NEWS DELLA GIORNATA – Tutte le news della giornata giallorossa raccolte per voi in un solo articolo: buona lettura!

Qui Trigoria

Non c’è tempo da perdere per la Roma. Dopo la sconfitta con il Cagliari di ieri, infatti, la squadra di Fonseca si è ritrovata a Trigoria, al centro sportivo Fulvio Bernardini, per iniziare la preparazione alla sfida di giovedì, ore 21 a Old Trafford, contro il Manchester United valida per la semifinale di Europa League. Consueta divisione in due gruppi per i giallorossi, con lavoro specifico per chi è sceso in campo con il Cagliari. Si sono allenati individualmente Pedro, Calafiori e Mirante. Prosegue il programma personalizzato di Nicolò Zaniolo.

Leggi anche:
Verso la semifinale, Bailly rinnova con lo United: “Speriamo di vincere l’Europa League”

Serie A, anticipi e posticipi: ecco il calendario della Roma

Siamo alle battute finali della stagione. La Lega Serie A ha diramato il programma degli anticipi e posticipi sino alla penultima giornata. Ecco per quando sono state fissate le gare della Roma.

35a giornata
Roma-Crotone, domenica 9 maggio ore 18:00 (SKY)
36a giornata
Inter-Roma, mercoledì 12 maggio ore 20:45 (SKY)
37a giornata
Roma-Lazio, sabato 15 maggio ore 20:45 (DAZN)

De Rossi è guarito dal Covid: l’annuncio della moglie Sarah

Daniele De Rossi è finalmente guarito dal Covid-19. La conferma arriva dall’account Instagram della sua compagna, Sarah Felberbaum, che ha condiviso una foto abbracciata all’ex capitano della Roma con scritto: “37 giorni dopo”. Un abbraccio e tante emozioni ben visibili dallo scatto, dopo la paura per la malattia: lo storico numero 16 giallorosso, infatti, dopo aver contratto il virus in Nazionale è stato ricoverato all’ospedale Spallanzani con una polmonite bilaterale, sintomo più importante del Coronavirus. De Rossi è stato poi dimesso lo scorso 13 aprile e ora è finalmente anche tornato tra le braccia della sua Sarah.

Leggi anche:
Manchester United-Roma, le probabili formazioni

Roma, c’è l’intesa con Sarri: a breve previsto un incontro con Tiago Pinto

Difficile che Fonseca prosegua l’avventura con la Roma l’anno prossimo. Tra i candidati a sostituirlo, da un po’ il più gettonato sembra essere Maurizio Sarri. Stando al Corriere dello Sport, nelle prossime ore Fali Ramadani, rappresentante del tecnico, dovrebbe incontrare Tiago Pinto. L’intenzione comune sembra quella di iniziare un’avventura insieme. I Friedkin avrebbero optato per l’ex Juve per una serie di motivi: l’accettazione di un piano a medio-lungo termine, il profilo internazionale capace di partire dal basso e vincere (in Inghilterra) e anche la necessità di impostare la prossima stagione con una certa velocità. La società sembra però intenzionata a mantenere il massimo riserbo sull’esito dell’incontro, visto che l’allenatore è ancora sotto contratto con la Juve. A Sarri andrà modulato il 4-3-3: servirebbero un centravanti, visto che Dzeko probabilmente andrà via (si tengono d’occhio Vlahovic e Belotti), portiere, regista (uno alla Jorginho) e terzino destro (la coppia Karsdorp-Reynolds non convince). Al tecnico piace Under, che potrebbe quindi tornare per restare, e si attende anche il ritorno di Nicolò Zaniolo. Non dovrebbero più far parte della rosa, invece, Nzonzi, Pastore, Kluivert, Florenzi, Olsen, Coric e Bianda. Infine, Tiago Pinto vorrebbe una rosa ridotta, circa 18 giocatori titolari più 4 elementi della Primavera.

La Roma pensa a Sarri per la panchina. Intanto Allegri è nella capitale

Massimiliano Allegri sarebbe in cima alla lista della Roma in caso di addio di Fonseca, anche se sembra prendere quota l’idea Maurizio Sarri. In ogni caso, il tecnico ex Milan e Juve, come riporta Tele Radio Stereo, sarebbe nella Capitale in questi giorni, per motivi personali. Al momento, quindi, non sarebbe previsto nessun incontro con la dirigenza giallorossa.

Friedkin trasloca: il suo quartier generale passa da Londra a Roma

Dan Friedkin vuole spostare il suo quartier generale da Londra a Roma. Secondo quanto riportato da Centro Suono Sport, il presidente giallorosso avrebbe agito attraverso il suo braccio destro Eric Williamson, che si sarebbe rivolto ad alcune società di real estate per individuare una nuova sede. Saranno spostati gli uffici di viale Tolstoj e tutte le società del Gruppo Friedkin che attualmente si trovano nella capitale inglese. Il nuovo quartier generale sorgerà quindi nella capitale. L’area più quotata per la realizzazione del nuovo business park sarebbe l’Eur.

Allegri e il pranzo con Righetti a Roma: l’hashtag fa impazzire i tifosi

L’addio di Paulo Fonseca alla panchina della Roma a fine stagione è ormai certo. Tra i papabili a sostituirlo, negli scorsi mesi, si è fatto con forza il nome di Massimiliano Allegri, pronto a tornare in panchina dopo più di un anno sabatico. Oggi il tecnico toscano era nella capitale e a pranzo si è intrattenuto con l’ex giocatore e attuale volto di Roma TV Ubaldo Righetti. Chiacchiere, sorrisi e un immancabile selfie di fine pranzo, con un hashtag, utilizzato dall’ex calciatore, che ha mandato in visibilio il popolo romanista sui social: #StateAllegri. Per molti, infatti, questo è stato un vero e proprio indizio di un presunto arrivo dell’ex Juventus come nuovo allenatore della Roma.

Dagospia: “Ryan Friedkin e Diletta Leotta avvistati in hotel a Roma”

Ryan Friedkin dietro la rottura della relazione tra l’attore Can Yaman e Diletta Leotta. È questa la clamorosa indiscrezione lanciata da Dagospia, con un presunto flirt tra la presentatrice e il figlio del proprietario della Roma che sarebbe scoppiato da poco più di una settimana e che avrebbe convinto Diletta ad interrompere la precedente relazione con l’attore, modello e avvocato turco. Non solo: i due sarebbero stati anche avvistati insieme in un famoso e lussuoso hotel di Roma. Nella Capitale, dunque, il giovane Friedkin non avrebbe solo trovato la passione per il calcio e la squadra giallorossa, ma forse anche l’amore.

Il Consiglio Federale vara la norma ‘anti-Superlega’: ecco in cosa consiste

La Serie A prende le contromisure, per evitare nuovi ‘casi Superlega’. Nel consiglio federale di oggi, infatti, è stato modificato l’articolo 16 delle Noif (Norme organizzative interne federali): “Ai fini della iscrizione al campionato la società si impegna a non partecipare a competizioni organizzate da associazioni private non riconosciute dalla FIFA, dalla Uefa e dalla FIGC. La partecipazione a queste competizioni organizzate da associazioni private non riconosciute comporta la decadenza della affiliazione”. Sostanzialmente nel caso in cui venisse creata una competizione simile a quella che era stata varata da Inter, Milan e Juve (oltre alle altre 9 società fondatrici) le stesse società non potranno partecipare ai campionati nazionali organizzati dalla Federcalcio. La norma riguarda anche la disputa di gare e tornei amichevoli.

Leggi anche:
Playoff in Serie A e riduzione dei professionisti: Gravina accelera

Senti chi parla…

Sulle principali frequenze radiofoniche della capitale si parla della sconfitta incassata ieri contro il Cagliari e della prossima sfida di Europa League contro lo United. Queste le parole di Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “Ormai si sa, la Roma gioca solo per l’Europa League. Secondo me il Sassuolo arriva prima della Roma. Settima delicata per la Roma. Sarri è uno dei candidati, come lo è stato Allegri, a me dicono che non è una scelta definitiva. Secondo me sotto sotto hanno il desiderio ancora di Allegri.” Questo invece l’intervento di Marione a Centro Suono Sport: “Potrebbe essere una stagione fallimentare o da ricordare, incredibile come si è messa. Carles Pérez ha capito che deve sfruttare le sue occasioni. La Roma appena incontra una squadra più forte si chiude e parte in contropiede, e a volte è andata bene. E a Manchester? Perché se aspettano loro, e aspettiamo noi… a Manchester è 11 contro 11, può succedere di tutto. Ho visto Pau Lopez migliorato nelle ultime partite.”

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

3 Commenti

  1. Sarri per favore no, non ha la squadra già fatta da Benitez, non sa scegliere i giocatori, non sa gestire, è triste e maleducato e non c’entra proprio nulla con Roma o con la Roma.

    Non è un caso che non abbia richieste.

    E poi dobbiamo fare noi il favore alla Juventus – che pur di mandarlo via spende 12 milioni l’anno ….- di fargli risparmiare l’ingaggio?

Comments are closed.