Foto Tedeschi

PAGELLE SALERNITANA ROMA – La Roma continua a vincere e convincere battendo la Salernitana per 0-4 nel match valido per la seconda giornata di Serie A: quarto successo consecutivo per gli uomini di Mourinho tra campionato e Conference League. Dopo un primo tempo difficile, i giallorossi si scatenano nella seconda frazione: prima trova il gol Pellegrini, poi il raddoppio 3 minuti dopo con Veretout e infine chiude i giochi Abraham con il suo primo gol in maglia giallorossa. Ora la sosta, poi il Sassuolo. La Roma ha iniziato bene.

Leggi anche:

Le pagelle di Salernitana-Roma

Rui Patricio SV. Più faticoso il viaggio verso Salerno che la partita.

Karsdorp 6,5. Mourinho gli chiede di spingere continuamente per creare superiorità numerica contro la folta e densa difesa della Salernitana. E il compito viene compiuto nel migliore dei modi: Rick c’è sempre a raddoppiare Perez e nel primo tempo è tra gli uomini più pericolosi e crea gli spunti offensivi più interessanti. Cala, comprensibilmente, alla distanza quando la Roma prende il controllo della partita e può risparmiarsi qualche discesa.

Mancini 6. Una partita in cui ha davvero poco di cui preoccuparsi.

Ibanez 6. C’è poco da dire di più rispetto a Mancini: dopo grandi prestazioni, una serata più tranquilla.

Vina 6,5. Il primo pericolo della partita arriva dai suoi piedi. La Roma attacca prevalentemente dalla parte di Karsdorp, ma quando c’è bisogno di lui si fa trovare pronto in modo intelligente e preciso: è suo l’assist per il gol di Pellegrini che sblocca la partita.

Cristante 6,5. Un granitico e gagliardo Bryan. Tocca tantissimi palloni (108), è preciso (92% di passaggi riusciti e 6 lanci lunghi su 7 completati) e vince tanti duelli. Una prestazione che fa capire perché tutti gli allenatori che passano per Roma non vogliono mai rinunciare a lui. Mou compreso.

Veretout 7,5. E chi lo ferma più? Un inizio di campionato travolgente, 3 gol in due partite, tutti con lo stesso marchio di fabbrica: l’inserimento con i tempi giusti all’interno dell’area di rigore. Belec con una grande parata gli nega la doppietta, ma serve un gran pallone a Pellegrini per il poker finale. Ora la Nazionale francese e noi sappiamo quanto questa chiamata sia meritata.

Perez 7. Che con Mourinho avesse ritrovato fiducia si era visto già dalle prime uscite del pre-campionato. Nel primo tempo è l’unico a creare pericoli vincendo tanti uno contro uno, ma con qualche errore di troppo nel momento dell’ultima scelta. Ancora meglio nel secondo e dopo il vantaggio quando trova pià spazi e serve anche l’assist per il gol di Abraham. Ora serve la conferma in impegni più probanti, ma con la fiducia del tecnico è un altro Carles.

Pellegrini 7,5. Meraviglia, Lorenzo! Nel difficilissimo primo tempo è quello che perde più palloni, ma non è casuale: è l’uomo che cerca di muovere la palla più velocemente e di dare una svolta alla manovra offensiva della Roma. Nella ripresa, da vero capitano, prende per mano la squadra e la trascina verso i tre punti. Prima il gol del vantaggio, poi un gol spettacolare per il 4-0. Lorenzo, che meraviglia!

Mkhitaryan 6,5. Dopo quattro partite in 10 giorni è meno lucido ed esplosivo del solito e almeno nei primi 45 minuti trova più difficoltà del solito. E’ delizioso, però, in occasione della splendida azione del secondo gol servendo un assist al bacio per Veretout.

Abraham 7,5. Semplicemente perfetto. Cerca sempre di farsi vedere tra i compagni, è costantemente in movimento e va vicino al gol due volte con la testa. Non si abbatte, però, e nel secondo tempo fa vedere il meglio di sé: inizia ed è fondamentale nell’azione del secondo gol, poi trova la prima rete con la Roma con un grande tiro dal limite.

dal 70′ El Shaarawy 6. Entra e prova a rendersi utile come può, nonostante il risultato.

dal 78′ Shomurodov 6. Mourinho gli concede meno minuti rispetto alle ultime uscite, ma si fa comunque vedere nel vivo del gioco e con la volontà di fare bene. Va anche vicino al gol, ma chiude troppo il diagonale.

dal 82′ Mayoral sv. La voglia di fare la terza punta è poca. Mou lo fa entrare e cerca di dargli fiducia, almeno a parole.

dal 83′ Calafiori sv. Troppo poco tempo per farsi vedere.

dal 83′ Diawara sv. Tocca pochi palloni per essere valutato.

Mourinho 7,5. Castori prepara la partita come l’aveva immaginata: pullman davanti la porta e densità incredibile in mezzo al campo. La Roma domina il campo e con pazienza prende le misure per poi attaccare. L’assalto decisivo arriva nel secondo tempo e per la Salernitana è incontenibile: il gol del raddoppio è da manuale del calcio. Partenza perfetta, con 4 vittorie su 4 partite. Special, da Mou.

13 Commenti

  1. Grande partita di Pellegrini. Con Mourinho é completamente rinato.
    In generale bene tutta la squadra in crescita partita dopo partita.
    Restiamo sempre con i piedi per terra , ma la mentalitá é quella giusta.

  2. Solo applausi per Lorenzo. Si puó dire che sia finalmente sbocciato grazie a Mou ?? ….secondo me si. Se questo é il vero Pellegrini, se questo é il Capitano…….allora SI. Allora ci siamo !
    Migliore in campo senza se e senza ma. 👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻

    PS: Loré…..non farci mai piú vedere il vecchio Pellegrini, per piacere. MAI piú ! #DajeRomaDaje

    • io che ci ho sempre visto qualcosa, ti inverto la domanda: era giusto massacrarlo, o era meglio aspettarlo? perchè se quando sta in mano ad un allenatore serio (Mancini in nazionale) gioca sempre a quel livello, forse il problema non era lui. stesso discorso per Cristante: è colpa sua se j’hanno fatto fa il centrale di difesa? e tutti e due mai mezza polemica… poi chiaramente in mano ar mejo esplodono. e sempre forza Roma!

  3. Buona Roma, si vede la mano di Mourinho che ha rivitalizzato tutta la squadra .. mi sono piaciuti tutti e un elogio in particolare a Pellegrini autore di un secondo tempo da grande giocatore ..

    • Ma quale carro ?!?!? Te e l’amici tua pro-Pellegrini e pro-Cristante a prescindere siete proprio quelli che festeggiavano i SETTIMI posti dietro alla lazie.

      ANNATE A TIFÁ LECCE ! Se non siete capaci di vedere la differenza tra come giocavano prima e giocano mó, levateve er prosciutto dall’occhi o smettete de fa i lecchini. Il carro…….uhahuaauhauhauhahuahu 🤣🤣🤣

    • Fateme capì,vse uno dice che pellegrini gioca male quando gioca male e lo elogia quando fa una gran bella partita cosa fa di male? Ieri Lorenzo ha giocato davvero un bel secondo tempo (migliore in squadra) ma io continuo a credere che sia semplicemente un buon giocatore e niente più e mi piacerebbe avere qualcuno più incisivo al posto suo, quella di ieri è a ben vedere il massimo che può dare, poi se lo farà con regolarità meglio per noi e vorrà dire che da tifoso rivedrò la mia posizione su di lui e sarò strafelice di questo, mica tifo contro solo per aver ragione, cosa che a Roma fanno in troppi.

    • uno guarda il rendimento nelle partite senza leggere i cognomi sulla maglia , se uno gioca male gioca male , ora pellegrini ha giocato bene , speriamo che faccia un ottimo campionato , da li a dire che e diventato un campione aspetterei…..detto ciò felicissimo di essere stato smentito queste due partite…

  4. Finalmente un giocatore (Abraham) che piazza la palla a fil di palo invece di calciare in bocca al portiere …come alla Roma si fa dai tempi di Perrotta!
    Daje ragazzi!!!

  5. Ottimo risultato e bravi tutti, avanti così e forza Roma.
    P.S. Pinto per favore, un centrocampista forte e una riserva in difesa che possa fare le due fasce, siamo corti di panchina… quest’anno sembra molto diverso dai precedenti, chissà che non ne esca qualcosa di buono…

  6. Piano con i trionfalismi. Una partita alla volta, come dice il mister.
    Oggi tutti i detrattori del Capitano stanno sul carretto. Fatevelo dire: FATE RIDERE. I Capitani della Roma sono sacri. Daje così. Una parola buona poi la spenderei anche per Cristante: eravate pronti a scaricarlo per Xhaka (che due giorni fa ha lasciato i gunners in 10 al 35esimo, contribuendo alla storica disfatta dell’Arsenal per 5 a 0 contro il City) ma Bryan è 2 volte meglio dello svizzero e vede la porta che è una meraviglia. Se continuerà a giocare in mediana, quest’anno rischia la doppia cifra, secondo il mio modesto avviso.
    in ogni caso: DAJE ROMA!

Comments are closed.