9 Giugno 2022

Montali: “Roma al Top con i Friedkin e Mourinho, la loro gestione mi piace”

ROMA MOURINHO MONTALI – Torna a parlare Gian Paolo Montali. L’ex ct della pallavolo maschile Italiana nonchè dg della Roma ha parlato della situazione della squadra giallorossa e di Josè Mourinho. Il direttore del progetto Ryder Cup 2023 ha detto la sua a l Corriere dello Sport. Questo uno stralcio delle sue parole.

Montali sulla Roma di Mourinho

Direttore generale alla Roma dal 2009 al 2011, ha lasciato quando sono arrivati gli americani…
Avevo firmato il rinnovo di contratto di due anni con Unicredit, poi quando è arrivata la nuova proprietà non sono voluto restare a dispetto dei santi e nel rispetto del contratto. Ma loro avevano portato Baldini e Sabatini e non c’erano i presupposti per proseguire.

Ci vuole una visione diversa, per tirare fuori il calcio da vecchie abitudini. La dimostrazione è la managerialità della Roma dei Friedkin.
Mi piace la loro gestione, per il profilo che hanno deciso di tenere, per il fatto di dare un’organizzazione manageriale alla società, dove è chiaro chi fa cosa, con le responsabilità per ogni ruolo. Hanno fatto una scelta di grande spessore.

Mourinho ha avuto un ruolo importante.
Ci sono bravi allenatori che si concentrano solo sul calcio, ma anche quelli che incidono sullo stile della società, Con il suo metodo ha portato la sua mentalità vincente. Mi sarebbe piaciuto lavorare con lui tutta la vita. I Friedkin hanno capito che è perfetto non esporsi. Da dirigente non puoi farti prendere dal cuore e dalla passione. Loro devano restare freddi e lucidi. Sono altre persone che devono mettere il cuore, anche se i Friedlán hanno dimostrato che si stanno appassionando. Roma ti coinvolge per i tifosi, per la piazza. La coppa è un buon inizio. Non è la Coppa dei Campioni ma è un obiettivo, la mentalità vincente si costruisce così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 commento

  1. Max ha detto:

    Mi piacerebbe rivederti come Direttore Generale oppure nuovo CEO.