9 Dicembre 2022

Pastore: “Deluso da quello che ho fatto a Roma, Di Francesco…”

Il Flaco ha raccontato alcune sue sensazioni in una lunga intervista a GOAL

Foto Tedeschi

L’esperienza a Roma rimarrà probabilmente la delusione più grande della carriera del “Flaco” Javier Pastore. L’ex numero 27 giallorosso si è raccontato in un’intervista a GOAL, facendo riferimento anche al suo trascorso nella Capitale. I tre anni alla Roma di Javier Pastore non sono stati di certo indimenticabili. Nelle stagioni trascorse in giallorosso, il talento argentino ha siglato appena tre goal in campionato, ed è stato costretto a stare sotto i ferri per moltissimo tempo.

Le parole di Pastore

Nell’intervista rilasciata a GOAL, Pastore ammette di essere molto dispiaciuto per come sia andata l’esperienza romana: “Sportivamente non sono purtroppo stato all’altezza, ho avuto problemi fisici e il primo anno con Di Francesco non c’è stato il feeling che avrei voluto”. L’amore dei tifosi giallorossi, nonostante i continui stop, non è mai mancato, e anche il calciatore lo ha voluto sottolineare: “Sono stato 3 anni in una città bellissima con dei tifosi che mi hanno trattato meravigliosamente. Anche se sui social poteva sembrare il contrario, quando andavo in giro per la città ho sentito sempre l’affetto e il calore delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 commenti

  1. Augusto ha detto:

    Ao ma quale amore dei tifosi il signor MONCI ti ha pagato 25 fischioni.

  2. Geppo ha detto:

    L’esperienza di Pastore da noi è stata obiettivamente fallimentare, ma quello che ha fatto vedere lui negli sprazzi di tempo in cui è stato bene non lo ha fatto vedere nessun altro.

  3. Federico ha detto:

    Se abbiano vinto la Conference è perché ci siamo qualificati e se non fosse entrato lui a La Spezia non avremmo mai pareggiato.

    Nei due anni di Fonseca le migliori partite nel ciclo con lui in campo, Crustantevinfortunato, vittorie con Napoli e Milan e grande vittoria 4-0 a Udine in inferiorità numerica.

    Poi due gol di tacco…e un Roma Cagliari 3-0 sontuoso con Ranieri.

    Per carità, non doveva venire: ma lui era un giocatore della qualità giusta, non Cristante Mancini Belotti Vina Karsdorp Svilar Reynolds…