Le parole di Carlo Mazzone, intervenuto a “Unico Grande Amore”, programma trasmesso da Teleradiostereo 92.7 
 
“Faccio i complimenti alle due società e alle due tifoserie per le belle iniziative in nome di Gabriele Sandri. Roma ancora una volta si è dimostrata diversa da come viene descrittà altrove”. Sulla Lazio: “Farà una gara molto tattica e fisica, la Roma deve essere abile a sfruttare le maggiori qualità tecniche. Non credo al tridente dei biancocelesti sarebbe un suicidio”. Per i romani e romanisti, il derby ha un sapore particolare: “I romani sul piano emotivo possono perdere qualche colpo, anche se credo che De Rossi, Aquilani e Totti abbiano ormai imparato a gestire certe situazioni”. Mazzone dice la sua anche sulla lotta scudetto: “Per la Roma sarà difficile acciuffare l’Inter, anche se lo spogliatoio di Mancini vive un momento delicato. Tuttavia, non credo ai disegni extra campo per agevolare i nerazzurri”. L’ex tecnico, tra le altre, di Bologna e Brescia, giudica anche la figura dell’allenatore moderno: La figura dell’allenatore è cambiata molto rispetto a qualche anno fa, ormai i tecnici, invece di insegnare calcio, fanno gli accompagnatori asserviti alle società”. Mazzone ha rischiato di diventare l’allenatore del Parma? “Il Parma mi ha cercato dopo l’esonero di Di Carlo, ma ho risposto no grazie”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here