Foto Tedeschi

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Bologna-Roma, la vigilia e la conferenza di Mourinho

Giornata di vigilia in casa Roma che domani affronterà al Dall’Ara il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Anche stavolta Mourinho dovrà fare i conti con le assenze a centrocampo, con Pellegrini out e Villar ancora positivo. In ogni caso, ci vorrà disponibilità da parte di tutti al sacrificio e, se necessario, anche a cambiare ruolo: “C’è bisogno di mentalità forte, un gruppo forte. Che vuole fare bene. Il credito è per i giocatori che non giocano tanto, come il caso di Diawara che ha giocato qualche minuto, che per lavorare tanto durante la settimana anche con il feeling di chi arriva alla partita e non gioca, ma arrivare a giocare con questa professionalità aiuta. I giocatori che arrivano con quello spirito. Kumbulla che entra per prendere il giallo, spezzare l’azione, marca Milinkovic che è un gigante. Esce felice per quello che ha fatto per la squadra”. C’è tempo anche per elogiare alcuni elementi della rosa che stanno facendo bene come El Shaarawy o che, rientrati da lunghi infortuni, potranno essere d’aiuto: “Stephan a destra? Non lo so, perché non lo abbiamo mai provato. Ma se arriva il momento di difficoltà anche lì sono sicuro che lui lo farà e lo farà bene. Sta bene fisicamente, psicologicamente, si sente importante. È tanto tempo che non giocava 90 minuti. Dopo un periodo in Cina perde le qualità, non le sue, ma un determinato livello di gioco. Sta facendo una stagione in crescita. Sta facendo bene. Se deve giocare per destra giocherà lì. Adesso abbiamo anche Viña. Può essere un’opzione El Shaarawy. Smalling se sta bene gioca”. Poi le parole al miele per l’amico Mihajlovic: “E’ un super amico di un grande amico mio. E diventa automaticamente un grande amico mio. Noi persone famose quando facciamo cose sbagliato abbiamo influenza negativa, quando facciamo cose positive abbiamo influenza positiva. Lui ha avuto influenza positiva da persone che hanno avuto quel problema. Lui ha dimostrato una forza incredibile, subito si diventa solidale per quella lotta. Gente come lui può influenzare tanti altri. Ci sono tanti altri che ne soffrono. Ha avuto un coraggio tremendo, non si è mai nascosto. Ha voluto lavorare anche, un esempio incredibile. Non è lui che mi deve ringraziare, ma devo ringraziarlo per il coraggio che ha fatto passare”.

Leggi anche:
La conferenza stampa integrale di José Mourinho

Mourinho recupera Cristante, ma perde Felix

Una buona notizia e una cattiva notizia per José Mourinho. Bryan Cristante è risultato negativo all’ultimo tampone e dopo le visite d’idoneità post-Covid raggiungerà la squadra a Bologna per mettersi a disposizione per la sfida al Dall’Ara di domani. Allo stesso tempo, però, lo ‘Special One’ perde Felix che, invece, è risultato positivo ed è già in isolamento.

Pellegrini, la risonanza conferma: arrivederci al 2022

Dopo i primi esami arriva la controprova della risonanza magnetica che conferma l’entità dell’infortunio di Lorenzo Pellegrini. Il capitano giallorosso ha riportato una lesione al retto femorale destro che lo terrà fuori fino al termine del 2021. Dunque il centrocampista salterà le prossime 6 partite contro Bologna, Inter, Cska Sofia, Spezia, Atalanta e Sampdoria. Probabilmente tornerà a disposizione per il match del 6 gennaio 2022 contro il Milan.

La vigilia in casa Bologna: le parole di Mihajlovic

In mattinata, intorno alle 10, è intervenuto anche Sinisa Mihajlovic in conferenza stampa. Il tecnico del Bologna non ha risparmiato parole al miele per José Mourinho: “E’ un grande allenatore e una grande persona. Siamo amici, ogni tanto ci sentiamo e sono molto contento di vederlo domani. Mi è quasi sempre stato simpatico, solo all’inizio abbiamo litigato. Mi è sempre stato vicino, anche nel momento della malattia e questo non lo dimentico. Veniamo da due paesi in cui la furbizia e la lealtà fanno da padrone nei caratteri della gente, quindi qualcosa in comune c’è”. Sull’importanza della partita contro la Roma, il tecnico serbo non ha dubbi: “Sicuramente è una partita importante. Abbiamo pareggiato a Bergamo, perso con l’Inter e le partite con Milan e Napoli a decisioni arbitrali invertite avremmo potuto vincerle anche noi. Noi domani giochiamo in casa, abbiamo una buona classifica e affrontiamo una squadra forte con un grande allenatore. Spero in uno stadio pieno perché il tifo per noi è importante. Non sappiamo quello che succederà, ma se dovessimo vincere saremmo a un punto dalla Roma. La nostra mentalità è quella di rispettare ogni avversario, affrontandolo senza paura”.

Leggi anche:
La conferenza stampa di Mihajlovic