Foto Tedeschi

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Roma, nessun colpo in extremis. Ceduto Olsen

Nessun colpo last minute per la Roma. La società giallorossa, infatti, ha conclusa la sessione estiva di calciomercato senza l’acquisto del centrocampista centrale richiesto da José Mourinho. Se ne riparlerà, con tutta probabilità, a gennaio quando si potrà anche continuare a piazzare gli esuberi. Oggi, infatti, l’unica cessione chiusa da Tiago Pinto è quella di Olsen che si trasferisce in prestito allo Sheffield United. Salutano, in prestito secco, anche Ciervo e Bouah rispettivamente alla Sampdoria e al Teramo. Nel pomeriggio sono emerse voci di un possibile tentativo per Sergio Oliveira, centrocampista classe ’92 del Porto gestito da Mendes, poi prontamente smentito da Trigoria.

Domani, inoltre, alle 15.30, il GM incontrerà i giornalisti per provare a fare chiarezza sulle trattative che sono andate in porto e su quelle che sono invece saltate. Già a gennaio il portoghese aveva incontrato la stampa per fare un resoconto del suo operato tra gli affari in entrata e i tanti e difficili in uscita.

Trigoria, la squadra torna ad allenarsi

Dopo due giorni di pausa la Roma si è ritrovata al Fulvio Bernardini per tornare al lavoro. Assenti i nazionali impegnati con le rispettive rappresentative. Tra i presenti Abraham, Ibanez, Perez e Karsdorp, che hanno svolto lavoro differenziato e di scarico. Per gli altri slalom, scatti, circuiti e cambi di direzione. Aggregati alcuni ragazzi della Primavera.

Zaniolo parla dal ritiro della Nazionale

“Sono molto felice di essere qui e di essere parte del gruppo dei campioni d’Europa”, in questo modo Nicolò Zaniolo descrive il suo ritorno in Nazionale ai microfoni della RAI. Dopo due gravi infortuni al ginocchio che lo hanno costretto ai box per quasi due stagioni, il classe ’99 è prima al gol con la maglia giallorossa e poi a disposizione del CT Mancini, descrivendo la rete come “un nuovo inizio, sperando che in futuro ce ne siano tanti altri di gol”. “La seconda volta è stata una mazzata e sapevo che dovevo ricominciare tutto da capo, ma sono cresciuto come uomo, come persona e come calciatore – continua sul doppio infortunio subìto -. Diciamo che non tutti i mali vengono per nuocere e sono riuscito a vedere anche le piccole cose che prima non vedevo. Questo secondo stop mi ha insegnato la cultura del lavoro come l’andare prima al campo, la cura dell’alimentazione e tante cose che prima dell’infortunio non vedevo. A starmi vicino è stata soprattutto la mia famiglia mi è stata vicino. Mi sono detto che dovevo tornare più forte di prima perché il pallone per me è tutto. Foto con Baggio? Un mito che ho sempre avuto, con lui abbiamo in comune anche questi due infortuni al ginocchio”. “Sono stato molto felice di vedere quel bambino in centro a Milano, tanta emozione e ci siamo scritti con lui e la sua famiglia”, commenta così la foto del bambino a Milano con la sua maglia durante il lockdown. “È un gruppo dove tutti giovani e non sono in sintonia, sono uniti e coesi, sono onorato di far parte questo gruppo, e farò di tutto per poterci rientrare – prosegue parlando dell’Italia di Roberto Mancini -. Kean? L’ho visto cambiato e maturato. Come per me il sogno è stare in questo gruppolspaccare il mondo ma con la testa”. E in chiusura un pensiero al figlio Tommaso: “La paternità? È la più grande emozione della mia vita che voglio tenere per me e non esternare”.

Roma, venduti già 9000 biglietti per il Sassuolo

Dopo la sosta per le Nazionali, la Roma tornerà in campo nella sfida contro il Sassuolo valevole per la terza giornata di Serie A. Nonostante ancora non si sappia la data e l’orario del match dell’Olimpico, solo oggi sono stati venduti più di 9 mila biglietti nel primo giorno di prelazione. Un dato significativo che continua a dimostrare la voglia l’attaccamento alla squadra da parte dei tifosi giallorossi.

16 Commenti

  1. Mercato in uscita voto 7.5, in entrata 5.5, grave il mancato acquisto di un centrocampista di livello, se a Cristante e Veretout viene un raffreddore siamo spacciati.
    Inoltre non vedo benissimo Reynolds come vice terzino destro. Sarebbe forse stato meglio reintegrare Santon.

    • Se a Cristante e Veretout viene un raffreddore puoi arretrare Pellegrini e mettere uno tra Villar, Diawara o Darboe/Bove (sono giovani, lo so, ma hanno qualità). Mi sarei sentito anche io più sicuro con un CC di livello in più, ma è anche vero che rischiare di prendere qualcuno “tanto per” poteva essere controproducente…ti do più ragione sul terzino, visto che in quel caso bastava anche lo zappacosta della situazione, per dire. Sul reintegro di Santon, non è detto che non ci possa ripensare, visto che Reynolds non è pronto. Comunque, dai, fino a gennaio si può reggere così, l’importante è l’atteggiamento generale. Con la giusta determinazione, anche giocatori che sembravano scarsi potrebbero dire la loro.

      • Mi rimangio quello che ho detto su Santon, pensavo che la situazione non fosse ai livelli di Fazio e Nzonzi, invece pare che non ci siano proprio le condizioni per il reintegro.

    • 7,5 in uscita? Siamo riusciti a dar via solo quelli con un po’ di mercato pastore ha preso una buona uscita nzonzi santon e fazio sono ancora stipendiati dalla Roma io direi 6 in uscita in entrata 5,5 è giusto manca sicuramente un centrocampista e un terzino destro

  2. sono anni che non si fanno botti dell’ultimo minuto… e non è la prima volta che con un piccolo sforzo si potrebbe fare il salto ed invece come al solito… accontentiamo della solita rosa incompleta. voto 7? voto8? ma annate ****

  3. Buon mercato, considerato il momento, la situazione finanziaria, gli esuberi che hanno puntato i piedi, oserei dire quasi ottimo. Non ci dimentichiamo che il Napoli ha preso Juan Jesus per rinforzare la difesa, il Milan messihas per il centrocampo e la Lazio Pedro per l’attacco. Piuttosto che rinforzarmi così preferisco tenere i miei e puntare sui giovani. A gennaio ci sarà modo di puntellare la squadra senza prendere gente sbagliata per la fretta. Voto 8!

  4. Dopo la cessione Dzeko, le papere di Patricio e l’orrenda amichevole col Betis, ho temuto il peggio per squadra e mercato. Pinto sembrava davvero il Monchi 2.0….per fortuna mi sbagliavo e di tanto. Pinto, con l’aiuto di Mou ed i soldoni dei Friedkin, ha tirato fuori diversi conigli dal cilindro e puntellato ruoli in curi eravamo scoperti, con rimpiazzi che ad oggi sembrerebbero di alto profilo e di prospettiva. Giudicare oggi la Roma é eccessivo, servono i test contro le big e soprattutto una costanza di risultati che permetta di galleggiare in alta classifica. Ma gli sforzi della societá e il lavoro di Pinto tanto in uscita quanto in entrata sono stati fantastici. Non si é potuto fare tutto, certo. Non si é potuto chiudere col botto…..e la colpe sono di quei 3 infami chiamati Santon, Nzonzi e Fazio. Questa é la veritá.
    Si tornerá, speriamo, a fare qualcosa sul mercato a Gennaio. E domani ci sará la conferenza di Pinto che probabilmente chiarirá ancor di piú la situazione appena conclusa e quella futura.

    VOTO – Uscite: 8 // Entrate: 7
    VOTO complessivo societá tra acquisti/cessioni, immissione denaro, licenziamento Fonseca e approdo Mourinho: 10 !!!

  5. Va bene così. Si è fatto quello che si poteva fare. Abbiamo finalmente un portiere dopo 3 anni, un centravanti giovane e affamato , un ottimo rinforzo in attacco come Shomu e un buon terzino sinistro con Vina.
    Il fatto poi di non giocare una competizione Europea prestigiosa rende tutto più difficile durante le sessioni di calciomercato e i giocatori continueranno a preferire palcoscenici più importanti.
    Quest’anno non è tanto acquistare giocatori nuovi quanto riuscire a far rendere tutti quei giocatori che l’anno scorso hanno deluso o che non sono stati all’altezza delle aspettative, e sono stati tanti, troppi.
    Se continuano su questa strada Pellegrini, Veretout e Cristante altro che Anguilla e Saccarina, certo è presto per dirlo, ma i segnali iniziali sono ottimi.
    Adesso dobbiamo supportare la squadra e i giocatori visto che in campo stanno dimostrando finalmente di avere fame.
    Daje!

  6. Contento sempre, come potrei non esserlo; tifo Roma! Accontentarmi mai.
    Questo in sintesi per dire che quello che non è arrivato adesso, arriverà. Il mister saprà fare il fuoco con la legna che ha, con lui tanti giocatori cresceranno e sarà un bel fuoco.
    Forza Roma.

Comments are closed.