18 Ottobre 2019

VOCALELLI: “Dzeko è fondamentale”, GRAZIANI: “Se si posticiperà andrà bene lo stesso”

SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Ciccio Graziani a Centro Suono Sport: “Se si potrà giocare si giocherà, poi se non ci saranno le condizioni non si giocherà. La Roma deve però partire con l’idea che la partita si disputerà, il cattivo tempo non dovrà essere una preoccupazione, se si posticiperà andrà bene lo stesso perché la Roma avrà di nuovo disponibili i giocatori fondamentali. Oggi si guarda troppo all’aspetto fisico, ad esempio Franco Tancredi non avrebbe potuto mai giocare a calcio in questo periodo storico. Io resto dell’idea che se un giocatore sia minuto, non ci si deve ossessionare col fatto di fargli mettere su grande massa muscolare, altrimenti si corre il rischio di snaturarlo troppo”.

Checco Oddo Casano a Centro Suono Sport: “A mio giudizio è meglio affrontare ora e non tra tre mesi la Samp, per tre motivi: perchè non sappiamo poi che tipo di Roma avrà a disposizione Fonseca, perchè Ranieri potrebbe aggiustare in queste settimana una squadra che oggi è ancora in grandissima difficoltà e perchè ti porteresti un ritardo in classifica per tutto il girone d’andata, che psicologicamente potrebbe pesare su questo gruppo”.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “Mi aspetto una Sampdoria tatticamente molto attenta. Se la Roma riesce a fare un gol nella prima mezz’ora poi può vincerla di prepotenza, al contrario potrebbe complicarsi. E’ una gara che può avere qualsiasi esito.”

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Dzeko è fondamentale in questa Roma anche in condizioni precarie, soprattutto con la Samp che farà una gara molto accorta. In quel caso avere un giocatore come il bosniaco è essenziale. Dietro di lui non c’è un attaccante così determinante. Detto ciò non credo che giocherà, sarebbe troppo rischioso”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Fonseca salterà Samp-Roma o Roma-Milan? Ancora non la sappiamo, lo sapremo solo domani perchè c’è l’allerta meteo e si rischia di non giocare. La squadra però non può staccare la spina, sennò arrivi impreparato. Le parole di Monchi? E’ stato un malinteso. Quando lui parla della questione infortuni parla del Siviglia, non della Roma. Sul fatto che è stato cacciato, è la verità. Che faccia una battuta ci può anche stare. Lui è stato mandato via dalla Roma, e con buoni motivi, non è che Monchi sia una vittima. Ma i numeri di Monchi per la sua carriera restano straordinari. Nella Roma non ha funzionato, e restano dei danni non da poco che ti continueranno a pesare. Quando sbagli gli acquisti, poi le paghi”.

Mario Corsi a Centro Suono Sport: “Dzeko? Io direi che al 70% non gioca. Anche senza di lui ce la dovremmo fare, anche se è difficile capire lo stato d’animo di questa squadra, di questi giocatori, non si capisce mai. Hai solo Dzeko, che ama lottare quando c’è da lottare, e Kolarov che ne ha viste di tutte i colori”.

Franco Melli a Radio Radio: “L’unica vittoria della Sampdoria è stata contro il Torino. La squadra di Mazzarri è più forte della Roma attuale, carica di infortunati. Credo che il pareggio sia il risultato più probabile, ai giallorossi mancherà molto Dzeko in attacco. Non credo in una vittoria netta della squadra di Fonseca”.

Xavier Jacobelli a Radio Radio: “Mi aspetto una condotta di gara molto accorta da parte di Maresca. La Sampdoria deve tornare a fare risultato, con il tallone d’Achille. Penso che il lavoro di Fonseca sia assolutamente positivo, calcolando il poco tempo a disposizione in un campionato del tutto nuovo ”.

Roberto Renga a Radio Radio: “La Roma ha tutto per dominare la partita, il fattore campo sarà decisivo. In un campo pesante vedo i giallorossi avvantaggiati, perché ho sempre creduto che la squadra più forte abbia più possibilità con il bagnato. L’unico dubbio resta legato a Ranieri. Non sarà un match sul piano del gioco, fondamentali saranno le palle da fermo, per questo farei giocare Fazio”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Non mi convince niente, mi convince tutto. Poteva essere una partita scontata ma non lo è per via di Ranieri. Probabilmente ci sarà una reazione, con l’ex Leicester che potrebbe rispolverare anche Gaston Ramirez. Sono due squadre che faticano a fare il gol, il pareggio potrebbe essere il risultato più probabile. Mi sto convincendo del discorso sulle palle inattive”.

Furio Focolari a Radio Radio: Sarà una partita difficile, non ho mai capito perché Di Francesco non abbia mai fatto giocare Gaston Ramirez. Ranieri metterà il pullman davanti la porta, la partita va tenuta sotto osservazione. Non sarà semplice”.

Mario Mattioli a Radio Radio: “Sampdoria-Roma? Dico 1. Quel progetto dello stadio non si potrà mai realizzare a Tor di Valle, quello che sta uscendo in questi giorni è solo fumo negli occhi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

11 commenti

  1. guido ha detto:

    ma uno che ha paragonato la vicenda dello stadio alla tragedia di rigopiano ha ancora il coraggio di parlare?
    Che stile

  2. Paolo ha detto:

    Mario Mattioli sempre positivo nei confronti della Roma…

    • luca ha detto:

      verrebbe proprio la voglia di dire che è un idiota, diciamo piuttosto che ha detto un’idiozia.
      il progetto è stato approvato da tutti gli enti in CdS e l’iter è andato avanti nonostante gli tsunami giudiziari. ora il Comune ha inviato ai proponenti la bozza della Convenzione Urbanistica, ossia il contratto, che una volta sottoscritto consentirà di aprire i cantieri; in esso, a seguito degli incontri tra Comune e proponenti, sembrano risolti o quasi gli ostacoli relativi alle tempistiche per le opere pubbliche, verosimilmente anche grazie al nuovo governo ibrido che ha consentito un’accelerazione dell’iter.
      mai come oggi l’avvio dei lavori è mai stata più vicina

      forza Roma!

    • luca ha detto:

      Mattioli? stendiamo un velo pietoso, diciamo che ha detto un’emerita idiozia.
      il progetto stadio è stato approvato da tutti gli enti in CdS e l’iter è andato avanti nonostante gli tsunami giudiziari. ll comune ha appena inviato ai proponenti la bozza della Convenzione Urbanistica, ossia il Contratto, che una volta sottoscritto consentirà l’apertura dei cantieri; in esso sembrano superati o quasi gli ostacoli relativi alle tempistiche di attuazione delle opere pubbliche, verosimilmente grazie anche al nuovo governo ibrido che ha consentito un’accelerazione dell’iter.
      mai l’avvio dei lavori è stato più vicino di oggi.

      forza Roma

    • johnatan72 ha detto:

      Mario Mattioli è un dichiarato tifoso della Juventus autodefinitosi amico della Roma. Di quale Roma non è dato sapere…….

  3. Silvio ha detto:

    Per Marione solo Dzeko e Kolarov lottano…, mentre Smalling, Florenzi, Cristante, Perotti, Zaniolo, Pellegrini, ecc.. si rifanno il trucco quando sono in campo??
    Che roba…

  4. Fabrizio ha detto:

    Se domenica non si dovesse giocare causa maltempo, sarebbe tutto a vantaggio della nostra Roma, potremmo recuperare con più tranquillità i nostri infortunati o convalescenti.

  5. giovannib ha detto:

    Il livello degli opinionisti che dicono di tifare Roma è veramente basso, sparano sentenze che hanno un senso solo nella loro testa e forse neanche lì. Quest’anno non vedo nessuno che non abbia voglia di lottare, si vede quella che sembra svogliatezza solo in Pastore ma è solo perchè non ce la fa proprio. Spero che tu abbia ragione Luca sullo stadio

  6. Simon Templar ha detto:

    Anche io spero proprio che Luca abbia ragione sulla questione dello stadio.Credo che Pallotta e soci dopo tutti questi anni di andirivieni possano ottenere i risultati che tutti noi tifosi ci aspettiamo. Sarebbe VERAMENTE ridicolo che a Milano riuscissero a fare i lavori del Meazza prima di noi (dopo otto anni)!

  7. Bruno Gaggi ha detto:

    Lasciamo andare la questione stadio , che come romanisti si voglia uno stadio della Roma e` un desiderio reale ,sognato in quanto a Tor di Valle la zona presenta delle difficolta`e questo e` innegabile.
    Oggi negli anni duemile ci sono tante tecniche di consolidamento e protezioni l’augurio e`che vengano usate con grande coscienza.
    Ci vorra` ancora del tempo e per adesso la Roma e` questa ma e` bene rammentare che le squadre si fanno grandi e competitive anche senza stadi di proprieta`ammesso e non concesso che questo stadio sia veramente di proprieta` della Roma o di……..