NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Febbre da Mourinho: murales a Testaccio e il mercato del futuro

Dopo la fine dell’avventura europea, con l’uscita di scena dall’Europa League per mano del Manchester United, in casa Roma si pensa al futuro con José Mourinho in panchina. Sulla capitale sono già tutti pazzi dello ‘Special One’ e i tifosi non vedono l’ora di vederlo a Trigoria. Oggi in città, a Testaccio in via Giovanni Branca, è apparso un murales, realizzato dall’artista Harry Greb, dedicato al tecnico portoghese: sciarpa giallorossa al collo, in sella a uno ‘Specialone’, gioco di parole che mette insieme il mitico modello Specialino della Vespa e ‘Special one’, come lui stesso si è definito. E non si è fatto attendere il ‘like’ di Mourinho, che continua a mandare messaggi d’amore alla Roma tramite i social. In attesa di vedersi dal vivo…

Intanto, però, si continua a parlare di quali potrebbero essere i rinforzi per la Roma di Mourinho. I nomi sono tanti: per la porta oltre a Musso, Gollini e Silvestri si pensa anche a De Gea. In mediana, essendo nella scuderia del procuratore di Mourinho, si parla di Renato Sanches del Lilla, così come da Madrid sostengono che Isco sia in trattativa con i giallorossi. Occhio anche a Sabitzer del Lipsia Hojbjerg del Tottenham. In attacco invece seguiti Carlos Vinicius del Benfica ed El Ghazi dell’Aston Villa, mentre in difesa piacciono Dier del Tottenham e Akè del Manchester City, così come i terzini destri Semedo dei Wolves e Pereira del Leicester. Icardi e Trincao i sogni proibiti. Fondamentali anche le cessioni, per dare liquidità alle casse del club, ma si cercherà l’effetto Mourinho anche per giocatori che sembravano al capolinea: possibile che Kluivert e Under possano tornare utili alla causa giallorossa, così come anche FlorenziOlsen va verso la cessione, sguardo puntato su Santon, Pedro, Smalling e Mkhitaryan, che con lui hanno avuto rapporti altalenanti.

Trigoria, i tifosi si fanno sentire: confronto con i giocatori

Confronto tra i tifosi e i calciatori a Trigoria. Intorno alle 12.30 circa duecento tifosi giallorossi si sono riuniti a Piazzale Dino Viola per contestare le recenti prestazioni della squadra e hanno incontrato una delegazione di calciatori. L’annuncio di Mourinho come prossimo allenatore dunque non ha placato gli animi feriti di molti romanisti, che non hanno digerito le ultime, deludenti, uscite della squadra. Nel mirino i calciatori giallorossi, verso i quali è stato indirizzato uno striscione, firmato Curva Sud, eloquente: “Noi a prescindere e ad oltranza romanisti sempre, voi su contratto e di passaggio…non dimenticatelo mai!”. Non una vera e propria contestazione ma una sorta di confronto con i calciatori. A parlare con i presenti sono stati Dzeko e Pellegrini a cui i tifosi, che pretendono maggior impegno specialmente nel prossimo imminente derby contro la Lazio, hanno chiesto un finale degno di una squadra come la Roma. Presente anche Tiago Pinto che, defilato, ha assistito al confronto. A vigilare il tutto anche due blindati della polizia.

Intanto, dopo la gara di ieri, la squadra è tornata subito in campo per preparare il match di domenica contro il Crotone: solita divisione in gruppi tra chi ha giocato e chi, invece, è rimasto in panchina. Individuale per Smalling che nel match contro il Manchester United ha alzato ancora una volta bandiera bianca.

Zaniolo, il ritorno in campo può slittare alla fine della stagione

La stagione di Nicolò Zaniolo potrebbe non iniziare mai. Gli ultimi slittamenti sul recupero potrebbero rimandare definitivamente il rientro alla prossima stagione. L’attaccante ha rimandato ancora il viaggio in Austria per incontrare il professor Fink. Un altro appuntamento ci sarà la prossima settimana, con la speranza che il dottore possare dare il via libera per tornare a lavorare a pieno regime con la squadra. Ma anche nel caso in cui dovesse esserci l’ok, le probabilità di vederlo in campo in questa stagione sono molto basse. Sicuramente non ci potrà essere con Crotone, Inter e Lazio. Mandarlo in campo per la partita finale con lo Spezia potrebbe essere un rischio inutile che la Roma sta pensando di non correre.

Senti chi parla

Sulle frequenze radiofoniche romane, i temi principali di discussione solo la sconfitta di ieri contro il Manchester United e l’arrivo di José Mourinho nella prossima stagione. Stefano Agresti, a Radio Radio, ammette di essere rimasto impressionato da Darboe: “La personalità di Darboe mi è piaciuta. Si faceva dare palla, non aveva paura di Fernandes. È vero che non era una partita all’ultimo sangue, ma quello era il Manchester. È un bel segnale”. Per Ugo Trani, intervenuto a Centro Suono Sport, il primo obiettivo della squadra dello Special One dovrà essere migliorare la difesa: “La Roma deve comprare un difensore. Ieri Cavani era sempre solo, una cosa che non si vede negli altri campi. Ibanez ha fatto una sola presenza con Gasperini da titolare e ci sta facendo capire il perché. Mourinho ha molto da curare per la fase difensiva nella prossima stagione.”

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

1 commento

Comments are closed.