Il Pagellone – Mourinho versione “papà” e Palomino inspiegabilmente senza rosso

Redazione RN
25/04/2023 - 8:35

Il Pagellone – Mourinho versione “papà” e Palomino inspiegabilmente senza rosso

MARCACCI PAGELLONE SETTIMANA – Tra infortuni, stanchezza e il 30° legno stagionale la Roma cade contro l’Atalanta e vede complicarsi il proprio cammino verso la qualificazione in Champions League. Rui Patricio sbaglia e viene consolato da Mourinho, Palomino sbaglia e viene graziato dall’arbitro. Ecco i voti nel pagellone di Paolo Marcacci.

10 L’assist di Messi a Mbappé

Durante la gara contro l’Angers, vinta per 2-1 dal PSG che si proietta a + 11 sul Marsiglia, in occasione del secondo gol di Mbappé Leo Messi disegna un assist con parabola ad arco che capovolge il concetto dello strike nel bowling: i “birilli” avversari lui non li butta giù, fa in modo che il pallone li eviti per poi arrivare all’attaccante. Calcio visionario.

9 Le coccole di Mourinho a Rui Patricio 

Un gesto da padre dispensato in un momento di grande afflizione. 

8 La doppietta di Lukaku a Empoli

Destro a incrociare nell’area affollata, poi sinistro in progressione, sempre con la traiettoria verso il palo più lontano. È tornata la sua verione migliore, quella che farebbe comodo a tanti. Anche alla Roma, perché no?

7 Leao 

Squillo fondamentale per i rossoneri contro il Lecce, per la sempre più serrata lotta al quarto posto: la doppietta del portoghese è una summa delle sue doti tecniche, con repertorio arricchito da un primo gol di testa siglato con stacco impressionante, segnato in sospensione alla Osimhen. Uno così può prendere il volo in tutti i sensi. 

6 Raspadori 

In una stagione non da protagonista assoluto, com’era prevedibile vista la concorrenza nell’attacco partenopeo, si ritaglia una serata di gloria nel finale di partita che anticipa la ventura festa tricolore a Napoli. Un gol da bomber di razza, che ci ricorda movenze e rapidità di un certo Bruno Giordano.

5 Fiorentina 

A Monza, dopo il doppio vantaggio raggiunto prima del quarto d’ora, la Viola va in vacanza mentale, fatti salvi i meriti dell’avversario. Comprensibile che la testa sia al duplice obiettivo nelle coppe, ma dopo il momentaneo 0-2 la débâcle non è giustificabile. 

4 Lecce

Un precipizio pericolosissimo, pur ben figurando per il gioco. Calendario duro, è vero, ma un mese troppo avaro di punti. 

3 Il pugno di Gatti a Kvaratskhelia 

Conta l’intenzione, molto violenta, anche per la smorfia di aggressività che in quel momento stravolgeva i lineamenti dello juventino. 

2 Tottenham 

In “Shining” di Kubrick c’era meno tensione che nello spogliatoio dei londinesi. 

1 L’entrata di Palomino su Dybala 

Operazione al malleolo senza anestesia. Misteriose le motivazioni del mancato rosso. 

0 Bestemmiare allo stadio durante una sigla rituale

L’indignazione verso certe bestialità non ha colore, così come l’offesa la devono percepire i cattolici, gli atei, gli agnostici e quello che professano ogni altra religione. È una vergogna che fa sfigurare un pubblico intero. 

Paolo Marcacci

Vedi tutti i commenti (1)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...