16 Gennaio 2022

PAGELLE di Roma-Cagliari: Oliveira, esordio da match-winner. Rui Patricio è decisivo

Foto Tedeschi

PAGELLE ROMA CAGLIARI – Dopo i ko con Milan e Juventus, arriva la prima vittoria del 2022 per la Roma. Allo Stadio Olimpico, nel match valido per la 22esima giornata di Serie A, la squadra di Mourinho batte il Cagliari per 1-0 grazie al gol su rigore del nuovo arrivato Sergio Oliveira.

Le pagelle di Roma-Cagliari

Rui Patricio 7. I grandi portieri si vedono in queste occasioni: il Cagliari non lo preoccupa mai, poi nel finale compie un autentico miracolo su Joao Pedro e permette alla Roma di portare a casa i tre punti.

Maitland-Niles 6. Una prestazione precisa ed ordinata senza strafare.

Mancini 5,5. Una partita di certo poco complicata, ma è tutt’altro che perfetto in marcatura su Joao Pedro nell’occasione finale. Per fortuna c’è Rui Patricio.

Kumbulla 6. Combatte e sbraccia per tutta la partita con Pavoletti. In qualche modo si arrangia e fa il suo.

Vina 6,5. In avanti non fa mancare il suo contributo, ma dove fa meglio oggi è in fase difensiva. Una prestazione pressocché perfetta, anche se all’ultimo c’è la disattenzione su Nandez: fortunatamente il suo connazionale sbaglia l’aggancio.

Veretout 6,5. Gioca per casualità, visto che era fuori dall’undici titolare e ci rientra per l’infortunio di Pellegrini. Una prestazione sicuramente positiva, ma può fare di più. O almeno ci ha abituato a farci vedere di più.

Oliveira 7. E’ arrivato da pochi giorni ma sembra essere di casa. Fa vedere la sua qualità di giocare e pulire il possesso con pochi tocchi ed è freddissimo a trasformare il rigore che regala la vittoria alla Roma. Un giocatore che mancava.

Mkhitaryan 6,5. Con le sue ripartenze riesce a fare la differenza, ma spesso i compagni non trovano la giocata giusta quando c’è da finalizzare le sue intuizioni. Costruisce ma pressa anche, non sbaglia quasi niente. Ora serve la continuità.

Zaniolo 6,5. Ritorna in campo dopo lo stop dell’ultima settimana, ha voglia di far vedere e rendersi protagonista. Viene imbucato da Oliveira e si prende il rigore, ma poi il Var lo toglie. Da qual momento sembra quasi spegnersi, per poi riaccendersi nel secondo tempo di cui è tra i protagonisti. Sfiora il raddoppio con un diagonale che esce di un soffio.

Abraham 6,5. Sempre nel vivo della manovra offensiva, non è brillante come ci ha abituato nelle ultime settimane. Ma l’atteggiamento, la qualità delle giocate sono sempre positivi.

Felix 6. Quando parte in velocità è devastante, ma Mourinho dovrà farlo necessariamente lavorare (tanto) sulle scelte e la gestione del possesso nell’ultimo quarto di campo. Se riuscirà a migliorare in quello, allora la Roma tra le mani avrà un calciatore completo.

dal 75′ Shomurodov 5. Ingresso da bocciare assolutamente. Riesce a sbagliare letteralmente tutto.

dal 85′ Karsdorp sv. Fa sentire la sua presenza.

dal 90’+4 Bove sv.

Dal 90’+4 Keramitsis sv.

Mourinho 6,5. I primi tre punti del 2022 ma la squadra è tutt’altro che guarita. La partita finisce 1-0, ma la Roma poteva e doveva fare di più, sprecando una quantità industriale di occasioni da gol. Si deve lavorare sull’efficacia in fase offensiva e anche i tanti momenti di ‘stanca’ che si concedono i suoi nell’arco dei 90 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

8 commenti

  1. Vincent Vega ha detto:

    Vedo un sacco di 6,5 e 7…Ok, in realtà la partita è stata orrenda, contro una squadra da retrocessione. Non ci sono nemmeno voti da mettere stavolta.

  2. Peppe ha detto:

    Niles e kumbulla 6???
    Certo che siete avari nei giudizi!
    Niles 100 volte meglio del ballerino kardshop!!!!!
    Kumbulla meglio di ibanez!

  3. Sora Lella ha detto:

    partita mostruosa di una bruttezza indicibile

  4. Newthor ha detto:

    Teniamoci i 3 punti e le buone prestazioni dei nuovi.
    Molto bene Oliveira, finché ha retto fisicamente; nessuna sbavatura e tanta corsa per Niles.
    Oggi il miglior Kumbulla della stagione: senza fare nulla di trascendentale, ha saputo gestire 2 attaccanti insidiosi.
    Abbiamo un parco attaccanti incapace di segnare e questo è un grosso problema.
    Però certe situazioni, come il 3 contro 3 in contropiede, sono allenabili ed è un dovere di Mourinho migliorare sensibilmente questo fondamentale.

  5. Tanjian ha detto:

    Non sono d’accordo sul voto di Mancini. Per me è da sufficienza piena. Concreto e con poche sbavature con un brutto cliente come Joao Pedro. Nell’unica occasione che ha avuto l’italo-brasiliano, c’è un evidente errore in uscita della Roma che permette la contro-ripartenza. Per me, anche se pure lui sufficiente, è più grave l’errore nel finale di Vina che si perde Nandez.
    Forza Roma SEMPRE

  6. Barzani ha detto:

    Come si fa a dare 6,5 a Abraham??????
    Ha perso tutti contrasti , mai una giocata intelligente, sempre confuso sempre in ritardo.
    Squadra ridicola comunque. Non mi ricordo l’ultimo gol su azione.
    Ho sempre detto senza Pellegrini il fenomeno Miki e molto più nel gioco.

  7. Cris ha detto:

    In attacco nessuno può avere la sufficienza, troppi gol sbagliati, specislmente Abraham deve imparare a tirare subito non cercare sempre il controllo.

  8. roberto ha detto:

    ieri si e’ vinto 1 0, fallendo molte occasioni x chiudere la partita e rischiando anche di pareggiarla
    Ricordando che era il cagliari con molti giocatori fuori x covid
    si deve vincere in maniera piu’ netta sul risultato e piu’convincente nella prestazione
    anche ieri nonostante i 2 nuovi acquisti in campo a mio parere siamo stati ancora molto lontani da avere una squadra competitiva
    ieri ho osservato specialmente i movimenti di Oliveira che mi pare un giocatore normale che fa quello che deve fare un centrocampista ( attaccare e difendere bene ) .
    se Oliveira viene elogiato x come ha giocato ieri ( partita normalissima da parte sua) conferma quanto non siamo competitivi dove un giocatore normale con prestazione normale viene messo in risalto come se avesse fatto chissa’ che cosa.
    ripeto serviranno altri 7/8 giocatori come oliveira x essere squadra non forte ma semplicemente competitiva x qualcosa