• Nela: “De Rossi merita il rinnovo. Derby? Ai miei tempi la vera rivale era la Juve”

    Valerio Bottini
    04/04/2024 - 7:04

    Nela: “De Rossi merita il rinnovo. Derby? Ai miei tempi la vera rivale era la Juve”

    NELA ROMA – Sebino Nela, bandiera della Roma degli anni ’80, è intervenuto ai microfoni di RadioRomanista per parlare del momento della squadra, dell’impatto di De Rossi e del derby di sabato. Queste le sue parole:

    Su De Rossi: “Lo conosco da quando era bambino. È un ragazzo intelligente, ha studiato e si è presentato pronto per allenare la Roma. Se fossi la società prolungherei il contratto a De Rossi, non andrei a cercare nomi altisonanti con ingaggi elevati considerando anche il futuro incerto del club. De Rossi si sta meritando la conferma visti i risultati, vediamo come andrà questo finale, ma ad oggi rinnoverei immediatamente il suo contratto. De Rossi è una persona empatica, non avevo dubbi che potesse creare un buon ambiente nello spogliatoio”.

    Sul pareggio con il Lecce: “Un pareggio fuori casa non deve scalfire la consapevolezza acquisita. Una partita strana e sofferta ci può stare. Non è stata la Roma migliore, ma ora bisogna pensare partita dopo partita. Non deve essere una battuta d’arresto, questo tipo di partite capitano sempre durante la stagione. Il derby e il doppio confronto europeo con il Milan sono partite che decideranno una stagione”.

    Sulla tensione del derby: “Non ho mai sopportato il derby, l’ho vissuto sempre male. La notte precedente al derby non si dormiva mai perché i compagni romani tenevano tutti svegli, erano nervosi e si arrivava a questa gara molto tesi.

    Su Dybala: “Ha qualità straordinarie, quando c’è si fa notare perché è molto bravo. Dybala è un giocatore di calcio, speriamo possa essere protagonista nel derby. La Roma si gioca la stagione nelle partite contro Lazio e Milan”.

    I derby degli anni ’80: “Gli anni ’80 sono stati meravigliosi per la Roma, si è passati dalla ‘Rometta’ alla vera Roma. In quegli anni però il vero derby era contro la Juventus”.

    Vedi tutti i commenti (7)

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    *

      Tutti i commenti

      1. Cristiano, noi siamo passati dal comandante non si sa di cosa a tudor, gobbo e quasi sempre esonerato. Solo sul derby possiamo sperare. Stamose zitti dammi retta che sarà sempre peggio.

    1. Adesso buona parte dei tifosi è contenta di stare dietro al Bologna o all’Atalanta o alla Lazio, sesti/settimi/ottavi e se lo fai notare ti danno del laziale…

    2. Grande Sebino!!
      Eravamo arrivati dove dovremmo stare sempre.
      Io mi chiamo Costantino come 11 imperatori romani e non posso sopportare di giocare con la Lazzie. Loro hanno sempre tutto da guadagnere. E’ come se fai incontrare un imbranato con marylin Monroe. alla fine qualcosa ci scappa sempre.
      E’ deprimente vedere questa partita dove loro menano come fabbri e simulano di morire in campo per farci ammonire, mettendola sempre sulla rissa.
      Solo il grande presidente Viola era riuscito a svincolarci da questo incubo, portandoci dove dovevamo stare. In parte anche Sensi ma purtroppo in quel periodo la Lanzie era riuscita ad arrivare in alto coi soldi sporchi di un poco di buono…

    3. manca un dato importante! infatti… essendo io del ’68… ho vissuto una gioventù senza derby! 11 anni in serie b e spareggi per non andare in c… noi alle stelle loro alle stalle!… ad ogni modo cadetti ieri oggi e domani!

    Seguici in diretta su Twitch!

  • Leggi anche...