NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Verso il Sassuolo: Smalling parzialmente in gruppo. L’arbitro è Sozza

La Roma continua a lavorare a Trigoria in vista della ripresa del campionato, fissata per i giallorossi domenica alle 20.45 contro il Sassuolo. Per la sfida contro i neroverdi, con ogni probabilità Mourinho dovrà fare a meno degli acciaccati Mancini e Pellegrini, i quali oggi hanno lavorato a parte. Il difensore ha svolto terapie dopo l’infiammazione riportata alla pianta del piede destro, mentre Pellegrini si è allenato individualmente dopo il riacutizzarsi del fastidio alla cicatrice del flessore sinistro. Chris Smalling invece ha svolto parte del lavoro in gruppo e parte individualmente. Difficile anche la presenza di Nicolò Zaniolo: il classe ’99 ha lasciato il ritiro della Nazionale dopo aver riportato una contusione alla coscia sinistra.

Intanto, è stato reso noto anche l’arbitro della sfida: sarà Simone Sozza (sez. Seregno). Assistenti Tolfo e Vono, IV uomo Volpi. Al Var ci sarà Abisso, all’Avar Mondi. Solo un precedente tra giallorossi e il fischietto milanese, l’anno scorso, nel 5-0 rifilato al Crotone alla 35a giornata. Due invece gli incroci con i neroverdi: una vittoria in Serie A, sempre l’anno scorso, contro il Benevento (1-0) e una sconfitta in Coppa Italia contro il Perugia (2-1) nell’anno 19/20. Di seguito tutte le designazioni arbitrali.

Nzonzi, salta il trasferimento al Al Rayyan. Diawara resta alla Roma

Neanche stavolta sembrano esserci le condizioni affinché Steven Nzonzi lasci la Roma. Dopo aver rifiutato tutte le possibili destinazioni che gli sono state proposte durante l’estate, adesso dalla Francia si parla di una fumata nera nella trattativa con l’Al Rayyan, club del Qatar che in questi giorni stava spingendo per ingaggiare il centrocampista, per mancato accordo tra le parti. Nzonzi infatti continua a chiedere uno stipendio di quattro milioni netti a stagione, cifra che l’Al Rayyan non è disposto a sborsare. Il francese resterà dunque a Trigoria in attesa di una nuova destinazione o della naturale scadenza del contratto a giugno.

Discorso simile per Diawara. Il guineano, infatti, avrebbe rifiutato il trasferimento al Galatasaray nonostante le voci dalla Francia che lo vedono vicino al campionato turco. Intanto, oggi l’ex Napoli è rientrato in Italia dopo la grande paura delle scorse ore per essere rimasto bloccato in hotel con la sua Nazionale a causa di un colpo di Stato in Guinea. Il giocatore giallorosso aveva già rassicurato Trigoria da lontano, ed ora è riuscito a rientrare nella Capitale, sano e salvo, e a gianlucadimarzio.com ha dichiarato: “È stata più paura che altro. Fortunatamente è andato tutto bene. Sono contento di essere tornato a Roma”.

Senti chi parla

Sulle principali frequenze radiofoniche romane ci si proietta verso la ripresa del campionato. Mario Mattioli, a Radio Radio, si esprime così sul match contro il Sassuolo: “Pur non essendo il Sassuolo di Di Francesco e De Zerbi non appare in grado di ricalcare le gesta degli altri campionati. Credo che la Roma ha acquisito già la mentalità che Mourinho vuole darle. Credo che non debba avere problemi così gravi da mettere in discussione il risultato. Penso che alla fine se la cavi brillantemente”. Gianluca Lengua, sulla stessa emittente, analizza l’impatto dell’arrivo di Mourinho sulla panchina giallorossa: “Mourinho al momento è la Roma, i Friedkin hanno fatto la scelta giusta. Sono stati bravi a capire cosa serviva a Roma in pochi mesi, mettendo inoltre tanti soldi. Mourinho poi è un vincente, portare un titolo al primo anno sarebbe un’impresa, anche perché al momento l’organico non mi sembra pronto. Sarebbe interessante vedere i vari Calafiori, Zalewski e Bove in campo, magari nelle partite di Conference League a qualificazione già ottenuta. Mi aspetto una rinascita di Kumbulla”.