NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

La vigilia di Inter-Roma

Un posto in Conference League da difendere e una stagione in cui bisogna salvare l’orgoglio. La Roma è attesa domani dalla trasferta con l’Inter, fresca Campione d’Italia. Nella conferenza stampa pre match è intervenuto come da consuetudine Paulo Fonseca che ha cercato di tenere alta la concentrazione in vista dell’incontro contro la squadra di Conte, sottolineando anche il rientro di alcuni giocatori importanti come El Shaarawy, Villar e Carles Perez. Queste alcune delle dichiarazioni del tecnico portoghese: “Il bilancio penso dobbiamo farlo alla fine della stagione. Siamo arrivati in semifinale e abbiamo avuti tanti problemi. Il tempo di fare i bilanci è alla fine. Io sono così, penso che l’immagine è importante ma sono così, non posso dire più di questo. Domani recupereremo El Shaarawy, Villar e Perez”. Un giudizio, in ottica futura, Fonseca ha tenuto a darlo su Borja Mayoral: “Io non sarò l’allenatore della prossima stagione. Quello che posso dire è che Borja è un giovane e non è facile arrivare qui e fare 17 gol con tanti assist. Sta facendo una buona stagione, ma questa è una questione per la società e il nuovo allenatore”. Sul possibile cambio di modulo con la difesa, con Mancini in versione centrocampista: “E’ un modulo che a me piace usare, non abbiamo cambiato perché fino a marzo la squadra stava bene poi si sono infortunati i giocatori e non abbiamo avuto la possibilità di cambiare molto. È vero che voglio continuare col centrocampo a 3, se Mancini giocherà come mediano o no posso dire che domani non lo farà, giocherà in difesa”, Ed infine sugli avversari: “Sono una grandissima squadra, devo fargli i complimenti per il titolo. In questo momento sono senza pressione, possono essere pericolosi con i giocatori della loro qualità. In ogni momento abbiamo visto una squadra forte, sarà forte anche domani. Mi aspetto una partita difficile”. Anche Antonio Conte ha parlato ai microfoni di Inter Tv sulla gara di domani, dando anche un proprio giudizio sulla squadra di Fonseca: “Il nostro obiettivo è dare sempre il massimo in tutte le partite. Contro la Samp, i ragazzi hanno fatto davvero bene e hanno attuato bellissime giocate. Nonostante i cambi, la prestazione della squadra è stata ottima. E’ giusto onorare la vittoria nel migliore dei modi, la vittoria deve essere fissa nei nostri cervelli. Vogliamo fare bene anche domani. La Roma è un’ottima squadra che ha voglia di finire stagione nel migliore dei modi”.

La probabile formazione della Roma

Alle 20.45 di domani sarà tempo di Inter-Roma che ha il sapore sempre di una partita di cartello e che entrambi le squadre intendono onorare portando a casa una vittoria. E’ proprio per questo che Fonseca a San Siro dovrebbe mandare in campo i migliori undici a sua disposizione, cercando di sopperire al migliore dei modi alle assenze. Ritorneranno Villar, El Shaarawy e Carles Perez, ma solo il primo dovrebbe partire titolare. Chi partirà titolare sarà Mirante, in vantaggio su Fuzato. Sarà ancora difensa a quattro con Karsdrop, Mancini e Kumbulla centrali e Bruno Peres a chiudere la retroguardia. A centrocampo spazio a Cristante e Villar, mentre ad imbeccare Dzeko ci saranno Pellegrini, Pedro e Mkhitaryan. Panchina per Borja Mayoral, pronto a subentrare nella ripresa.

Leggi anche:
Barella-Pellegrini, domani avversari, da giugno insieme per un sogno italiano

Nasce la Roma di Mourinho: da Romero a Vlahovic, il punto sul mercato

La stagione 2020/21 è agli sgoccioli, ma la Roma sembra proiettata già alla prossima, in cui la guida tecnica sarà Jose Mourinho. Tiago Pinto sarebbe già al lavoro per mettere le basi per una rosa che, per il tecnico portoghese, va rinforzata in più reparti. Capitolo portiere: dopo le voci circa un possibile arrivo di De Gea, sempre dall’Inghilterra è stato accostato al club capitolino il nome di Sergio Romero, che conosce bene sia lo “Special One” che la Serie A. L’estremo difensore quest’estate lascerà i Red Devils dopo essere caduto in basso nelle gerarchie. La sua avventura a Old Trafford sembra ormai arrivata ai titoli di coda, diventando addirittura la terza scelta per Solskjaer dietro De Gea ed Henderson. Altri nomi al vaglio della dirigenza sarebbero Musso e Rui Patricio. In difesa, invece, ci sarebbe il gradimento da parte dello Special One per White del Brighton. Il difensore, classe 1997, arriva da una grande stagione in Premier League che ha fatto lievitare il prezzo di mercato che si aggirerebbe sui 50 milioni. Secondo il Sun, però, sul difensore ci sarebbe l’interessamento di molti club europei, fra cui Borussia Dortmund, Manchester United, Arsenal e PSG. Rimarrebbe vivo l’interesse per Akè e Zouma. A centrocampo, invece, il primo nome sul taccuino di Tiago Pinto sarebbe quello di Renato Sanches, in forza al Lille e che sarebbe stata un’esplicita richiesta del tecnico portoghese. Valutazione di 30 milioni di euro con i francesi che non sarebbero così predisposti a lasciare andare via il centrocampista. Si monitora anche Sabitzer del Lipisia. Pel l’attacco molto dipenderà dal futuro di Dzeko e Mayoral: il sogno sarebbe Vhalovic della Fiorentina, ma attenzione anche al destino di Andrea Belotti al Torino. Sarebbero stati sondati anche  Kalajdzic, Isak Andre Silva.

Leggi anche:
Roma, ecco chi è Renato Sanches: ruolo, caratteristiche e carriera

Senti chi parla

Nelle frequenze radio, importanti sono le dichiarazioni di Roberto Pruzzo a Radio Mattino, in cui ha svelato un retroscena legato al futuro di Fonseca che potrebbe rimanere in Italia: “Paulo Fonseca ha molti estimatori a Firenze. Ci sono delle possibilità che il portoghese possa diventare il prossimo allenatore della Fiorentina”. Marione, invece a Centro Suono Sport ha parlato di Mkhitaryan, in spolvero nella prima parte di stagione, ma appannato nella seconda: “Leggo di Mkhitaryan tornato anche se sono due mesi che non lo vedo giocare. Si è un grande giocatore però non l’ho visto tornare ai suoi livelli. Le parole di Lewandowski le conosciamo, se vuole lo attendiamo a braccia aperte”. Sandro Sabatini ha parlato della stagione di Fonseca in giallorosso ai microfoni a Radio Radio Mattino: “La Roma di Fonseca ha vissuto un’annata negativa. Non può lottare per il 7°-8° posto con 30 punti di distacco dall’Inter. Il materiale che aveva a disposizione vale come il girone d’andata quando era terzo. Io penso che Mourinho giochi a quattro quindi credo che manchi un’alternativa-partner per Dzeko. Un portiere serve sicuramente. Io non ho molta fiducia in El Shaarawy”.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità