25 Febbraio 2022

Pallotta risponde a Fonseca: “Spero di rivederti presto Paulo”

Foto Tedeschi

romanews-roma-pallotta-palla

PALLOTTA FONSECA UCRAINA- Paulo Fonseca si trova bloccato in Ucraina, in preda al terrore visto la situazione drammatica che si sta sviluppando in questo ore nel paese del presidente Zalensky. “Mi sono svegliato alle cinque del mattino con cinque esplosioni di seguito”, inizia così il racconto di Paulo Fonseca, ex allenatore della Roma, bloccato a Kiev con la famiglia a causa della guerra scoppiata nella notte. “Avevo un volo in programma per oggi, – ha continuato a Jornal de Noticias – ma ora è impossibile uscire da qui, perché gli aeroporti sono già distrutti e lo spazio aereo è stato chiuso”.

La risposta di Pallotta su Twitter

L’ex presidente della Roma James Pallotta ha risposto su Twitter all’ex allenatore giallorosso:”Mando il mio amore e le mie preghiere a  Paulo Fonseca, sua moglie Katerina e il loro figlio dopo aver scoperto che sono bloccati in una situazione molto pericolosa in Ucraina. Spero di rivederti presto Paulo”

Leggi anche:
Guerra in Ucraina, Fonseca: “Sono bloccato qui, prego che non cada un’altra bomba su di noi. E’ il giorno peggiore della mia vita” (VIDEO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 commenti

  1. Papa max ha detto:

    Un grosso in bocca al lupo a Fonseca a anche a Dezerbi e a tutti gli Italuani in Ucraina .. sono certo che Fonseca , come anche De Zerbi, trovera’ un aiuto fattivo nella sua Ambasciata .. altrimenti, nel caso non ci fosse, provi ad andare in quella italiana dove sicuramente ricevera’ aiuto .. DAJE FONSECA E DE ZERBI E TUTTI GLI ITALIANI IN UCRAINA ..!

  2. Ghf ha detto:

    Io invece (come immagino anche tanti altri) sogno di non vederti mai più
    Hai distrutto la roma, pian piano, anno dopo anno

  3. simonsaved ha detto:

    il primo tweet umano e condivisibile di Jimmy…

  4. Giorgio ha detto:

    Solidarietà massima a Fonseca evidentemente non ci è bastata la prima la seconda guerra mondiale, ancora si pensa di risolvere le questioni con i missili, siamo dei primitivi è questa la verità