foto Tedeschi

ROMA MOURINHO CALCIATORI – Torna a parlare il tecnico della Roma, Josè Mourinho. Lo Special One ha rilasciato una lunga intervista a Sky Sport UK dove ha raccontato molto della sua lunga carriera soffermandosi anche sulla sua prima stagione a Trigoria. Il tecnico portoghese ha anche riportato un trofeo nella Capitale che mancava dal 2008 vincendo la Conference League. Queste le sue parole.

Le parole di Mourinho

“Sono stato capace a 60 anni di evolvermi ed avere successo? È la natura di chi vuole rimanere nel calcio per molti anni. Se non sei innamorato del calcio e hai raggiunto tutto quello che c’è da raggiungere nel calcio, smetti e ti godi le tue medaglie. E ti godi la tua vita al di fuori del calcio. Ma se ami il calcio, non vuoi smettere. Se ami il calcio, non senti che stai invecchiando. Ti senti fresco, ti senti giovane e questa sensazione dura fino ai tuoi ultimi giorni. Quindi, la motivazione fa parte del DNA. Il mio record di vittorie in Inghilterra, Portogallo, Italia e Spagna? Per di più, ho vinto in questi quattro Paesi molto, molto presto. Non ho avuto bisogno di stare lì tre, quattro o cinque anni per vincere. È successo subito. Nella prima o al massimo nella seconda stagione. Credo che questo sia dovuto al fatto che ho cercato di capire la squadra. Ho studiato. Ho cercato di trarre il meglio dalle differenze, cercando di mettere in pratica le mie idee ma allo stesso tempo rispettando le culture locali e, nel mio caso, anche il sentimento e l’approccio locale al gioco”.

Sul rapporto con i giocatori, in particolare alla Roma:
“Ognuno ha bisogno di un modo diverso di comunicare, di un modo diverso di dare feedback, di motivare. La cosa più importante è conoscere la loro natura, sapere tutto di loro. Poi si può interagire con loro quasi su base individuale. Direi che è un po’ come quando si va al ristorante e si mangia ‘a la carte’, come si dice in francese. ‘A la carte’ è fondamentalmente quello che devi fare con il giocatore. Non guardarli come se fossero tutti uguali, perché sono tutti diversi. Se sono un leader naturale? Non direi. Anzi, da giovane direi che ero un leader silenzioso. Ma il mio lavoro non mi permette di essere un leader silenzioso, come è nella mia natura. Devo essere sempre sotto gli occhi di tutti, devo comunicare continuamente attraverso i media e questo fa una grande differenza. La chiave del successo rimane la stessa: è tutta una questione di strategia. Non si può prevedere tutto, ma più si è preparati, più si può mettere in allenamento. Si può ridurre l’imprevedibilità e questo dà la sensazione di rendere più facili le scelte e le decisioni. Si sa che le partite di calcio comportano dei rischi, ma bisogna cercare di ridurli preparandosi al meglio”.

Sulle tecnologie nel calcio
“Il gioco è cambiato negli ultimi vent’anni. In termini di allenamento e metodologia abbiamo molti nuovi strumenti per analizzare una partita anche dalla panchina. Oggi ho a disposizione qualcosa che 20 anni fa era proibito: un monitor con una telecamera tattica che abbiamo negli stadi e che può darci diverse prospettive del campo. Sono apparse nuove dimensioni dello staff tecnico. Ora ci sono molte persone specializzate in diversi settori e si può condividere il lavoro. È una situazione diversa. Per fare un esempio, qualche tempo fa c’era solo il preparatore atletico. Ora c’è l’allenatore della performance, l’allenatore del recupero, l’allenatore individuale e l’allenatore della prevenzione. È pazzesco. Ha portato il nostro lavoro a una dimensione incredibile. Ora si ha a che fare con così tante persone con caratteri ed ego così diversi. Devi anche gestire molte più informazioni rispetto a prima. A volte devo selezionare le informazioni più importanti perché semplicemente non possiamo occuparci di tutto. Credo che la situazione sia molto simile a quella delle squadre di Formula Uno. Durante la gara hanno così tanti dati che devono essere molto selettivi. Non possono semplicemente passare tutte le informazioni al pilota”.

Sui giovani
“Il giovane del 2000 è diverso dal giovane del 2022. Leadership significa che le persone devono seguirti. E per seguirti, devono credere in te. Di solito credono in te se sentono empatia, se sentono onestà. Nel mio caso personale di leader, questo significa esattamente la responsabilità di non deludere i tuoi collaboratori. Devi essere con loro e per loro, tutto il tempo. Devono fidarsi di te”.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here