27 Novembre 2020

News della giornata. Fonseca: “Tiago Pinto scelta giusta”. Ibañez, Smalling e Mancini ancora in dubbio per Napoli. Petrachi: “Volevo tornare, ho cercato Friedkin”

NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

L’intervista a Fonseca

Parola a Fonseca. L’allenatore della Roma ha rilasciato una lunga intervista al canale YouTube portoghese Quarantena Da Bola. Tra gli argomenti trattati la sua evoluzione come allenatore: “Non c’è nessun club in cui non mi sia sentito bene, ho sempre creato rapporti eccellenti. La mia evoluzione è stata naturale, ciò che sono oggi è frutto delle esperienze che ho avuto in passato, anche quelle minori. Non sono l’allenatore che ero prima, e ne sono orgoglioso. Non sono neanche l’allenatore che ero l’anno scorso, mi sono evoluto soprattutto a livello tattico: questi anni in Italia sono stati un’esperienza di grande apprendimento.”. Sul suo lavoro alla Roma: “Essere offensivi è la cosa fondamentale che ci interessa. In settimana mi hanno mandato un articolo che diceva che nelle prime 60 partite partite sono stato l’allenatore più offensivo degli ultimi 90 anni della Roma. Penso sia entusiasmante avere una squadra offensiva, una squadra che sa segnare. Un altro studio ha detto che l’anno scorso siamo stati la seconda squadra dietro l’Atalanta che ha creato più possibilità di segnare un gol.”. Un commento anche sui derby: “Preparare un derby per me è la stessa cosa che preparare una partita con Napoli o Sassuolo. Quello che cambia è come lo vivono le persone all’esterno”. Il portoghese ha anche parlato di direttore sportivo: “Per me la figura del direttore sportivo è fondamentale. Non ho avuto ancora il privilegio di parlare con Tiago Pinto, di parlare con lui ma sono ovviamente contento. Ma ho soprattutto capito che è un grande professionista, in tanti me lo hanno confermato, tante persone che hanno lavorato con lui ne danno un giudizio positivo. Sono felice che sarà alla Roma e penso che il presidente e i nuovi proprietari abbiano preso una decisione giusta nel momento in cui è stato scelto.”

Le ultime da Trigoria

Archiviata la qualificazione ai sedicesimi di Europa League, la Roma pensa già al Napoli. Gran parte della difesa resta in dubbio, non è infatti certa la presenza di Ibañez, Mancini e Smalling. I tre giocatori nella sessione di allenamento di oggi a Trigoria hanno alternato lavori personalizzati ad alcune esercitazioni con i compagni. Tuttavia, sarà poi Fonseca a decidere se partiranno con la squadra per la Campania oppure no. Questo dopo un confronto con lo staff medico e i tre calciatori in questione.

Petrachi rivela: “Ho provato a cercare i Friedkin per tornare alla Roma”

Gianluca Petrachi è ancora alle prese con il club capitolino dopo il licenziamento per giusta causa, tanto che le parti hanno già partecipato a due udienze in tribunale. L’ex ds della Roma, in un’intervista a Radio Sportiva, ha però parlato di un suo ipotetico ritorno: “Ho cercato con la nuova proprietà della Roma di far capire che avrei proseguito volentieri un lavoro che avevo cominciato ma oggi non è possibile e devo pensare di ripartire.”. E poi aggiunge: “Faccio il tifo per la Roma a voce alta, ci sono tanti ragazzi eccezionali lo hanno dimostrato in un momento difficile con un passaggio di proprietà in corso e con una figura come quella del direttore che sparisce all’improvviso”. Infine, un commento su Pedro: “Decidemmo di puntare su di lui perché nel modulo di Fonseca poteva giocare in tutti e tre i ruoli dell’attacco.”

Calciomercato: Roma favorita per Nandez del Cagliari, parola dei bookmakers

Per i trader di Sisal Matchpoint la Roma sembrerebbe fortemente intenzionata ad acquistare Nahitan Nández per mettere a disposizione di mister Paulo Fonseca un’arma in più a centrocampo. L’approdo in giallorosso del calciatore, come secondo Agipronews, è quotato a 4,00. Nella scorsa stagione è stato il faro del centrocampo del Cagliari ed anche in questa stagione il rendimento dell’uruguaiano non sembra essere calato. Motivo per cui, secondo i bookie, non solo i giallorossi avrebbero messo gli occhi sul calciatore, ma anche altre società di Serie A.

Totti e Pallotta ricordano Maradona

Il calcio continua a piangere la scomparsa di Maradona, deceduto due giorni fa. Tra i tanti messaggi di affetto e i tanti ricordi ci sono anche quelli di Totti e Pallotta, ex presidente della Roma. La leggenda giallorossa, su Canale 5, ha sottolineato: “Lui è ancora qui con noi. Le emozioni che ci ha lasciato sono irripetibili”, e poi ha aggiunto “Quando ho smesso di giocare Maradona è stato il primo a chiamarmi per darmi sostegno e per dirmi di stare tranquillo. È stato un gesto che porterò sempre con me”. Il magnate americano ha invece utilizzato Twitter per condividere il suo ricordo: “Non dimenticherò mai la prima volta che l’ho incontrato. Gli ho fatto dire Forza Roma“.

De Sanctis parla della Primavera

Ai canali ufficiali della Roma Morgan De Sanctis ha rilasciato un’intervista in cui ha parlato, in primis, della Roma Primavera: “La Primavera quest’anno è partita molto bene. All’inizio eravamo abbastanza convinti di aver costruito una squadra competitiva. Quanto visto finora, però, va anche al di là delle nostre più rosee aspettative. Stop del campionato? Basterebbe concordare un protocollo adeguato anche per la Primavera, che ha certamente rilevanza nazionale al pari degli altri campionati. Il rinnovo dei giovani è il segnale che la società crede nei giovani, che intende investire sui suoi prospetti più importanti e che vuole farlo nella maniera giusta.” Sulla sua attuale carriera ha invece dichiarato: “Sono molto orgoglioso di aver preso da solo la decisione di smettere di giocare, nonostante avessi un ulteriore anno di contratto con l’AC Monaco. La scelta l’ho presa perché dal calcio giocato avevo già ricevuto tutto. Il calcio per me è una malattia e pensavo spesso al post carriera. Tutto è stato più semplice nel momento in cui è arrivata una nuova chiamata da parte dell’AS Roma, dalla quale mi era dispiaciuto enormemente separarmi, sicuro che fosse la strada giusta per rimanere nel mondo del calcio in un’altra veste.”

Senti chi parla…

Tra gli argomenti più discussi dalle principali radio romane c’è stata oggi la gara di Napoli di domenica. Non ha dubbi Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “La Roma ha un girone molto facile, il compito di qualificarsi non è stato difficile. Napoli-Roma? Io dico 2, per me vincono i giallorossi”. La pensa diversamente Tony Damascelli a Radio Radio Mattino: “Napoli-Roma? I partenopei partono favoriti, il mio pronostico è 1”. C’è chi invece ha parlato dell’attuale momento della Roma, Marione a Centro Suono Sport: “La Roma ha battuto il Cluj in mezzo alla nebbia. La squadra ha liquidato la pratica giocando bene, senza rischiare nulla, bella quadrata. Qualcuno dice: “Eh, ma era il Cluj…“. Sì vabbè, una volta è il Cluj, e una volta è il Parma, una volta è il Genoa…va a finire che vinciamo scudetto e coppa se andiamo avanti così…se questi ci danno, noi questi ci prendiamo. Non è che se ci assegnano il Cluj, Friedkin chiama la Uefa perchè vuole affrontare il Real Madrid. Per cui grande Roma, va bene così. Da quando è andato via Pallotta, la Roma vince sempre”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.