7 Giugno 2022

Pistocchi: “Matic ottimo per fare risultati subito. La Roma ha un buon vivaio su cui puntare”

PISTOCCHI ROMA NSL – Maurizio Pistocchi, giornalista, è stato intervistato ai microfoni de “il Diabolico e il Divino”, trasmissione condotta da Giuseppe Falcao, Simone LP e Gabriele Ziantoni in onda su New Sound Level 90FM. Ecco, di seguito, le sue parole:

Pistocchi su Matic e il mercato della Serie A

Nemanja Matic sembra stia per diventare un giocatore della Roma, quindi fuori Mkhitaryan e dentro lui, è una cosa positiva?

“Matić è un buon acquisto dal punto di vista tecnico e fisico, un colpo importante per fare risultati. Un po’ come successe con Ibra nel Milan.”

Sono due giocatori diversi, Mkhitaryan fa meglio alla metà campo in su, Matic dalla metà campo in giù.

È molto forte fisicamente, tecnicamente, ha un bel tiro da fuori. Ricordiamoci poi che chi gioca in Premier League va a un altro livello rispetto a quelli del campionato italiano. Dal punto di vista tecnico è un buon acquisto, si potrebbero fare tanti altri discorsi, tipo che il nostro è diventato un campionato dove arrivano molti giocatori a fine carriera, ma va detto che questi giocatori sono stati determinanti per vincere, guardiamo l’esempio di Ibrahimović, quando è arrivato il Milan era molto diverso, è cambiato soprattutto grazie al suo arrivo, con la sua filosofia vincente.

Portare questi giocatori è positivo, poi non si può dire che Mourinho sia incentrato sui giocatori anziani, guardiamo Zalewski, quella di Matić è un’operazione compatibile con la Roma che deve fare i risultati, non solo divertire il pubblico.

La Roma è su Cuadrado, pare sia in fuga dalla Juve e che chieda quattro milioni, è un acquisto da salto di qualità?

“Cuadrado è il giocatore più importante della Juve, è migliorato tantissimo, ma vista l’età non so se gli darei i soldi che chiede. La Roma dovrebbe puntare sul vivaio”

Cuadrado è stato il giocatore più importante della Juve in questi anni, è disequilibrante, è cresciuto moltissimo, fortissimo nell’uno contro uno.

Ricordo un aneddoto, vero, che Cuadrado era stato preso dall’Udinese e girato in prestito al Lecce, io dissi a Marino, direttore dell’Udinese, di riportarlo perché era fortissimo, e lui mi disse che non sapeva difendere, è migliorato anche lì.

L’unica incognita è che anche lui ha una certa età, se dovessi dare così tanti soldi a un giocatore di quell’età un pensiero ce lo farei, 4 milioni sono tanti.

Ho visto recentemente l’under 17 della Fifa e ci sono giocatori fenomenali. Una società come la Roma potrebbe portare qualche giocatore dal vivaio, che è di altissimo livello, in prima squadra. La primavera ha avuto tanta sfortuna con l’Inter. Ha sempre avuto un gran settore giovanile

Che mercato ti aspetti? La Juve parla di Pobga, Milinkovic. L’Inter dovrà cedere, il Milan ha appena cambiato società, il Napoli con la cessione di Koulibaly. Sembra un mercato con tante cessioni.

“La Juve non ha problemi a fare un altro aumento di capitale, chi ha le potenzialità i colpi li farà”

Di soldi ce ne sono pochi ma non bisogna dimenticarsi chi è il proprietario della Juve, è un conglomerato che fattura miliardi e miliardi. Per la Juve non è un problema fare un altro aumento di capitale.

Per ora ci sono due realtà, una, che è la Juve, che anche di fronte e stagioni come questa, fallimentare, non ha problemi, prenderà giocatori molto forti. Potrà avere problemi a rinnovare certi contratti, vedi De Ligt, che non si dimezzerà lo stipendio. Poi ci sono gli altri, che vivono in realtà del tutto diverse, ci sono bilanci tragici, volontà di ridurre monte ingaggi, vedremo un mercato particolare. Chi ha le potenzialità i colpi li farà, chi non le ha non li farà.

Vicenda Sabatini-Salernitana. Quanto è importante un direttore sportivo oggi?

“Sabatini ha fatto un miracolo. Nel calcio di oggi ci sono dinamiche non compatibili con una certa etica, le società rischiano di perdere tanti giocatori a zero”

Io credo che Sabatini abbia fatto un miracolo a Salerno, erano retrocessi a gennaio e riuscire a salvarla vuol dire aver fatto un capolavoro. Poi ci sono dinamiche non compatibili con una certa etica ma che oggi non sono più una tantum.

Raiola cercava la commissione con Pogba e alla Juve l’ha trovata.

Se si stanziasse un monte ingaggi sarebbe un mondo perfetto, ma c’è sempre quello che è pronto a pagare per vincere, in questa situazione poco etica le società sono “cornute e mazziate”.

Oggettivamente la situazione è complicata perché le società rischiano di perdere a zero certi giocatori.

Si potrebbe fare un gentleman agreement tra le società e ci dovrebbe essere molta rigidità tra chi controlla per verificare che le commissioni siano giuste e non estorsioni vere e proprie.

Pensi che per l’Inter sia possibile l’operazione Lukaku?

“Sarebbe un’operazione da Oscar, ma io vedo meglio Lautaro in coppia con Dybala. L’unica cosa interessante detta da Allegri a Dazn è che Dybala non è Messi…”

Se Marotta riuscisse a fare un’operazione del genere bisognerebbe dargli un Oscar.

Il discorso che faccio è diverso, abbiamo visto pregi e difetti di Lukaku, in Inghilterra ha fatto fatica, io credo che per l’Inter sarebbe più fattibile un’accoppiata Dybala-Lautaro.

La situazione Pogba e la situazione Lukaku sono diverse. Pogba lo hanno preso a zero al suo arrivo alla Juve, Lukaku invece no, se lo vogliono lo devono pagare. L’unico modo mi dicono sia un prestito con un pagamento rateale a seguire, non è un’operazione così complicata.

Lautaro per me è uno dei primi attaccanti europei, l’ho visto tante volte giocare anche in Argentina ed è davvero forte per me e se lo metti con uno con caratteristiche diverse, parlo di Dybala, può diventare un’accoppiata devastante. Dybala non è Messi, su questo aveva ragione Allegri, una delle poche cose d

interessanti dette nell’intervista a Dazn, Se ho un allenatore che prende 9 milioni all’anno e dice che l’importante è solo vincere, che non importa il gioco, allora non gli do 9 milioni all’anno, 500mila sono già abbastanza (ride, ndr)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 commento

  1. pok ha detto:

    la roma ha (ed ha sempre avuto) un buon/ottimo vivaio ….
    da regalare per 2 spicci così da pagarsi ogni anno le bollette di trigoria
    salvo poi pentirsi dopo pochi anni
    chi continua a ripetere gli stessi errori, continuerà ad ottenere gli stessi risultati
    (quando non c’è una strategia, quando non c’è una proprietà, quando l’obiettivo è arrivare al massimo a fine stagione … l’andamento è quello)