21 Novembre 2022

Mourinho vorrebbe Frattesi già a gennaio: il piano

Frattesi pur di tornare nella capitale sarebbe anche disposto a rinunciare a qualcosa sullo stipendio

“La Roma è tutto per me, il ritorno in giallorosso completerebbe il mio percorso” sono state le parole di Davide Frattesi in un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport due giorni fa. Frattesi vuole la Roma e la Roma vuole Frattesi. L’operazione sembra essere destinata a chiudersi, Mourinho spera di averlo già a gennaio.

Il piano

Come si legge sul Corriere dello Sport, Davide Frattesi ha lanciato diversi segnali. Il primo a Mourinho e a Tiago Pinto, il secondo al suo procuratore Giuseppe Riso, il terzo al Sassuolo tra gratitudine e desiderio di andare via. Per andare dove? Solo a Trigoria. Il club giallorosso ha letto le sue parole con grande interesse, soprattutto Mourinho che vorrebbe un centrocampista in più già a gennaio. Un possibile arrivo durante la prossima sessione di mercato è difficile, ma non impossibile. La Roma continua ad avere il 30% del cartellino di Frattesi, un vantaggio per cercare di avvicinarsi alla richiesta di 35 milioni del Sassuolo. Il club giallorosso a malincuore potrebbe pensare di sacrificare uno dei giovani (o più di uno) e inserirli nella trattativa per accorciare il gap con la richiesta del club neroverde: Carnevali non ha mai nascosto il suo interesse per Bove Volpato (ma anche Tahirovic potrebbe rientrare nel pacchetto). Poi se Pinto riuscisse a cedere qualche giocatore nella lista dei trasferimenti (come Shomurodov, o Kluivert a titolo definitivo al Valencia) a quel punto potrebbe puntare all’acquisto in prestito con obbligo di riscatto del calciatore. Frattesi inoltre, pur di tornare nella capitale, sarebbe anche disposto a rinunciare a qualcosa sullo stipendio (che recupererebbe poi tra bonus o un eventuale ritocco futuro del contratto) per accelerare il suo sbarco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 commenti

  1. Mikele ha detto:

    Chiunque venga alla Roma, non migliorerà di molto la situazione. Mourinho è lontano anni luce dal calcio odierno. E’ ancora convinto che tutto sia nella determinazione e motivazione (pur importantissimi), ignora le geometrie e strategie attuali. Squadra bassa, corse e strappi che sempre meno sorprendono gli avversari, ma sfibrano gli attaccanti giallorossi, che infatti segnano col contagocce. Sostanzialmente il portoghese attua un catenaccio d’altri tempi, affidandosi all’estro e alla qualità di giocatori che sfoglia vorticosamente, bruciandone diversi, con danno economico alla società di appartenenza. Urgentissimo cambiare subito allenatore, approfittando della pausa del campionato.

    • Giovanni ha detto:

      Meno male che ci sei tu che capisci di calcio…

      • Itti54 ha detto:

        Ti dirò, forse un pochino troppo categorico, precipitoso. Ma certo non si allontana troppo da una spiacevole obbiettività. Letture molto chiara della situazione.