Foto Tedeschi

ROMA LECCE INTERVISTE MOURINHO – Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso José Mourinho in occasione di Roma-Lecce, match valido per gli ottavi di finale di Coppa Italia.

Mourinho a Mediaset

Non può essere soddisfatto, non potete rinunciare ad alcuni calciatori
“Purtroppo è vero. La nostra rosa ha delle limitazioni. Maitland-Niles e Sergio danno più qualità. Il nostro profilo e progetto va poco a poco.”

Con l’Inter sarà una Roma diversa da quella del campionato?
“Manca tanto ancora è solo a febbraio. Abbiamo qualche partita e la sosta. Per me l’Inter è la rosa più forte del campionato e della Coppa Italia. A noi è toccato la più difficile ma noi proveremo a fare la sorpresa”.

Sorrentino: Stavamo meglio 12 anni fa?
“Non abbiamo festeggiato lo scudetto contro di voi (Chievo). Con l’Inter siamo andati a vincere a Siena e la Roma contro di voi a Verona. Ho un bel ricordo di te”.

Che bilancio dai ai tuoi mesi a Roma?
“Dal punto di vista emozionale e della passione dico 11 perchè sono molto felice. Senti di aiutare gli altri e che la gente si fida di me. Dal punto di vista calcistico, giocare tra il 4o e l’8o posto non è quello che voglio. Questo però è un momento e la prossima stagione sarà meglio di questo. Non ti nascondo che nel primo tempo ero frustrato perchè abbiamo fatto una partita orribile tecnicamente. Non si parla di tattica perchè è difficile. Non cambierei il mio posto alla Roma per nessun altro. Ho dato la mia parola per questi tre anni e non vado via prima. Questo è il mio progetto.”

Un po’ strano parlare di limiti, tecnicamente ci sono calciatori che sanno giocare. Che problemi avete?
“Magari il tuo concetto di tecnica è diverso dal mio. Per me il più basico della tecnica è non sbagliare passaggi a 10 metri o fare un controllo orientato con intensità. Dopo di questo vengono le scelte. Per tanta gente è un concetto diverso, abbiamo fatto una partita tecnicamente povera e ci capita spesso. Se si analizza la perdita della palla dico che spesso la perdiamo noi non che ce la recuperano.”.

Come si immagina il rientro a San Siro?
“Veramente non lo so. Mi devo preparare emozionalmente come ho fatto nel match di Roma contro l’Inter per non avere emozioni. Devo cercare di fare una partita come un’altra. Dopo dipende, sono tornato a San Siro contro il Milan e mi hanno insultato di tutto. Contro l’Inter non lo faranno però vediamo. Vado lì con l’intenzione di fare la partita con la mia Roma e i tifosi faranno la loro con il suo allenatore e i suoi calciatori. La gente però non dimentica.”

Muourinho a Roma tv+

Non ricordo parate di Rui, ricordo però parate di Gabriel e situazioni in cui abbiamo sbagliato davanti la porta. Secondo tempo tutto positivo, primo tempo il contrario. Attegguamento senza aintensità nel pressing, senza profondità. Secondo tempo ha dmostrato che la squadra voleva vincere.

Oltre al gol di Shomurodov, grande prestazione di Kumbulla…
Di Kumbulla ora mi fido al 100%, buona evoluzione, è cresciuto a giocare a 3, a 4 si deve adattare. Abbiamo bisogno anche di lui, a marzo ricomincia pure la Conference League e si giocherà di giovedì e nel weekend e abbiamo bisogno di giocatori disponibili, e Marash sta dimostrando che possiamo contare su di lui.

4 Commenti

  1. Disamina corretta quella di Mourinho, che sa anche che la disponibilità di Pellegrini e Spinazzola, da sole, non permetteranno l’impostazione del gioco velocemente dalla difesa, per le carenze di giocatori carismatici, che non soltanto Mou sa di essere necessari. Dov’è questo grande centrale di difesa in grado di impostare il gioco con determinazione e velocità, spingendo avanti anche il centrocampo, oltre che tutta la difesa, spesso troppo timorosa di sbagliare?

  2. personaggio che si sostiene sul passato( fatto di campion)i e sulla gestione dell´uomo che attira le attenzioni con battute piruette e gesti scandalosi…..TATTICAMENTE E TECNICAMENTE NULLO…..Credo sia finito, cotto e arretrato da tempo.

  3. Stavo per rispondere a KY e STEFANO ma data l’assenza totale di senso logico in ciò che avete scritto, e assenza di un pensiero lineare basato sulla realtà devo aggiungere, diventa inutile commentare, non credo di trovare un modo di ribattere che arrivi fin così in basso, niente di personale

Comments are closed.