6 Aprile 2020

Coronavirus, Moggi: “Nel calcio manca uno come me. L’Uefa faccia chiarezza sulle partite di Atalanta e Juventus”

MOGGI CORONAVIRUS – Torna a parlare, o meglio, a scrivere Luciano Moggi. L’ex dirigente della Juventus, uscito di scena dopo lo scandalo Calciopoli, oggi ha pubblicato un articolo sulla pagine del quotidiano Libero dove si è espresso sull’emergenza Coronavirus nel mondo del calcio. Eccone un estratto:

Ceferin non fa chiarezza su due partite

Il primo attacco di Moggi è per il presidente dell’Uefa: “Ceferin non fa Ceferin non fa invece chiarezza sul perché abbia fatto giocare Lione-Juve e Atalanta-Valencia a porte aperte (due gare ora nell’occhio del ciclone, quasi fossero state loro la causa della propagazione del virus in Italia, Spagna e Francia). E neppure dà spiegazioni sul perché, il 12 marzo, abbia fatto giocare quattro partite a porte chiuse in E-League mentre a Glasgow, nella stessa serata, quarantamila spettatori assistevano a Rangers-Bayer Leverkusen“.

Coronavirus, Moggi: “Troppa confusione, manca uno come me”

Secondo Moggi, in questo momento di grande incertezza, si sta aggiungendo anche tanta confusione. “Non vi sembra, amici lettori, che ci sia troppa confusione e pressappochismo nella testa di chi comanda? O meglio che non ci sia attualmente nessuno che sappia tenere saldamente in mano le redini del comando? Il problema è che a questo calcio manca uno che sappia prendere delle decisioni vere. Non è facile, certo, e lo so bene. Però io, da dirigente, mi sono sempre assunto le responsabilità delle scelte”, le sue parole.

“Si spera il campionato ricominci”

La speranza per l’ex dirigente è che si possa ricominciare a giocare: “Sperando che il campionato possa ripartire e concludersi, sempre virus permettendo. Anche perché ciò significherebbe il rallentamento della pandemia e farebbe rifiorire negli italiani la speranza nel futuro, oltre a salvare molte squadre di calcio dal fallimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 commenti

  1. Artemisio ha detto:

    Il problema e’ che ce ne sono troppi come te.

  2. Fabri ponsacco ha detto:

    Ci manca davvero uno come te Ahahah

  3. Lele ha detto:

    Ancora lo fanno parla questo ?