MONDIALI OGNU DUE ANNI – L’idea dei Mondiali ogni due anni potrebbe in futuro assumere contorni più concreti. Tale ipotesi sarà infatti oggetto di dibattito tra la Fifa e le federazioni, che il 30 settembre prenderanno parte ad un vertice online. All’ordine del giorno la discussione sul calendario internazionale. Di seguito il comunicato integrale:

Leggi anche:
Verona-Roma, le pagelle dei quotidiani: si salvano solo Pellegrini e Rui Patricio, male la difesa

Il comunicato Fifa

La FIFA ha contattato le sue associazioni affiliate e altre parti interessate (rappresentanti di giocatori, club, leghe, confederazioni), segnando l’inizio di una nuova fase di consultazione sul calendario internazionale delle partite per donne e uomini, in scadenza alla fine del 2023 e 2024 rispettivamente.

C’è un ampio consenso all’interno del gioco che il calendario delle partite internazionali dovrebbe essere riformato e migliorato.

A seguito degli inviti alle parti interessate, comprese tutte le confederazioni, all’inizio di settembre, nelle prossime settimane si stanno organizzando discussioni.

Il 15 settembre 2021, la FIFA ha anche invitato le sue associazioni membri a un primo vertice online il 30 settembre 2021. Questa è una delle numerose opportunità per stabilire un dibattito costruttivo e aperto, a livello globale e regionale, nei prossimi mesi e la FIFA lavora in quest’ottica.

Poiché si tratta di un progetto calcistico, in cui gli interessi globali del calcio dovrebbero essere al primo posto, questo processo è iniziato con giocatori e allenatori di tutto il mondo. I gruppi di consulenza tecnica (TAG) sono stati istituiti sotto la guida di Arsene Wenger, capo dello sviluppo del calcio globale della FIFA, e Jill Ellis, due volte vincitrice della Coppa del Mondo femminile FIFA. Il dibattito coinvolgerà anche i fan di tutto il mondo.

La FIFA si impegna a creare un forum per un dibattito significativo coinvolgendo un’ampia gamma di parti interessate, inclusi i tifosi, e attende con impazienza le discussioni sulla crescita sostenibile del calcio in tutte le regioni del mondo, a tutti i livelli”