Darboe, l’agente: “Prestito? Non ne ho parlato con la Roma”

Alessandro Tagliaboschi
05/08/2021 - 18:03

Foto Tedeschi
Darboe, l’agente: “Prestito? Non ne ho parlato con la Roma”

PRESTITO DARBOE – Ebrima Darboe non partirà in prestito. A confermarlo è l’agente del centrocampista classe 2001: “Quando leggo sui giornali di ipotesi prestito o di favole finite per lui, mi viene sempre il sospetto che quando si parla di mercato, di trasferimenti o rinnovi si perda un po’ la misura delle cose – le sue parole a Calciomercato.com -. La Roma non ci ha mai parlato di ipotesi prestito e Ibra è concentrato completamente sul suo percorso nella Roma. Fare bene e lavorare con l’allenatore e la squadra ogni giorno. Questo solo conta adesso. È un calciatore in continua crescita che scende in campo in ogni partita mettendo tutto il suo talento e il suo impegno con sacrificio e amore per questa maglia”.

Leggi anche:
Dall’Uruguay: accordo totale tra Roma, Palmeiras e Nacional per Vina. Ora l’annuncio

Presto ci sarà un incontro con Tiago Pinto: “Troppo presto si bruciano calciatori senza avere nessun elemento tecnico. Questo non può accadere a Ibra che resta focalizzato sul suo percorso nella Roma con Mourinho. Incontreremo Tiago Pinto nei prossimi giorni e parleremo di tutto e saremo noi a fare dichiarazioni, nessun altro”.

Vedi tutti i commenti (3)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

    1. forse si.
      ma parlare di personalità no, però…
      e mi pare lo abbia dimostrato nelle (poche ma quasi tutte buone) partite che ha giocato nello scorso finale di stagione; ricordi il derby, vero?
      e mentre un giocatore con il solo talento può al massimo andare a fare i palleggi al circo Togni, avere personalità e sicurezza in se stessi, nel calcio, è una cosa fondamentale, altrimenti Gattuso non avrebbe vinto champions e mondiali da titolare…
      che poi Ibra abbia bisogno di lavorare parecchio siamo tutti d’accordo, e personalmente, ritengo che un anno in prestito in una “bassa” serie A o in un “alta” serie B, non potrebbe che fargli bene per la sua crescita calcistica