romanews-roma-mourinho-salernitanaroma

ROMA MOURINHO – José Mourinho non si vuole fermare. Dopo aver cominciato con il piede giusto, con 4 vittorie su altrettante partite tra Serie A e Conference League, lo ‘Special One’ vuole mantenere l’imbattibilità in questa prima parte di stagione. Per farlo dovrà battere il Sassuolo di Dionisi, domenica allo Stadio Olimpico.

Leggi anche:
Spinazzola: “Ho imparato dalle batoste. Ecco cosa mi ha detto Mourinho alla prima telefonata”

Mourinho, l’allenatore territoriale

Anche José Mourinho è un allenatore territoriale, scrive Il Messaggero. Nella sua filosofia, la costruzione della propria forza passa necessariamente dalle partite in casa, dove una squadra deve erigere il suo fortino, e attraverso quello scudo psicologico farsi grande. Questo è il nostro campo, dice José, questo è il nostro stadio e quella è la nostra gente: quindi gli altri non devono passare, non possono vincere nemmeno per sbaglio, soffriranno tanto per evitare la sconfitta. Anche così si edifica l’autostima. Il fatto che i tifosi della Roma rispondano all’appello, col tutto esaurito contro il Sassuolo (rispetto alla capienza consentita, s’intende) e quasi certamente pure col Cska Sofia, non potrà che far piacere allo Special, lui si attende tanta gente e molto vicina ai giocatori, ne ha proprio bisogno. Il suo orgoglio è il curriculum di 25 successi tra campionati e coppe, ma anche l’ingresso nel 2015 nel Guinness dei primati per il suo record di gare di campionato senza sconfitte in casa tra il febbraio 2002 e l’aprile 2011. Oltre 9 anni e 150 partite, tra un Porto-Beira Mar 2-3, lui appena arrivato al Porto, e un Real Madrid-Sporting Gijon 0-1. In mezzo, 125 vittorie e 25 pareggi. Nei tre anni a Madrid, José perse tre volte al Bernabeu: due il primo anno, una nel secondo (contro il Barcellona) in cui vinse la Liga e nessuna nel terzo. Poi tornò al Chelsea, perse una volta a Stamford Bridge il primo anno e nessuna nel secondo. E appena tre sconfitte a Old Trafford (due da Guardiola col City) nei due anni completati al Manchester United. Nelle 14 stagioni intere in cui ha guidato una squadra, JM ha vinto 8 campionati, e su 53 sconfitte totali appena 7 sono arrivate in casa. E’ imbattuto in casa in Italia: 39 partite senza sconfitte, a due gare dal record di Allegri, 41.