RN WEB RADIO – La giornalista di Mediaset, Eleonora Marini, è intervenuta a RN Web Radio ed ha parlato dell’arrivo di Monchi:Era atteso da diverse settimane, era scontato che la società puntasse su un dirigente esperto. Mi sembra che Monchi si sia subito calato nelle dinamiche di Roma. Spalletti a livello di mercato non è stato accontentato, è giusto che un dirigente come monchi si sia messo subito a lavorare per la prossima stagione”.

Giovani e mercato giallorosso. Vendendo un big, la Roma potrà accorciare la forbice con la Juve?

“Al di là dei nomi, è sicuramente un’impresa difficile. Ma con la partenza di alcuni big, come Manolas, e lavorando sui giovani si può ridurre la forbice”.

Sullo stadio

“Vedo che l’iter è complesso, lascia dei dubbi. La poca presenza del presidente a Roma non ha aiutato. Gandini spera che la Roma possa giocare nel nuovo stadio entro il 2020, sembra che tutto proceda a rilento”.

Spalletti con l’arrivo di Monchi potrebbe restare a Roma?

“Lui il tiro l’ha corretto già. All’inizio Spalletti era fermamente convinto di vincere qualcosa, l’epilogo della Coppa Italia è stato quello che gli ha fatto cambiare idea. Non sono sicura che resterà, ma mi è sembrato meno rigido”.

Sulla panchina per il post-Spalletti

“Un allenatore come Mancini potrebbe fare bene. Conosce bene questo ambiente, mi piacerebbe vedere un allenatore italiano e di esperienza. Di Francesco mi piace molto ma arriva da una realtà più piccola. Credo che sia molto valido, ma dal Sassuolo alla Roma credo ci sia una via di mezzo. Il sogno è Conte, Gasperini lo reputo molto valido ma parliamo sempre di squadre con obiettivi diversi”.

Mancini pretenderebbe troppo?

“Credo che sia questo il nodo principale legato a Mancini. Sul mercato bisognerebbe lavorare in maniera importante. Se poi non fai un mercato importante, non riesci a gestire campionato, Champions e Coppa Italia. Mi auguro che con Monchi si costruisca una squadra forte per dare all’allenatore la possibilità di centrare obiettivi importanti”.

Sul derby

Punterei su El Shaarawy rispetto a Perotti, e ho visto che anche Spalletti si sta orientando su di lui. Credo che la forza della Lazio sia stata vinta grazie alla tattica di Inzaghi. Credo sia importante il rientro di De Rossi, come uomo spogliatoio è fondamentale”.

Sul secondo posto

“A volte sono le squadre più piccole che ti mettono in difficoltà. Già sei punti in tre impegni così fondamentali siano un buon risultato”.