Foto Tedeschi

MKHITARYAN RINNOVO MOURINHO – I rapporti tra José Mourinho, prossimo allenatore della Roma, ed Henrikh Mkhitaryan si sono incrinati ai tempi del Manchester United, e tutt’ora non sarebbero idilliaci. Nel frattempo, l’armeno avrebbe realizzato tutti i presupposti per il rinnovo automatico con la Roma, ma la firma non è ancora arrivata. Stando al sito del Corriere dello Sport, l’ex Arsenal prima vorrebbe un confronto con lo ‘Special One’, per capire meglio le sue prospettive e i piani futuri del club. Come ha spesso dichiarato, il 77 è legato a Trigoria. Quindi se il tecnico portoghese e lo considererà un assetto importante del suo progetto allora il calciatore resterà, altrimenti probabilmente si arriverà alla separazione. Il discorso quindi sembra rimandato a fine stagione. Intanto, ieri è arrivato contro il Crotone un gol che mancava dal 31 gennaio. Ora ‘Miki’ è a quota 12 reti stagionali.

Leggi anche:
Mourinho potrebbe andare a vivere nel cuore di Roma

4 Commenti

  1. Cerca di confrontarti bene, al momento non possiamo fare a meno di te, Dzeko, Pedro ecc anche Pedro sta tornando in forma e con un adeguata preparazione atletica e un modo di giocare più sensato sarete tutti preziosi. Tanto sappiamo che non si potranno comprare 6 Top Player giovani quindi siete ancora un ossatura importante, basta solo motivazione, tattica sensata, preparazione atletica quantomeno non come gli ultimi due anni

  2. Se si gioca col 4231 c’è sicuramente spazio per Miki: Mou allo United lo faceva giocare poco, e/o davanti alla difesa… ma nella Roma non ci sono grossi pericoli, la nostra rosa non è di sicuro quella dello United.
    Ovviamente rispetto al 3421 dovrà giocare più lontano dalla porta e più defilato, con più compiti difensivi – e questo è un peccato.
    Se invece il problema è quello di “giocare a calcio” e di non fare “catenaccio e contropiede”, probabilmente Miki verrà deluso… ma stiamo in Italia, se vedi le prime 5 squadre in classifica hanno preso max 42 gol finora, mentre noi siamo a quota 53.
    È tutto lì il problema, con quei numeri in Champions non ci vai. E i nostri difensori centrali c’entrano zero, quelli che abbiamo sono bravi: il problema è che se ti ci vogliono 20 passaggi per arrivare dal tuo portiere a centrocampo (proprio a centrocampo, non sulla trequarti avversaria), non stai “giocando a calcio”, ti stai semplicemente rendendo ridicolo.

  3. Può essere un panchinaro. Andrebbe anche bene , ma sarebbe meglio prendere un sostituto.

Comments are closed.