3 Ottobre 2022

Mourinho e le due mosse a sorpresa per mandare l’Inter fuori giri

Così Mourinho ha sorpreso l'Inter a San Siro

Foto Tedeschi

Impazzito di gioia a fine partita, José Mourinho ha battuto il suo passato. Sebbene non sia potuto essere presente in panchina a San Siro contro l’Inter per squalifica, lo ‘Special One’ ha diretto l’orchestra Roma e ha portato a casa il massimo risultato. Il Corriere dello Sport sottolinea che sono soprattutto due gli aspetti che si sono rivelati fondamentali per battere l’Inter.

Spostare l’attenzione mediatica sull’impiego di Dybala, che in Nazionale non aveva giocato (e neppure con l’Atalanta). Per Mou, in realtà, il problema non era mai esistito. E poi la mossa di tenere Abraham in panchina e togliere la punta di riferimento. Una decisione inaspettata, che mirava a creare un attacco mobile e imprevedibile senza perdere la solidità difensiva. Non una bocciatura per i ‘Fab Four’, ne tantomeno per Tammy, ma semplicemente strategia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 commento

  1. gabrio62 ha detto:

    Non è chiaro quanto Abraham (che è un bravo ragazzo di certo) sarà in grado di migliorare alcuni gravi errori concettuali. Sbaglia troppi gol e non solo per sfortuna (pali o traverse). Sono proprio errori di concetto: tira senza il tempismo giusto o compie scelte discutibili, come per es. decidere di tirare a dx del portiere ove lo spazio era più ristretto proprio dal piazzamento del portiere, mentre il difensore che gli stava davanti aveva perso l’equilibrio arretrando. Infatti aveva più spazio e migliori chances tirando alla sx del portiere, ma non è stato in grado di cogliere l’attimo. Anche con l’Atalanta, discorso simile. Sembra gli manchino certi gesti tecnici come lo scavetto, cosa che Dybala e Zaniolo hanno. Non saprei giudicare, ma ho qualche dubbio…