BALZANI: “Dybala voleva andare a Milano”, FERRAJOLO: “L’Inter ha giocato contro una non-squadra”

Giacomo Emanuele Di Giulio
30/10/2023 - 8:17

BALZANI: “Dybala voleva andare a Milano”, FERRAJOLO: “L’Inter ha giocato contro una non-squadra”

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Maida a Radio Radio Pomeriggio: Differenza abbagliante tra Inter e Roma. Ho visto una grande Inter, che poteva chiudere la pratica nel primo tempo. Lautaro è stato il grande assente. Paradossalmente la Roma ha preso il gol quando aveva ricominciato a giochicchiare. Si è fatta sorprendere a partita schierata. Se all’Inter togli Thuram, Calhanoglu, Mkhitaryan, Bastoni, Dimarco, la Roma fa un’altra partita. Le assenze c’erano, ed erano fondamentali.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Pomeriggio: La Roma è andata a Milano per non perdere, è evidente. Dò 8 all’Inter e 6 alla Roma. Oggi voglio essere Mourinhiano. Povera Roma, le assenze contano. Non sto facendo ironia, vado dietro a Mourinho.

Focolari a Radio Radio Pomeriggio: All’Inter dò 7, alla Roma 3. Dopo 10 minuti la Roma ha smesso di provare a costruire dal basso.

Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: Voti di ieri? All’Inter 7, alla Roma 4. Mourinho ha detto delle cose sbagliate e fa gravi accuse al sistema.

Agresti a Radio Radio Pomeriggio: Anche io dò 7 all’Inter, ma alla Roma 5. Ieri la Roma troppo rinunciataria, non è detto che se una squadra è meno forte debba rinunciare a giocare”

Ferrajolo a Radio Radio Pomeriggio: L’Inter ha sbagliato troppi gol, 7-, e alla Roma 4 e sono generoso. L’Inter ha fatto la partita che doveva fare, è mancato Lautaro. La partita di ieri non fa testo, ha giocato contro una non-squadra. È stato triste per i romanisti vedere una squadra così, rannicchiata, intimidita. Non ha mai superato la metà campo. È la Roma, al di là delle attenuanti che ci sono. Ogni rinvio era alla ‘viva il parroco’. Quello che Mourinho dice sugli arbitri è assurdo e grave.

Felici a Centro Suono Sport:: Fare una grande partita difensiva non significa non attaccare mai. Lukaku è stato tagliato fuori, non sono serviti neppure tanto i fischi, la palla l’ha toccata poco. Anzi è venuto anche a difendere, e gli fa onore. Quello che non mi ha convinto è che la Roma non è quasi mai esistita in fase offensiva. Le fasce laterali sono più forti delle tue. Zalewski è stato inadeguato ieri, Dumfries l’ha sopraffatto. A me piace vedere El Shaarawy davanti, ma, so che è facile parlare dopo, ma forse sarebbe stato più saggio metterlo lì. Kristensen non è adatto a questi livelli.

Trani a Centro Suono Sport:: Non scopriamo oggi che l’Inter è più forte. Ma non esiste tutta questa differenza sul piano del gioco. Sulle fasce non riesci a giocare perché i giocatori a cui dai la palla tornano indietro. Come fai ad accompagnare l’azione? El Shaarawy non può fare la seconda punta, non ha mai toccato palla. Ieri la parte migliore della partita è la difesa, compreso il portiere. Se a centrocampo il migliore è Bove devi farti una domanda.

Balzani a Centro Suono Sport: Questa partita avevi tanti modi per perderla e forse un solo modo per portare a casa punti e la Roma ha adottato l’unico modo possibile. L’Inter aveva tutti i titolari in campo, la Roma  è partita con 5 titolari fuori. Non sono assenze dovute alla sfortuna, ma sono giocatori che stanno cronicamente male. Con queste premesse avrei firmato con il sangue se mi avessero detto che all’81’ eri 0-0. Inter e Roma oggi hanno tre gradi di separazione. Nel Bologna Kristensen non gioca. Mourinho l’ha giocata nell’unico modo possibile. Non è vero che Dybala si è tirato fuori, Dybala voleva andare a Milano.

Mario Corsi a Centro Suono Sport: “Da chi non ama Mourinho sento dire sempre che quella di oggi è una rosa molto forte e che se non arrivano i risultati è perché Mourinho mortifica i grandi calciatori che ha, ecco per me questa è una stronzata gigantesca. La sconfitta di ieri è semplice da spiegare, quando giochi con squadre più scarse come lo Slavia Praga vinci, quando giochi contro le grandi squadre perdi perché sei inferiore, purtroppo questa squadra non è una all’altezza né dell’Inter né delle prime quattro squadre davanti a noi. Ieri anche uno dei calciatori più importanti di questa squadra come Cristante fa fatica quando il livello tecnico si alza.”

Nando Orsi a Radio Radio: “La Roma ha fatto la più brutta partita della storia del calcio. Io penso che Mourinho in settimana prova le uscite dal pressing come quello dell’Inter ma non capisco come non si vedano durante le partite.”

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “I cambi hanno fatto la differenza. Si può anche dire che la Roma ha fatto una pessima partita ma le assenze si sono sentite. Sono mancati cinque calciatori fondamentali”.

Mario Mattioli a Radio Radio: “La Roma ha fatto una partita difensiva perchè quello sa fare. Bene N’Dicka in difesa così come Cristante in mezzo. Kristensen e Zalewski trasparenti con Lukaku ed El Shaarawy lasciati a sè stessi. Non si può discutere Mourinho ma ieri si è vista l’inferiorità tecnica nel complesso”.

Stefano Carina a Radio Radio: “Alla Roma mancavano cinque calciatori fondamentali. Ben quattro di questi furono fondamentali per la vittoria della scorsa stagione. Vero che la Roma ha avuto solo due giorni di riposo ma è sembrata quasi un’esercitazione attacco contro difesa. Bisognava attendersi qualcosa di differente ieri sera. La Roma non riusciva a fare tre passaggi consecutivi. Lukaku ha tenuto poco il pallone e così è molto difficile. Nel primo tempo nessun tiro verso la porta”.

Vedi tutti i commenti (10)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Il problema della Roma è che dopo mezz’ora di gioco i calciatori già sono in affanno, quelli dell’inter ieri sembravano 20 in campo.

  2. Credo sia l’undicesima volta che sento dire LA ROMA HA GIOCATO LA PARTITA PIÙ BRUTTA almeno Orsi prova a ricordare ciò che dici nei precedenti interventi. La Roma in emergenza ha fatto quello che doveva contro un avversario che lotta per lo scudetto, e a pure rischiato di vincerla, c’è poco altro da dire

    1. Giovanni (idealmente portavoce di Mourinho e Thiago Pinto) offre spontaneamente la risposta perfetta per capire perché purtroppo non vinceremo mai niente

  3. PARTITA IMPOSTATA COSI ,LA DETTO ANCHE CRISTANTE ,UNO SCHIFO ,SE VAI A MILANO GIOCANDO COSI PRENDI 10 RETI MI DISPIACE MA QUALCUNO DEVE ASSUMERSI LI PROPRIE RESPONSABILITÀ, SEMPRE SCUSE ,SPERIAMO CHE IL PRESIDENTE FACCIA PIAZZA PULITA.SIAMO 11 PUNTI DALLA PRIMA !

    1. CRISTANTE NON HA DETTO QUESTO, HA DETTO CHE SONO CORTI COME SQUADRA E PIU DI COSI NON POTEVANO FARE PERCHE SONO STANCHI

  4. Giocarla a viso aperto sarebbe stato un suicidio siamo troppo scarsi con tutti i titolari immagina con metà squadra. Stavamo quasi portando un punto a casa…Di più con questi elementi e un motivatore in panchina non si può fare ..

  5. Io spero solo che sia chiaro anche ai Friedkin che il campionato nostro è limitato ai posti in Europa League se tutto va bene. Le quattro davanti sono tutte di un altro pianeta rispetto a noi, almeno come giocatori e come lunghezza della rosa.
    All’Inter si è fatto male Thuram? pazienza entra Sanchez. Da noi è squalificato Paredes? entra un primavera… chiaro? e poi il nostro centrocampo fa cacare se non ci sono un paio di Gundogan (o Sandokan meglio) che lo tengono su con la qualità e fisico. Strootman versione 1.0 con De Rossi e Naingolan ce li ricordiamo ancora…

  6. Il Sassuolo spesso e volentieri va a Milano e vince, il Sassuolo ha un organico meglio del nostro?
    Non credo proprio però sicuramente ha un organizzazione di gioco migliore e più organizzata della nostra, che la porta magari ad andare a Milano a giocarsela senza paura.
    Non è una questione di fazioni che si sono create e la realtà dei fatti, noi ieri siamo andati lì con la fifa addosso ci siamo giocati la paura e questo è inaccettabile, siamo piombati in pieno oscurantismo nel medioevo calcistico, un passo nel buio più profondo è molto avvilente che colui che è stato un grande allenatore, ha messo la Roma in trincea tutti dietro la linea della palla e quasi come un consegnarsi all’avversario, una dichiarazione di manifesta inferiorità
    No così è molto brutto e neanche dignitoso
    Mourinho via

  7. Mario Corsi sei l’unico che dice le cose come stanno.
    Con i mercatini della Roma è stato un miracolo fare due finali.
    intanto la Roma grazie a Mou è tra le 10 squadre più forti d’europa.
    ha già deciso di giocarsi tutto in e.l. in italia ci sono troppe avversità per la nostra Roma piccola piccola!