6 Maggio 2022

PAGELLE Roma-Leicester | Abraham regala il sogno, Pellegrini e Zalewski inesauribili. Mourinho sussura ancora alle finali

PAGELLE ROMA LEICESTER – La Roma batte 1-0 il Leicester e si qualifica alla finale di Conference League. E’ un gol di testa di Tammy Abraham a stendere gli inglesi in una gara praticamente perfetta da parte degli uomini di Mourinho. Adesso sotto a chi tocca, e il Feyenoord è avvisato.


GLI HIGHLIGHTS DI ROMA-LEICESTER

Le pagelle di Roma-Leicester

Rui Patricio 6,5. Senza nessun patema d’animo, non soffre praticamente mai.

Ibanez 7. Deve vedersela con l’aggressività isterica di Vardy ma sbaglia pochissimo. Bene in anticipo e puntuale nelle chiusure. Peccato per il problema muscolare che lo costringe a uscire (Dal 75′ Kumbulla: SV)

Smalling 7,5. Semplicemente perfetto, aiuta tutti i compagni di reparto facendosi sentire. Un secondo allenatore in campo. Attento e sempre sul pezzo!

Mancini 7. Una sbavatura su Barnes, e per rimediare deve farsi ammonire. Ma la sua è una gara quasi perfetta, concede davvero poco agli attaccanti del Leicester.

Karsdorp 6. Ci ha fatto vedere cose migliori, ma basta la sua abnegazione per aver ragione sugli inglesi anche sul suo out. Qualche palla persa in uscita ma tanta applicazione.

Cristante 7. Tanto cuore e tanta corsa per coprire il fronte d’attacco inglese. Si batte, cerca spazi, smista. Multi-tasking da finale!

Sergio Oliveira 6,5. Spende moltissimo, cuce e ricama a centrocampo, si dà da fare in difesa, risolve anche lui di testa sui calci d’angolo.

Zalewski 7,5. Ancora una straordinaria prova di personalità e qualità. La sua prima semifinale europea la vive come un veterano, nel primo tempo in particolare spinge come come se non ci fosse un domani. Ha trovato ormai una confidenza devastante con il ruolo che non gli apparteneva. (Dall’83’ Vina: SV)

Pellegrini 7,5. Costruisce occasioni su occasioni, conquista punizioni, sempre ficcante sui corner, serve assist decisivi e vincenti. Un cross da incorniciare quello per l’1-0 di Tammy

Zaniolo 6. Si conferma la grande intesa con Abraham, ma nonostante la costante proiezione offensiva non riesce a trovare il guizzo vincente. (Dal 78′ Veretout: SV)

Abraham 8 .Vola e vola e vola più alto di tutti, e ci mette la testa per battere Schmeichel e punire per la prima volta in carriera il Leicester. Uno stacco imperioso che fa impazzire i 70mila dell’Olimpico. il resto della gara è una battaglia, di nervi e fisica: quando riesce a essere il riferimento per dare profondità, per fermarlo costringe gli avversari al fallo e al cartellino. Decisivo! (Dall’88’ Shomurodov: SV)

Mourinho 8. Si schiera in formazione tipo e la Roma si scatena nella prima parte del primo tempo. Poi gestisce con semplicità i tentativi del Leicesterr che invece fa la partita nel secondo tempo con i giallorossi che provano a ripartire negli spazi lasciati dagli inglesi. E’ la sua squadra, concreta e tignosa, e lui azzecca un’altra semifinale, primo allenatore a raggiungere la finale di una grande competizione europea con quattro squadre differenti!

SEGUICI ANCHE SU TELEGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

7 commenti

  1. gerlando ha detto:

    Patrizio 6.5
    Mancini 6.5
    Smalling 7.5
    Ibanez 7
    Kardorps 6.5
    Cristante 6
    Sergio 6
    Zalewsky 7
    Pellegrini 7
    Zaniolo 6
    Abraham 7.5
    Mourinho 7
    Vina, Kumbulla, Veretout, Shomurodov S.V.

  2. Newthor ha detto:

    Miglior Oliveira visto finora a Roma.
    Molto bene i 3 centrali.
    Ma il migliore giocatore in campo è stato il dodicesimo: il meraviglioso pubblico dell’Olimpico!
    Daje ♥️?

  3. Bgf ha detto:

    Una squadra che si basa su 4 calciatori, forse 5 nei momenti di grazia
    Il resto sono comparse
    Non c’è da prendere un titolare per reparto (che già sarebbe la migliore campagna acquisti estiva da decenni) ma da prendere almeno 6 calciatori che si possano definire tali (con quali soldi, se non come sempre vendendo gli unici bravi?)

  4. guidone ha detto:

    Daje rega’!!!!!

  5. Giovanni ha detto:

    Quando è entrato Kumbulla? Hahahaha!

  6. Vincent Vega ha detto:

    Rui Patricio 6+ sempre sicuro
    Karsdorp 5,5 fa abbastanza poco, al solito impreciso
    Zalewski 6,5 alcune buone iniziative nel primo tempo poi si spegne
    Ibañez 5,5
    Mancini 5,5
    Smalling 7, suoi tutti i palloni alti, gli altri guardano
    Oliveira e Cristante 5 la squadra muore di pressing avversario e centrocampo saltato sistematicamente (decine e decine di palloni buttati). Presidiano in fase difensiva ma sono lenti e poco reattivi.
    Pellegrini 6,5 alcune buone giocate, lunghi minuti di assenza. La squadra fatica a superare il pressing ma lui non arretra per aiutare (d’altronde non sa farlo)
    Zaniolo 5
    Tutti palloni persi. Ingaggia i soliti improbabili 1 contro 3, è vero, ma perché nessuno lo aiuta?
    Abraham 7, per me, in generale, tende comunque a fare sempre la metà di quello che potrebbe, su questo concordo con l’allenatore.
    Mourinho 5, il gioco non esiste, difesa ad oltranza, mantieni ad un passo dai supplementari una squadra modesta. D’altronde con più coraggio avresti vinto ancge a Leicester e Bodø Glimt.