7 Gennaio 2022

Mourinho vs Allegri, fari di speranza con qualche blackout: una chance per tornare ‘Special’

ROMA JUVE MOURINHO ALLEGRI – Il tempo di scendere dal pullman dopo la trasferta di San Siro e di mettere via le decorazioni delle feste che la Roma è pronta a tuffarsi nel match contro la Juve. Si era detto come questo avvio di 2022 fosse una sorta di ‘Prato fiorito’, ma Mourinho è uno che guarda avanti, e questa volta deve più che mai, per morale e classifica, per ritrovare l’atmosfera d’entusiasmo lasciata a Bergamo. Sulla panchina avversaria incontrerà Max Allegri. I tecnici hanno soprattutto una cosa in comune, l’essere arrivati in qualità di ancore di salvezza.

Leggi anche:
Milan-Roma, Kardsorp e Mancini espulsi saltano la Juventus

Roma, José Mourinho

Ci si potrebbe scrivere un libro di citazioni su José Mourinho, che riecheggiano ormai da anni, ma sono solo un tassello di una personalità spiccata, che ha infiammato il tifo dal giorno zero, incantati dallo scintillare della sua bacheca. E non è un caso che i giallorossi viaggino sempre con migliaia di tifosi al seguito, che sia all’Olimpico oppure tra i gelidi fiordi di Norvegia. Alla fine, comunque, l’ha detto lui stesso: “Non mi aspettavo tutte queste difficoltà”, ed è innegabile che sino a qui di problematiche il portoghese ne abbia avute, sia per (frequenti) infortuni, sia per Covid e per prestazioni non brillanti. E mettiamoci anche qualche svista arbitrale. La sua Roma è al momento settima a 32 punti, a pari merito con la Fiorentina. L’allenatore di Setubal ha collezionato 10 vittorie, 2 pari e 8 sconfitte, alcune più dolorose di altre (vedasi il derby e l’Inter). Va poi annoverato lo stratosferico poker di Bergamo. Si parla di un 57,14 percento di vittorie in tutte le competizioni da quando è a Trigoria. In totale, la squadra ha messo a segno 32 reti e subite 24. L’ex Inter chiede rinforzi alla società, e qualcuno inizia ad arrivare, intanto José si è tuffato a mille nella realtà giallorossa, non le manda a dire a nessuno e promette amore al club: “Darò tutto alla Roma, qui mi ci vedrei per sei anni”. Musica per le orecchie di tanti fans, che credono in lui nonostante qualche scivolone, il più clamoroso a Bodo. E domenica affronterà Allegri e una squadra storicamente difficile, con le difficoltà derivanti dalla tattica, dalle squalifiche, dal momento della rosa. Insomma, circostanze complicate, ma sembra proprio il momento giusto per tornare ‘Special’.

Leggi anche:
Roma, con la Juve è allarme nelle retrovie: le possibili soluzioni

Juve, Massimiliano Allegri

Dopo la stagione passata con Andrea Pirlo tra luci e (soprattutto) ombre, la Juve è tornata sull’”usato” sicuro e ha richiamato Max Allegri. Anche lui, come Mourinho, è stato visto dai propri tifosi come un faro di speranza per rilanciarsi pesantemente in chiave scudetto, avendo vinto sotto la sua guida 5 titoli di fila dal 2014. Sino ad ora, però, il progetto non è decollato del tutto. In classifica la squadra conta 35 punti, ed è attualmente quinta, con lo stesso numero di vittorie della Roma (10), ma con 5 pari e 5 ko. Qualche anno fa, a questo stesso punto, navigava nelle acque più cristalline della classifica, con considerevole vantaggio sulle inseguitrici. L’attacco di Allegri, ora, segna meno di quello giallorosso (28), ma la difesa subisce anche meno (18). Anche per i torinesi sarà una trasferta impegnativa, visto che vengono dalla difficile gara contro il Napoli, nella quale sono riusciti a strappare un pari. Sulla panchina juventina, l’ex Milan registra il 69,36% di vittorie in tutte le competizioni in totale, anche se quest’anno deve fare i conti con tanti infortuni e giocatori contagiati dal Covid, come del resto tutti i club di Serie A. Ma il tecnico livornese non si scoraggia: “Ci vuole una maggiore lucidità e dobbiamo segnare di più, ma al momento vediamo tutto in ottica positiva”. Chissà se dopo il match dell’Olimpico confermerà le sue parole o meno. Anche perché Mou, visto l’esito della gara d’andata, densa di polemiche e con tante recriminazioni da parte dei giallorossi, questa volta vuole scrivere tutta un’altra storia. Nella speranza che né Var né arbitri, per dirla alla sua maniera, decidano di “fare i fenomeni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 commento

  1. Paolo ha detto:

    O comprano campioni se no sarà la solita rometta.Ma sti americani che c…o so venuti a fare?