Pasquale Bruno attacca Belotti: “A Torino non ha avuto un comportamento da uomo”. Le dichiarazioni

Manuela Fais
14/10/2022 - 10:11

L'ex giocatore del Torino ha parlato dell'arrivo di Andrea Belotti alla Roma

Foto Tedeschi
Pasquale Bruno attacca Belotti: “A Torino non ha avuto un comportamento da uomo”. Le dichiarazioni

L’ex giocatore del Torino Pasquale Bruno, ha rilasciato un’intervista a Tuttosport e tra i diversi temi ha parlato dell’arrivo di Andrea Belotti alla Roma, ritendendo non corretto il comportamento del Gallo nei confronti dei tifosi granata. Di seguito uno stralcio delle sue dichiarazioni:

A maggio Bremer ballava sotto la Maratona: “Chi non salta bianconero è”. Due mesi dopo firmava per la Juve.

“Forse a maggio era convinto che sarebbe passato all’Inter, per cui non vedeva problemi in quel balletto, anzi. Ormai non decide il giocatore, ma il procuratore. I giocatori sono molto influenzati dagli agenti. Il suo alla fine gli avrà detto: la Juve offre le condizioni migliori sia a te sia al Torino, altro che l’Inter… Per cui posso persino perdonarlo”.

Perdona Bremer. E Belotti?
“Belotti si è comportato molto peggio. Per mesi con il suo silenzio si è mostrato irrispettoso nei confronti dei tifosi e dell’amore cieco che provavano per lui da anni. Avrebbe potuto e dovuto dire la verità, a testa alta: me ne vado perché non sono d’accordo con le scelte di questa società, le prospettive sono sempre limitate e dopo tanti anni sono stanco. Invece quella sua fuga come di notte e quel silenzio gelido hanno ferito la sensibilità e la passione di tutti i tifosi. Non è stato un comportamento da uomo. Oltretutto il Toro gli offriva cifre importanti: poteva restare, su. Noi ai nostri tempi eravamo forse scemi a essere onesti? Però poi, a distanza di decenni, la gente ricorda con affetto i Policano, i Bruno: chissà come mai”.

Vedi tutti i commenti (1)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Parole farneticanti, quelle di O’animale!
    Cosa c’entra l’onestà di una persona col fatto che, dopo aver onorato fino all’ultimo secondo il proprio contratto (giocando spesso da infortunato e dando sempre tutto), si scelga legittimamente di cambiare aria, peraltro dopo 7 anni?