NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Roma, ufficiale l’accordo con DigitalBits: i dettagli

Dopo aver fatto comparsa alla presentazione stampa di José Mourinho e sulle maglie giallorosse, ora è ufficiale: DigitalBits è il nuovo main sponsor della Roma. Un accordo ricchissimo, considerando anche i tempi di pandemia, per il club capitolino, con la società di blockchain che verserà una cifra totale di 36 milioni di euro, più eventuali bonus, per i prossimi tre anni. “Non potremmo essere più entusiasti del fatto che l’AS Roma entri a far parte dell’ecosistema DigitalBits”, ha dichiarato il CEO del Club, Guido Fienga. “DigitalBits è una blockchain nota per velocità, efficienza e sostenibilità, tutti tratti che rispecchiano i valori del nostro Club e che ci aiuteranno a rendere ancora più profondo il legame con i nostri tifosi di tutto il mondo in tanti modi diversi”.

Leggi anche:
IL COMUNICATO DELL’ACCORDO TRA ROMA E DIGITALBITS

Rinnovo più vicino per Pellegrini. Dzeko vuole restare e spunta Sorloth

Tra le priorità di Tiago Pinto, oltre al mercato da completare, c’è senza dubbio il rinnovo di Lorenzo Pellegrini. E il Gm giallorosso in questi giorni si è già mosso per portare a compimento la missione, con i primi contatti con l’entourage del calciatore: tutti i segnali sono positivi e l’accordo tra le parti è sempre più vicino. Il nuovo contratto per il numero 7 e attuale capitano della Roma dovrebbe essere fino al 2026, con l’eliminazione della clausola rescissoria da 30 milioni di euro.

Leggi anche:
Roma, Sørloth il nome nuovo per l’attacco

Un altro calciatore che vede ancora il suo futuro nella Capitale è Edin Dzeko. Le parole dopo l’amichevole con il Debrecen hanno lasciato spazio a pochi dubbi: “Penso alla Roma e basta”, ha detto il bosniaco, sempre più elettrizzato dalla possibilità di lavorare con José Mourinho. Per questo, il club cerca una terza punta da affiancare a lui e Mayoral: il nome nuovo è quello di Alexander Sorloth del Lipsia. C’è ancora distanza, invece, con l’Arsenal per la chiusura della trattativa per Xhaka.

Si pensa a blindare Zaniolo: rinnovo a fine mercato?

Una delle note liete del ritiro della Roma è senza dubbio il ritorno di Nicolò Zaniolo. I tanti mesi di lavoro iniziano a dare i propri frutti, grazie anche agli allenamenti a Pontremoli dell’ultimo periodo. E poi il feeling con Mourinho ha fatto il resto. Zaniolo sta riprendendo a poco a poco la propria forma e sta ritrovando fiducia, e in campo mostra i primi segnali positivi, come il bel gol rifilato al Debrecen. Ora, come riporta La Gazzetta dello Sport, la Roma sarebbe di nuovo pronta a blindare il proprio gioiello, tanto che a fine mercato dovrebbe arrivare il rinnovo di contratto. Ci vorrà ancora un po’ per tornare al top, ma il 22 sembra aver intrapreso la strada giusta. Questo anche grazie al cambiamento nella struttura fisica: la parte superiore del corpo ha aumentato di 4kg la muscolatura e questo, a 90kg, gli permette di essere più equilibrato nei movimenti. Il classe ’99 inizia così a lasciarsi alle spalle le difficoltà dell’ultimo anno e ora sogna di prendere la Roma per mano e portarla lontano.

Senti chi parla

Sulle principali frequenze radiofoniche romane, il tema di discussione è sempre il calciomercato. Gianluca Lengua, ai microfoni di Radio Radio, si è soffermato sulla questione Florenzi: “Il calciatore sta cercando con il suo agente un nuovo club perchè sa di non essere titolare nella Roma”. Francesco Balzani, a Centro Suono Sport, ha parlato dell’amichevole con il Porto e sul bisogno di rinforzi: “Un po’ di timore per la gara contro i Porto, il primo vero avversario, è il primo grande esame. Sono molto curioso. Dzeko per un anno va bene, ma se Reynolds domani fa una bella partita non vuol dire che poi hai trovato il terzino. L’unico nuovo acquisto che possiamo annoverare è Zaniolo, il resto i ruoli scoperti della Roma resteranno scoperti. La Roma ha bisogno dei rinforzi di cui abbiamo parlato”.

1 commento

  1. Ma ricca cosa? Che abbiamo solo che fatto un passo indietro. Con Nike erano 39, quindi 13 l’anno e le magliette sono state molto belle, ora 12 l’anno con un marchio che nel calcio non ha mai sfondato e si é visto il perché..

Comments are closed.