamo tutti. In estate c’è stato un buon mercato, ma mi aspettavo di più. Per andare incontro alle esigenze di Mourinho, ma non solo, anche della squadra. A me non persuade che le responsabilità sono della società, dei giocatori che sono scarsi e che Mourinho sia esente da critiche. Lui è nel progetto, qualche critica può prendersela. Ciascuno di noi aveva detto che il solo arrivo di Mourinho avrebbe portato punti. Ora questa cosa si misura in tutta la stagione, però mi aspettavo una Roma un po’ più tosta”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Io giustifico Mourinho. Lui parte il mercato con Xhaka, non Kanté. Questa Roma ha punti come Fonseca? I numeri sono relativi. La Roma è più forte dell’anno scorso, Mourinho quel qualcosa in più te lo sta portando.”

Marione a Centro Suono Sport: “Misà che Zaniolo con il Napoli non gioca. Con il Bodo poi lui non può rischiare nessuno. A una Roma che ha 13 giocatori la Conference ci massacra. Se la vincessimo ovviamente saremmo felici, ma adesso ci massacra. Peccato, Zaniolo lo vedevo bene nella difesa del Napoli, con la sua corsa e cattiveria. Però Mkhitaryan se è in giornata va. Pérez ce la mette tutta, corre, ma è tutto fumo. Penso che la Roma vinca con il Napoli, non si può perdere anche con Spalletti.”

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Mi dispiace tanto per Zaniolo, questi rallentamenti sono pesanti perché già la sua struttura gli dovrebbe dare la possibilità di dare continuità, questo gli manca. Ha fatto vedere cose buone, speriamo che le cose si possano aggiustare e che possa ritrovare la sua condizione ottimale. È già tanto che non ci siano complicanze, ora bisogna andare per gradi. Giusto confermare Veretout dal dischetto.”

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Zaniolo preoccupa tutti, sappiamo i problemi del ragazzo, lascia tutti in apprensione. Lo vedi giocatore alcuni minuti e ti rendi conto di che potenziale hai in mano. Però non arriva alla fine della gara. È un problema, va gestito nel migliore dei modi perché è un patrimonio, della Roma e del calcio italiano. Deve essere forte psicologicamente, dev’essere dura. Mettiamoci nei suoi panni, lui sa di avere questa potenzia e boom si blocca, dal punto di vista psicologico ti distrugge. Assurdo mettere in discussione Veretout, è il miglior rigorista del calcio italiano.”.

Stefano Agresti a Radio Radio Mattino: “Zaniolo dev’essere preservato per se stesso, con quello che ha passato nessuno deve forzare la mano, e deve avere anche lui la forza di non forzare la mano. È normale che abbia scompensi dal punto di vista muscolare e anche psicologico, non è facile mettersi alle spalle due anni di inattività. Deve essere un anno di transizione per lui dal punto di vista fisico. Non si può discutere Veretout che sbaglia un rigore, quando li segna sempre.”.

8 Commenti

  1. Ero certo che Zaniolo si sarebbe fermato.Non può fare quel lavoro massacrante uno con due crociati in due anni e che gioca sui raddoppi dello scatto.Mourinho lo deve far giocare dieci metri dentro e vicino ad Abraham.

  2. Sono veramente scandalizzato: su transfermarket il giocatore più “caro” della rosa è Pellegrini (45 mln): ma come si fa? Dicono tutti che è uno scarsone

  3. Già tutti a commentare in negativo eh? Fatela finita che portate iella. La Roma è questa e Mourinho fa di necessità virtù. I Friedkin hanno sborsato centinaia di milioni per il risanamento, e adesso prenderemo altri giocatori per rinforzare la rosa. La vera partita persa è quella di Verona. Al derby abbiamo bucato certamente la prima mezz’ora, ma con la Juventus c’era ALMENO il pareggio. Animo avanti e FORZA ROMA SEMPRE!

Comments are closed.