LE INTERVISTE DEL POST- PARTITA
 
Ranieri a SKY
 
Primo tempo all’insegna dell’equilibri, poi rotto dal Napoli nel secondo. In cosa siete mancati”Nel non ripetere il primo tempo. Nella prima frazione eravamo messi bene in campo, riuscivamo a controbattere colpo su colpo. Poi invece un paio di contropiedi del Napoli ci hanno generato un pò di paura, non siamo stati in gado di continuare a fare la nostra partita e dopo il primo gol abbiamo mollato e non ce l’abbiamo fatta a riprenderci. Sapevamo che dobbiamo lavorare, non siamo la Roma dell’anno scorso. Stiamo lavorando e ci riprendiamo”
 
 3-5-2 Modulo inedito per voi. La sostituzione Totti-Vucinic?”Lo avevamo usato anche lo scorso anno qui, dove aveva prodotto ottimi risultati. Borriello-Vucinic? Ho visto Borriello stanco. Non avevamo piùla possibilità di tenere la palla in avanti, per cui ho tentato con Vucinic di ottenere la profondità e di mettere in crisi la difesa del Napoli. Non è riuscito, peccato”
 
Problema di natura mentale. Terza sconfitta lontano dall’Olimpico, non riuscite a produrre punti lontano da Roma”Si beh è questo. Strano perchè l’approccio era stato buono; di solito quando giochi è l’approccio che viene meno quando stai in un momento di difficoltà. Evidetemente noi dopo le due partite vinte volevamo fare bene, ma c’è stato il Napoli che è stato più bravo di noi. Dobbiamo soltanto reagire e continuare a lavorare”
 
L’anno scorso la Roma ha cambiato allenatore che era penultima e alla fine ha rischiato di vincere lo scudetto. Che succede quest’anno?”Succede che dobbiamo lavorare, lavorare di più. Dobbiamo fare come contro l’Inter e il Cluj, crederci e lavorare di più. Lottare palla su palla come siamo abituati a fare. Lo abbiamo fatto nel primo tempo e non nel secondo. Per cui ci parleremo e troveremo le soluzioni”
 
La situazione societaria si fa sentire nello spogliatoio? O è solo un problema tecnico?”Noi non stiamo avvertendo nulla di tutto ciò. La famiglia Sensi ci è vicina, non avvertiamo rumori strani. sappiamo che deve arrivare un compratore, ma questo non ci deve distogliere da quello che stiamo facendo. Stiamo sbagliando, ma lo facciamo noi. Non troviamo fuori scusanti perchè siamo noi che dobbiamo reagire a questa situazione. Abbiamo reagito bene contro l’Inter facendo una partita di determinazione, di velocità e di qualità. L’abbiamo rifatta con il Cluj, forse peccando nel finale. Oggi lo abbiamo fatto nel primo tempo, meno bene il secondo e il Napoli ne ha approfittato”
 
Era una necessità il cambio di modulo perchè siete fragili dietro rispetto allo scorso anno? Totti e Del Piero, che hai allenato alla Juventus, devono essere gestiti in modo diverso? “Se non avessi visto Cicinho stanco non avrei fatto il cambio. Forse lo avrei dovuto sostituire prima e non sarebbe nato il gol del Napoli. Totti e Vucinic non mi condizionano su quando metterli o no. Totti sta bene, attraversa un buon perido di forma. Vucinic si sta riprendendo , lo sto aspettando a braccia aperte. Avendo tutti gli attaccanti a disposizione potrò attuare la rotazione delle punte. L’anno scorso con il 3-5-2 avevamo fatto bene contro una squadra che gioca a cinque ed ho deciso di aiutare la difesa in questo modo. L’allenatore deve fare sempre delle scelte. Alcune volte sono impopolari altre no, però siamo pagati per fare delle scelte e prendere delle responsabilità.”
 
RANIERI a Roma Channel
 
“Il cambio di Menez con Brighi? Volevo più profondità: Matteo si inserisce molto bene negli spazi. A Menez avevo chiesto di accompagnare Borriello, lo abbiamo fatto molto bene con Brighi. Ci siamo messi paura su due contropiedi loro, poi siamo indietreggiati e abbiamo subito il primo gol. Abbiamo fatto tiri in porta molto importanti, i difensori del Napoli si sono immoltati. Il modulo è stata una scelta precisa. Non avendo nè Taddei nè Perrotta, potevo garantire la spinta sugli esterni solo con i terzini. Con questo modulo abbiamo fatto molto bene l’anno scorso, stavolta è andata male. La classifica? Prendiamo atto della situazione. Per uscirne dobbiamo continuare a lavorare con grossa determinazione”.
 
RANIERI a MEDIASET PREMIUM:
“Volevamo riprendere il cammino. Bene nel primo tempo, nel secondo siamo calati”
 
Con Totti nessun problema?
“No, fa parte dell’allenatore gestire le squadre e assumersi le responsabilità”
 
Primo tempo migliore del Napoli, squadra corta e aggressiva. Nel secondo tempo c’è stato un calo fisico o di attenzione?
“Parlerò con i ragazzi per capire, avevamo impostato la gara cosi per risponder ecolpo su colpo, poi i due contropiedi loro ci hanno impaurito e non abbiamo accompagnato la squadra in avanti. Il Napoli è molto bravo a giocare negli spazi”
Qualcosa di diverso rispetto all’anno scorso?
“No, c’è molto di diverso. Ero arrivato in corsa, quest’anno le cose dovevano essere già aggiustate. Dobbiamo lavorare e ce la faremo”
 
La peggior difesa del campo?
“Mi preoccupa, lo scorso anno eravamo la migliore seconda. No è possibile subire tutti questi gol”
 
Hamsik a Sky
 
Ha visto Mazzarri nervoso?”Non l’ho visto, non lo posso dire”
 
Terzo gol in tre partite e prima vittoria in casa”Era importante vincere in casa. Ma il campionato è appena iniziato e non possiamo guardare ora la classifica. E’ troppo presto per parlare”
 
Avete battuto una grande. Si può avere questo rendimento in campionato e contemporaneamente anche in Europa League?
“Abbiamo giocato tre partite in una settimana e non è facile. Oggi è stata una partita molto combattuta, bella e divertente per i tifosi. Ed è ancora più bello che abbiamo vinto”
 
Vi emoziona essere così in alto nel guardare la classifica?”Si siamo contenti, ma come ho detto prima il campionato è appena iniziato e la classifica è corta. Basta sbagliare una partita e ti scavalcano molte squadre. E’ molto combattuto questo campionato”
 
Tempestilli in zona mista
“”Abbiamo subito un contraccolpo forte, ci sono mancate un po’ le motivazioni. Però credo che abbiamo tutte le carte in regola per tornare in alto, ora c’è la sosta vediamo di riprendere il fiato, serve serenità ma noi dobbiamo fare qualcosa in più”
 
RANIERI in conferenza
 
La panchina della Roma era importante, siete partiti forte poi?”Difficile dirlo, siamo partiti bene, volevamo fare risultato, loro sono una grossa squadra erano freschi perchè molti avevano riposato. Noi abbiamo fatto bene il primo tempo ma dovevamo essere molto più incisivi. Poi dovevamo continuare ma sono stati bravi loro, abbiamo preso un po’ di paura e ci siamo allungati favorendoli. Dovevamo essere molto più attenti”
Preoccupato dalla classifica?”No il campionato è lungo, dobbiamo lavorare con determinazione ne verremo fuori”.
Problemi fisici per Menez?”No gli avevo chiesto di inserirsi e invece mi veniva troppo incontro e perdevo un uomo, ecco perchè Brighi”.
Meglio loro o peggio voi?”La verità è nel mezzo, finche abbiamo giocato abbiamo fatto vedere cosa potevamo fare”
Com’è questo Napoli?”Ha giocatori forti e se stanno bene creano problemi”
Come è andata la difesa a tre?”Non avevo uomini per giocare con il 4-4-2 e quindi tanto valeva rimetterli come l’anno scorso”.
Riise è sembrato poco lucido…”Allora ho fatto bene a farlo riposare in coppa. C’erano altri giocatori come Cicinho che dovevano rifiatarei mi è sembrato meglio così”.
Dove può arrivare questo Napoli?”Possono lottare per vincere, sarà combattuto e corto in testa”.
Cosa manca?”La determinazione c’è ma noi dobbiamo dare tutto proprio ora che le cose non vanno bene, stiamo scivolando ma dobbiamo tenere a mente la voglia di reagire”.
 
BORRIELLO a Sky
 Hai rifiutato la Juventus?”Ho accettato la Roma e non rifiutato la Juve. L’ho detto in conferenza stampa appena arrivato a Roma.E’ la squadra che mi ha voluto di più, non ha guardato al lato economico, i dirigenti mi hanno parlato con più passione per cui ho accettato e non rifiutato”
Borriello è il cambio arrivato sullo 0-0. Ranieri ci ha detto che eri stanco. Ce lo confermi?”Secondo me erano più stanchi i difensori del Napoli. Avevo la sensazione che prima o poi avrei torvato il varco giusto per fare gol. Poi è arrivata la sostituzione, sono rimasto un pò meravigliato, ma sono decisioni che vanno accettate perchè c’è un allenatore e dobbiamo rispettare le sue decisioni. Ma non ero stanco”
 
Con le tue dichiarazioni potresti creare problemi all’allenatore”Non voglio creare problemi a nessuno. Ho detto che le decisioni dell’allenatore vanno accettate. Ma se non ero stanco non ero stanco. Che devo dire una bugia? Quindi dico che non ero stanco. Non so che polemiche si possono creare, ma io ho detto solo la verità. Non ho accusato nessuno dico come mi sentivo io ma non giudico le scelte degli altri”
 
Sei un bel ragazzo ma giochi da giocatore brutto, nel senso che ci metti sempre l’anima.”Beh vedendo i gol delle ultime settimane qualcosa di carino la faccio anche. Diciamo che sono un giocatore che da l’anima in campo e cerca di uscire senza rimpianti. Detto da Gianluca (vialli n.d.r) che è stato un grande attaccante fa veramente piacere. Gianluca era brutto ma era forte (ride n.d.r)”
 
C’è un consiglio che si può dire dal punto di vista del gioco?”Tutto quello che abbiamo fatto oggi finchè non sono uscito, perchè la squadra ha giocato benissimo. Abbiamo giocato bene anche con il Bologna, che ci ha raggiunto nel finale. Ha giocato benissimo a Brescia dove alcune decisioni arbitrali ci hanno penalizzato e dovevamo avere tre punti in più, e siamo stati penalizzati anche oggi perchè come detto prima avevo sempre la sensazione di poter fare gol. Nel primo tempo abbiamo dominato, nel secondo abbiamo avuto cinque-dieci minuti in cui abbiamo attaccato con grande intensità. Non vedo una squadra in difficoltà ma una classifica bugiarda”
 
Alla Roma credi di poter vincere qualcosa di importante. Che impressione ti ha fatto, appena arrivato, sentire l’allenatore dire che la squadra era da quarto-quinto posto?”Il mister è una persona esperta e dice quello che pensa e che vuole. Io non voglio dire una frase forte in questo momento, ma penso che la Roma a livello di rosa, è una delle squadra più forte che ci sono in Europa. Perchè se andiamo a vedere gli undici e i doppioni, che poi doppioni non sono, siamo ai livelli di Chelsea, Barcellona, Inter e Bayern Monaco. Penso che sia solo colpa nostra se a fine anno non risuciamo ad arrivare a lottare per il campionato e almeno nei quarti di finale di Champions League. E’ una frase forte che mi deve e ci deve responsabilizzare, perchè la società ha fatto di tutto per allestire una squadra forte, creando una squadra competitiva su tutti i fronti. Abbiamo un tifo che è unico al mondo. Dobbiamo responsabilizzarci di più ed è colpa nostra se non riusciamo ad ottenere qualcosa di importante”
 
BORRIELLO a Mediaset Premium
 
 
Terza trasferta e terza sconfitta..
 
“Fuori non funziona niente, a Brescia gran partita ma siamo stati penalizzati dagli episodi. Oggi siamo crollati nel secondo tempo, ma la classifica è bugiarda. La Roma è viva.”
 
E venuto fuori il Napoli nella ripresa
 
“Si, riescono sempre a rimontare. Io non vedo una squadra in crisi, abbiamo giocato e ci poteva stare il pareggio”
 
L’episodio del rigore e il cambio?
“Non c’è stato niente, solo quella gamba tesa in area di Aronica. La sostituzione mi è dispiaciuta, avevo la sensazione che potevo segnare da un momento all’altro, ma è il mister che decide”
 
Ti è arrivato un sms di Paolo Cannavaro?
“No, siamo amici, è stata una bella battaglia, sicuramente ha tirato un sospiro di sollievo quando sono uscito”
 
BORRIELLO alla RAI
Non si aspettava la sostituzione, vero?
“No, assolutamente, l’ho presa bene, è normale che un calciatore quando esce è un po dispiaciuto, anche perche abbiamo subito due goal quando sono uscito, non ero stanco e mi sentivo molto bene”
 
Sei un pò deluso dalla classifica?
“No assolutamente, la classifica è bugiarda, con il Bologna abbiamo pareggiato al novantesimo e sono tre punti in meno, con il Brescia ci sono stati errori arbitrali, oggi per 70 minuti abbiamo dominato, dobbiamo solo limare alcuni errori e ne approfittiamo della sosta.”
 
Sosta o nazionale?
“Spero nazionale, se no ho dieci giorni per allenarmi.”
Ranieri alla RAI
“Non riusciamo a ritrovarci come l’anno scorso quando, dopo un periodo di rodaggio, siamo usciti prepotentemente. Volevamo iniziare a far bene fuori casa e infatti nel primo tempo abbiamo giocato una buona gara. Abbiamo provato a vincere in due o tre circostanze, poi siamo arretrati e abbiamo preso il gol. Ma per un’ora è stata una buona gara- Viste le assenze non avevo esterni e mi sembrava quindi logico questo schieramento che l’anno scorso, proprio qui a Napoli, aveva funzionato. Cambio spesso modulo e le chiacchiere su questo argomento non mi interessano. Già 11 gol subiti? Dobbiamo essere più cattivi e determinati. Totti, nel primo tempo, quando abbiamo accompagnato tutti l’azione, è andato bene. Nella ripresa ha avuto più difficoltà” 
 
Hamsik a Mediaset Premium
 
Quando vedi Roma segni sempre?
“È stata una partita bella e combattuta da entrambe le squadre. Alla fine abbiamo vinto e gestito bene la partita.”
 
Così il Napoli può crescere?
“Siamo a inizio stagione, speriamo di continuare. Sono state tre settimane dure, non è facile giocare tre volte a settimana però speriamo di continuare così”
 
Vi aspettavate lo schieramento della Roma? Lo avevate studiato?
“Abbiamo preparato bene la partita, il mister ci ha fatto provare tutti i moduli che avrebbe potuto fare la Roma. Il primo tempo ci ha messo in difficoltà Menez, ma nelle ripartenze poi c’erano più spazi”
 
Obiettivo del Napoli?
“Ancora presto, si sa che l’obiettivo è andare in Europa. Dobbiamo pensare partita per partita”
 
Lavezzi a SKY (Uomo partita Sky)
 
Prima vittoria al San Paolo”E’ la grinta che abbiamo messo in campo è stata la cosa che ci aiutato di più per trovare la vittoria in casa che ci mancava da molto tempo”
 
La difesa a tre  ti ha aiutato?”No non credo sia solo merito mio ma di tutta la squadra che ha lavorato per raggiungere questa vittoria, molto importante per noi, perchè ci torna a dare fiducia nelle partite in casa, che era la cosa che avevamo bisogno di ritorvare. Per fortuna ci siamo riusciti”
 
Dove può arrivare questo Napoli con te, Hamsik e Cavani?”Dobbiamo rimanere tranquilli. Tre giocatori magari possono aiutare una squadra, che è la cosa più importante. Non si va da nessuna parte se non si gioca in undici”
 
De Laurentiis a Mediaset Premium
 
“Sono soddisfatto. Sfatati tre tabù: tredici anni che il Napoli non batteva la Roma, prima vittoria al San Paolo della stagione e prima sua vittoria contro i giallorossi. Il tredici mi preoccupava, non amo questo numero. Del San Paolo non ero preoccupato perché abbiamo sempre fatto bene nelle stagioni passate e il fatto di non aver mai battuto la Roma mi sembrava doveroso provarci anche se loro hanno avuto più giorni di riposo ed ero più preoccupato”
 
Napoli nell’elite del calcio. Questo Napoli ha un obiettivo ben preciso?
“Stiamo calmi, faccio la mia previsione, dal quinto al decimo posto. Vedremo a marzo dove saremo e allora potremo vedere quale sarà il nostro reale obiettivo”
Campagnaro a Mediset Premium
“Vittoria pesante, abbiamo fatto un’ottima partita e dobbiamo giocare sempre così, come abbiamo fatto oggi davanti ai nostri tifosi Davanti abbiamo gente veloce, avevamo due giorni in meno per riposare rispetto alla Roma, ma alla fine non è stato un problema. Dove possiamo arrivare? Andiamo avanti partita per partita, vedremo” 
 
De Laurentiis in conferenza stampa
 
“La mancanza di vittoria al San Paolo non mi preoccupava, siamo solo all’inizio. Il 13(gli anni passati dall’ultima vittoria del Napoli contro la Roma) è un numero che non amo molto, l’abbiamo sfatato. Io sono convinto che la squadra è un’ottima squadra. Ero preoccupato dal fatto che la Roma giocava martedì e noi giovedì, mi ha dato fastidio perchè si usano due pesi e due misure. Oggi la squadra è arrivata al campo concentrata e il gruppo sta maturando partita dopo partita. Perchè Napoli-Roma non si poteva giocare lunedì sera? Chi è questo genio che l’ha deciso. Questo non lo trovo serio e nemmeno equilibrato. Tutti devono competere in maniera equa. Abbiamo vinto, gli abbiamo dato una dimostrazione di essere una grande squadra”
 
DE LAURENTIS a RADIOUNO
Successo importante, atteso tredici anni, il primo in casa”Mi fa piacere, la Roma è sempre stata ostica e lo dicono i numeri. La squadra non mi ha tradito, esprime i giusti valori, bisogna dargli tempo. Non ci basiamo sulle prime prestazioni, dobbiamo restare tranquilli. Abbiamo giocatori di livello”
Obiettivo?”Finchè non cambieranno i rapporti tra i padroni del calcio e le istituzioni , che hanno fatto i l loro tempo e fanno fare queste cretinate che si gioca ogni tre giorni, si rischia di svilire i campionati e si ignorano i tifosi. E pane e circense, io non sono d’accordo con questa impostazione”
Il Napoli va bene, trova continuità. Temeva la differenza di preparazione con la Roma?”Noi avevamo giocato fuori , loro i n casa, in una gara difficile in cui ci sono stati incidenti. Non si capisce nemmeno perché certe squadre vengano ammesse in certe competizioni di prestigio, è segno che il prestigio non c’è. Noi siamo i padroni del calcio, così non si può fare un campionato equilibrato” 
 
LAVEZZI in MIXED ZONE
“A Bucarest abbiamo sbagliato l’approccio alla partita, ma per fortuna siamo riusciti a pareggiarla. Oggi giocavamo un’altra partita, siamo stati bravi e siamo riusciti a trovare la vittoria. Il merito non è solo mio, ma di tutta la squadra che ha lavorato alla grande. E’ bello vincere davanti al nostro pubblico. Napoli finalmente maturo? Sicuramente. Per molti di noi questo è il terzo-quarto campionato che giochiamo in serie A”
 
Hamsik in conferenza stampa
“Non è importante se segno io, l’importante è che vinciamo. Siamo sulla buona strada, abbiamo fatto una bella partita a Bucarest e una grande vittoria contro la Roma. Menez ci dava fastidio nel primo tempo, il secondo tempo è stato più facile. La Roma potevamo batterla anche l’anno scorso ma abbiamo solo pareggiato”
 
HAMSIK a SKY
 
Hai segnato il terzo gol in tre partite. Un gol importante..
“Si, era importante vincere in casa, ma il campionato è appena inziato e la classifica è corta”
 
Segnali importanti oggi, avete battuto una grande. Che rendimento potete avere in campionato?
Non è facile giocare ogni tre mesi, è stata una partita bella.Poi abbiamo vinto quindi ancora più bella.
 
La emoziona essere così in alto in classifica?
“Si, siamo contenti della classifica anche se è ancora presto ed è molto corta. E’ un campionato combattuto.”
 
Se vincevate con il Chievo eravate primi in classifica da soli..
“Si lo sappiamo.”
FINE PRIMO TEMPO
 
Dossena a Sky
 
 “Il caldo ci sta tagliando un pò le gambe. Ne parlavo con gli altri compagni. Stiamo facendo fatica perchè siamo arrivati giovedi da una partita con sette gradi di sera e quindi il clima cambia totalmente. L’importante è riuscire a tenere, stiamo facendo una buonapartita. Abbiamo creato qualche buona occasione. Loro ripartono con questi fraseggi in mezzo al campo che ci mettono in difficoltà. Però soprattutto sulle fasce, con i cross dal fondo di Lavezzi e Hamsik stiamo creando qualche problema. La mia occasione? Ho visto che Burdisso mi stava chiudendo sullo stop, quindi ho preferito calciare al volo”
 
PREPARTITA
 
De Sanctis a Mediset Premium
 
“Vogliamo fare un risultato importante, sappiamo valore della Roma, che nelle ultime partite ha conquistato risultati importanti. Sarà una partita difficile ma noi siamo consapevoli di poter dire la nostra. Nel complesso la squadra è forte, abbiamo una grande facilità nel far gol. Speriamo possa succedere anche oggi, confidiamo nella squadra”
 
YEBDA a Sky
 
“Affrontiamo una grande squadra.”
 
Come mai fate fatica al San Paolo?”Credo sia perchè quando le altre squadre vengono qui, giocano fortissimo”
Hai parlato a lungo con Menez. Che ti ha detto?”Menez ha detto che sarebbe stata una partita difficile sia per noi che per loro. Mi aspetto una grande partita”
 
MONTALI A SKY
 
 Si aspettava che Borriello potesse avere un impatto così forte nella Roma?”Sapevamo che era un giocatore molto importante dalle qualità straordinarie. Lo sta dimostrando. Questa cosa ci fa enormementepiace perchè c’è un grande vantaggio nel venire alla Roma. Uno spogliatoio molto particolare, con dei giocatori che sono dei campioni sul terreno di gioco e degli uomini straordinari, che facilitano molto il lavoro di chi viene a giocare in questa squadra. Lui è un grande campione, il nostro è uno spogliatoio importante, quindi le due cose hanno fatto sì che potesse succedere questa cosa, con dei grandissimi risultati”
 
Difesa a tre…
“E’ lo stesso modo in cui Claudio portò la squadra a Napoli lo scorso anno”
 
Ranieri gioca con la dfesa a 3 come lo scorso anno. Quando lo hanno saputo i giocatori?”Tra ieri e oggi. Prima di scegliere la formazione, Ranieri vuole pensare, riflettere su tutte le cose positive. Molto del lavoro di un allenatore avviene il giorno prima della partita, è come una partita a scacchi: devi prevedere le mosse, anticiparle. Può sembrare una cosa desueta, ma Claudio l’anno scorso venne a Napoli e giocò così. Ci ha pensato enormemente. Il lavoro è fare sempre la cosa giusta per la propria squadra”
 
Che sguardo ha visto Montali negli occhi dei giocatori della Roma?”Non mi fate queste domande. Non voglio passare per lo sciamano. E’ chiaro che lo sguardo e il volto dei giocatori giocano un ruolo decisivo. Fondamentali sono i comportamenti, gli attegiamenti. Oggi per noi è una partita molto importante, anche per il Napoli, ma per noi vorrebbe dire consolidare un periodo in cui veniamo da due vittorie, un buon gioco, una buona tenuta anche mentale da parte della squadra e questo è molto importante”
 
Risolte le frizioni tra Totti e Ranieri?”Non dimentichiamoci che sono due persone romane, nate a Roma, che hanno sempre vissuto a Roma. Quindi si capiscono al volo, c’è un feeling particolare, sono molto diretti. La più grande forma di rispetto che si possa avere nei confronti di un campione come Totti è quella di essere chiari e diretti. E per l’appunto una delle più granid qualità di Totti è la sua chiarezza. Sapete quante volte ho benifeiciato di intuizioni dei miei giocatori quando facevo un altro mestiere. Dal contraddittorio e da un rapporto così franco e diretto, possono nascere equlibiri importanti nello spogliatoio”
 
 
LA CRONACA
 
IL SINDACO DA’ I NUMERI: 5 sconfitte su 5 partite in trasferta
 
IL SINDACO DA’ I NUMERI: Si interrompe serie positiva di Tagliavento
 
PAGELLE