28 Aprile 2022

PAGELLE Leicester-Roma | Pellegrini, Zalewski e Smalling i migliori. Mancini, un errore che pesa. Abraham sottotono a casa sua

PAGELLE LEICESTER ROMA – Termina in parità sul punteggio di 1-1 la semifinale d’andata di Conference League tra Leicester e Roma,
disputata al King Power Stadium della città inglese. Al vantaggio giallorosso con Pellegrini al 15′ replicano gli inglesi grazie a una rete di Lookman in complicità con Mancini al 67′. Tra sette giorni il ritorno allo stadio Olimpico.


GLI HIGHLIGHTS DI LEICESTER-ROMA

Le pagelle di Leicester-Roma

Rui Patricio 6,5. Si salva in modo farraginoso su Lookman, poi qualche incertezza ma senza troppi patemi. Il gol lo prende da posizione troppa ravvicinata. Decisiva la deviazione in angolo sul tentativo di Iheanacho. Attento nelle uscite.

Ibanez 6,5. Sbroglia diverse situazioni complicate. Si distingue per una schermatura difensiva senza sbavature. Tiene botta ai pericoli portati dai Maddison e dagli Albrighton ed è bravo a rubar palla a un Vardy che punta la porta in campo aperto. Poi complica le cose con un anticipo difensivo che diventa un assist per il pari di Lookman.

Smalling 7. Il match parte in salita con il primo pericolo creato da Vardy che gli va via in scioltezza. Sarà l’unica sbavatura del match. Con una grande scivolata in anticipo su Lookman, mette una pezza a un errore di Abraham e salva il risultato. A proseguire solo interventi monumentali.

Mancini 5,5 . Un grande intervento in avvio quando la pressione del Leicester è feroce, poi gestisce bene fino al gol del pareggio sui cui perde il contrasto con Lookman. Un errore che pesa!

Karsdorp 5,5. Esitante, bada più a difendere che a offendere. Non gioca con tranquillità neanche dopo l’intervallo. Sul gol del pari inglese, si fa sorprendere dall’anticipo di Ibanez.

Cristante 6. In difficoltà su Castagne che gli scappa dopo 4 minuti, stringe i denti sui primi minuti di pressione del Leicester. Superata la fase critica, dà solidità davanti alla difesa. Dopo il pari del Leicester, va in deficit di tranquillità e perde malamente un pallone pericoloso per fortuna senza conseguenze.

Pellegrini 7. Impeccabile sull’azione del gol, un inserimento capolavoro di tempismo e un diagonale di sinistro su cui Schmeichel non può nulla. Quarta rete in 8 gare di Conference per il capitano che non ha segnato mai così tanto nelle gare europee. Spende molto, fisicamente e mentalmente. (Dall’84’ Felix 6: bene in copertura e guadagna un fallo prezioso)

Mkhitaryan 6. Dopo un primo tempo in cui si vede poco, inizia bene il secondo conquistando due punizioni. Ma deve arrendersi a un problema muscolare. (Dal 57′ Veretout 5,5: deludente il suo ingresso, non riesce a incidere).

Zalewski 7. E’ una carezza l’assist per il gol di Pellegrini, una giocata sontuosa: si invola a sinistra e partorisce un taglio perfetto per il suo capitano. Di personalità le marcature su Albrighton e su Lookman, tanta qualità quando si mette al servizio della fase offensiva. Sempre lucido sulle scelte di tempo. (Dall’84’ Vina: SV).

Zaniolo 6. Nel primo tempo si vede per il cambio gioco che dà lo start al vantaggio di Pellegrini e per una buona applicazione nella fase difensiva. Nella ripresa prova a gettarsi di più negli spazi senza ma gestisce male. La sua è una partita di grande sacrificio. Rimedia anche un giallo (Dal 69′ Sergio Oliveira 6: con un bell’inserimento va vicino di un soffio al gol del raddoppio, fa tutto bene, è Schmeichel che si supera)

Abraham 5. Sottotono. Parte con qualche difficoltà ‘organizzativa’, poco preciso e un po’ svagato. Si prende un giallo e sbaglia un passaggio in orizzontale che toglie 10 anni di vita a Mourinho. E’ pur vero che di palloni gliene arrivano ben pochi. La prima bella iniziativa personale a 10 minuti dalla fine quando serve un assist di tacco che mettere Oliveira solo davanti al portiere.

Mourinho 6,5. La Roma soffre ma riesce a resistere alla sfuriata iniziale del Leicester, brava a prendere le misure e a riguadagnare campo. Una sbavatura difensiva lascia aperta la qualificazione, ma piace l’atteggiamento e la mentalità con cui la squadra ha affrontato una semifinale di andata.

SEGUICI ANCHE SU TELEGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

10 commenti

  1. Franko ha detto:

    Abraham sbatte lotta e combatte, altro che sottotono, ha giocato da solo davanti. Pellegrini ha fatto il gol poi ha giocato da per terra. Zaniolo sempre in ritardo. Meno male che Ibanez oggi non si era drogato.. AVANTI ROMA

  2. Mauro ha detto:

    Ma comewskysi fa a dare a Pellegrini 7???Zalewsky 9

  3. Pinetto ha detto:

    Non direi errore di Mancini sul goal.

    • tuljulien ha detto:

      concordo: cross teso praticamente sulla linea di porta, è pure riuscito ad anticipare l’uomo, ma è stato sfortunato a prenderla con la gamba sbagliata..in quella situazione per non fare autogoal più che altro ci vuole fortuna.

  4. NICOLA ha detto:

    Smalling 9 ha tenuto in piedi la difesa
    Zalewski 7
    Pellegrini 6 x il gol.
    Zaniolo 5.
    Klasdrop irritante 5,ma sa fare un passaggio in avanti???

    Ripeto ancora una volta
    Mancini 5,ibanez5,5,klasdrop 5 non sono da squadra competitiva.

  5. elconde ha detto:

    A tutti i Pallottini… ve saluta Pellegrini!!! Ciao ciao rosiconi, grande capitano!

  6. Vincent Vega ha detto:

    Partita abbastanza orrenda contro la squadra undicesima/dodicesima del campionato inglese. Difficoltà anche solo a fare tre passaggi di fila. Difesa (grazie Smalling) e contropiede (quasi mai riuscito, forse mai). Calcio primitivo. Rui Patricio ha deciso di non uscire mai, a breve crosseranno direttamente sulla riga di porta 6, Karsdorp 5, non spinge mai guarda sempre dietro, Zalewski 6,5 (ovviamente per lo spunto sul gol, più che altro, Mancini 5 pachidermico, lento, impacciato, Smalling 6,5, Ibanez 6 (ma con lui la sciocchezza è sempre nell’aria, Miki 5, quasi tutti errori, d’altronde la squadra non riesce a fare 3 passaggi di fila e lui mi risulta giochi a centrocampo, Cristante 5, il gemello di Mancini a centrocampo, Pellegrini 5, il deserto oltre al gol, pasticcia con gli altri palloni che gioca, Abraham 5,5, al solito non riceve un pallone che sia uno, ogni tanto tira fuori dal cilindro qualche giocata, può fare di più, certo la squadra non aiuta, Zaniolo 5, tutti palloni persi, Mourinho 4,5, l’anti-calcio.

  7. Mikele ha detto:

    Zalewski un grande, puro talento, che potrebbe fare il fenomeno da trequartista. Pellegrini ricorda bene di aver esordito da attaccante e mi sembra a suo agio in tale ruolo, altro che centrocampista. Al massimo può arretrare un pò per dare una mano e cucire il gioco d’attacco, ma è micidiale in avanti e lì deve stare senza snaturare la sua miglior indole esponendolo a critiche ingiuste e miopi (lui non è un incontrista o un cursore centrale). Ha le pause tipiche degli attaccanti. Liberiamoci di Oliveira: ha vagato per il campo senza mai vincere un contrasto. Può segnare uno e due goals, ma è inutile e dannoso in campo.

  8. Giuseppe ha detto:

    Non sono d’accordo, avete invertito i voti di Zaniolo e Abraham!!!
    E Pellegrini massimo 6 per il gol.
    Smalling 8