romanews-roma-carles-perez-leonardo-spinazzola-gent
Foto Getty

PAGELLE ROMA GENT – Roma-Gent 1-0 nell’andata dei sedicesimi di finale dell’Europa League. L’unica rete della serata porta la firma del giovane ex Barcellona, Carles Perez, alla sua prima partita da titolare con la maglia giallorossa e al suo primo sigillo nella competizione, il secono delle coppe europee dopo il gol all’Inter in Champions League. Il match di ritorno si giocherà fra una settimana in Belgio.

Giulia Spiniello

PAU LOPEZ 6,5. Non un match che lo mette in risalto, ma quando il Gent bussa lui si fa trovare pronto. Vince il duello tutto personale con Odjidja parandogli tutto. Piuttosto fanno preoccupare i tanti errori in fase di impostazione, per fortuna non portano danni.

FAZIO 6,5. Concede sempre qualcosa, ma alla fine riesce a cavarsela sulla pressione di Bezus. Si fa valere negli anticipi di testa.

SMALLING 7. Qualche disattenzione nei contropiedi avversari, ma è sempre lui a tenere in piedi la baracca. Pericoloso in avanti sui calci d’angolo dove svetta sempre più in alto di tutti. Al 51′ sfiora di pochissimo il 2-0, il portiere belga ci mette la manona. Ammonito.

KOLAROV 5,5. Poco frizzante in fase offensiva, si dà una svegliata solo nel finale quando è pericoloso con un colpo di testa da distanza ravvicinata che Kaminski para.

SPINAZZOLA 5,5. Non perfetto in fase di disimpegno, disattento in alcune letture. Non è certo il peggiore in campo, ma il mood giallorosso lo contaggia in negativo.

CRISTANTE 5. Non sta bene ancora fisicamente. Tanti errori e pochi spunti se non il palo che colpisce nel secondo tempo ma era comunque in fuorigioco

VERETOUT 6. Bravo a recuperare il pallone a metà campo che serve a Dzeko per l’assist gol dell’1-0. Tra i migliori del primo tempo, tira i remi in barca anche lui nella ripresa.

PEROTTI 5. Si muove poco, non aggredisce la porta si limita ad alcuni buoni spunti, peccato che i suoi cross in area non trovino nessuno a sfruttarli. Disturbata l’antenna quando deve dialogare con Kolarov.

PELLEGRINI 4,5. Non è in serata, sbaglia anche i passaggi più semplici. Quando non gira lu, non gira la Roma. Si salva solo per la buona intesa con l’ex Barcellona Perez nella prima frazione di gioco. Impietosi i fischia di parte dello stadio al momento della sostituzione.

PEREZ 7. Nella serata del suo esordio da titolare sblocca il match infilando Kaminki solo davanti alla porta, con un preciso sinistro rasoterra. Si fa trovare pronto sul filo del fuorigioco ed è freddissimo davanti al portiere. Decisivo anche in fase difensiva con alcune recuperi importanti. Personalità!

DZEKO 6,5. Bello e preciso l’assist in profondità con cui serve Perez nell’azione del gol. I due dialogano bene e si intendono come se giocassero insieme da tempo. Il bosniaco fs un grande lavoro di sacrificio nel tentativo di far salire la squadra quando perde metri in avanti.

Dal 68′ SANTON 6. Entra al posto di Spinazzola. Buono l’impatto con la partita. Pimpante tanto da saltare gli avversari e mettere in area cross precisi.

Dal 79′ MKHITARYAN 6. Entra al posto di Pellegrini e porta un po’ di vivacità all’attacco giallorosso, rriva a un passo dal raddoppio.

Dall’81 KLUIVERT SV. Entra al posto di Perotti.

FONSECA 6,5. Roma brava a concretizzare una superiorità evidente e trovare il vantaggio, ma si spegne troppo presto. Non positivo l’atteggiamento con cui rientra in campo dopo l’intervallo, ci aspettavamo una squadra pronta a chiudere la pratica e invece ecco di nuovo una squadra impauritia. Ci mette una pezza con gli ingressi di Santon e Mkhitaryan che porta vita nel deserto dei Tartari.

8 Commenti

  1. Dzeko 6,5!!!!!!!!!un attaccante che in 90 minuti fa 0 e dico zero tiri in porta è da 6,5??????? Cmq confermo, squadra di brocchi!!!!!!

  2. Ma stiamo scherzando?? Perez sembra Iturbe,dorme in campo. Fonseca ancora una volta insiste con il suo schema che ci fa fare solo figuracce. Giocatori tutti svogliati anche. I fischi a fine primo tempo e a fine partita sono meritati.

  3. Che pena vedere la Roma di questi tempi, senza idee , con giocatori scarsi di loro, lenti come elefanti: vedere l’Atalanta dove corrono tutti comr matti è pietoso. 4 a Cristante ora come ora, può giocare solo nelle squadre over 65 ; 4,5 a Pellegrini si alleni negli appoggi elementari, che sbaglia in serie; 4 a Dzeko a parte il passaggio per Perez , neanche un tiro in porta in 95 minuti ( Haland un mostro al confronto ). 6,5 /7 a Perez, per il gol e l ‘ impegno; èl’unico a tirare in porta , bravo. Domenica giocando così, si rischia con il Lecce , e per il ritorno la vedo dura ; il Gent onestamente avrebbe meritato almeno il pari , per molto tempo si giocava solo nella metà campo della roma. Speriamo che cambi qualcosa. Forza Roma comunque

  4. Ma chi e` che ha dato questi voti, il pizzicarolo? O la pizzicarola? 6.5 a Pau Lopez (inguardabile), a Fazio (per poco non fa un autogol clamoroso e a Dzeko (che l’unica cosa che ha fatto e` il passaggio a Perez)? Ma andiamo, siamo seri e non facciamo i soliti tifosi antilaziali e con le fette di salame davanti agli occhi. E basta poi con questo Dzeko che fa salite la squadra, il re e` nudo anche per Dzeko e non solo per Pellegrini, che e` l’ombra di se stesso. E anche Cristante che gioca trenta metri indietro rispetto alla sua posizione normale? A Fonseca bisognerebbe dare 3 per la sua testardaggine.

  5. bah Dzeko ha fatto l’assist decisivo e davanti è sempre da solo a lottare, ed ha recuperato nel secondo tempo un pallone perso da lui al limite della nostra area rincorrendo l’avversario. Ci sono stati periodi in cui non mi è piaciuto, ma quest’anno tira la carretta da solo in avanti e lotta. Pellegrini per me è questo giocatore: prestazioni ispirate ed altre partite in cui praticamente non lo vedi. Si capisce subito che non ha l’impatto di Zaniolo nella partita, è troppo leggero. Il fatto è che di giocatori sopra la media ci sono solo Smalling, Dzeko, ed in prospettiva Zaniolo e ci metto anche Diawara che prima dell’infortunio stava facendo benissimo. Gli altri o perchè ormai un pò anziani (Kolarov, Perotti) o perchè troppo troppo acerbi e lunatici (Under, Kluivert) non fanno la differenza. Se poi metti Cristante che dovrebbe giocare alla Perrotta da incursore come nell’Atalanta, a fare il De Rossi è ovvio che va in difficoltà. Non ha nè la tecnica nè il fisico adatto. Lo vedi che viene sempre preso in velocità dall’avversario e si trova a ricorrere sempre. Il portiere non è male in porta, certo deve rischiare meno negli appoggi. La verità è il livello tecnico della squadra è bassetto e che i giocatori si impegnano, ma più di tanto non riescono a concludere. Non resta che tifare comunque (lo abbiamo sempre fatto anche ai tempi di Piacentini e Bonacina) e sperare che chi verrà voglia e possa alzare il livello della squadra.

Comments are closed.