23 Maggio 2022

L’ultimo trofeo 61 anni fa: Roma ed Europa, c’eravamo tanto corteggiate

foto Tedeschi

ROMA COPPE EUROPEE – Il super match del 25 sera a Tirana è carico di speranze e di significati per la bacheca di Trigoria, per la tifoseria e per i piani futuri della proprietà americana. Il condottiero Mourinho ha già indicato la via: pensare soltanto alla partita secca, dimenticando per 90 minuti la storia della Roma. E’ il mantra che cercherà di inculcare ai suoi ragazzi nelle prossime ore e che ripeterà nell’intervallo della partita negli spogliatoi dell’Arena Kombetare. Perché dimenticare la storia giallorossa? Perché il percorso dei capitolini è disseminato di pur numerose tappe europee, 42 anni di partecipazioni (quarta società in Italia), ma costellato di rarissime vittorie.

L’ultima trofeo europeo della Roma 61 anni fa


Quello della Roma è probabilmente un unicum. È tra le società italiane con più partecipazioni alle competizioni continentali dietro le blasonate Milan (9 vittorie su 14 finali), Juventus (6 vittorie su 16 finali), e Inter (6 vittorie su 10 finali), ma ha vinto in pratica una sola volta, la Coppa delle Fiere nel 1961, a dispetto di club con meno partecipazioni che contano più trofei nelle rispettive bacheche quali Parma (1 Coppa delle Coppe, 2 Coppe Uefa, 1 Supercoppa), Lazio (1 Coppa delle Coppe e 1 Supercoppa), Napoli (1 Coppa Uefa), Fiorentina e Sampdoria (1 Coppa delle Coppe a testa). Nelle statistiche internazionali giallorosse si può annoverare anche la Coppa anglo-italiana del 1972, una competizione tra club italiani e inglesi che non si gioca più dal 1996 quando se la portò a casa il Genoa (Cremonese e Brescia le altre vincitrici tricolori).

SEGUICI ANCHE SU TELEGRAM

31 anni fa l’ultima finale internazionale


La Roma riprende il suo feeling con l’Europa conquistandosi la finale della Coppa dei Campioni nel 1984, il match giocato allo Stadio Olimpico e perso ai rigori con il Liverpool diventato dramma sportivo su cui si sono spese pagine e pagine di inchiostro. Passano 7 anni e i Lupacchiotti sono di nuovo sotto i riflettori internazionali nell’atto conclusivo della Coppa Uefa 1990-91 contro l’Inter di Trapattoni. La Roma di Ottavio Bianchi si arrende nella doppia finale con Aldair, Giannini e Voeller che rimangono a guardare Brehme, Matthaeus e Klinsmann sollevare il trofeo al cielo.

La finale di Conference dopo 2 semifinali prestigiose


Seppur in una situazione di discontinuità sia a livello di proprietà che di guida tecnica, per la Roma la finale di Conference è l’approdo di un cammino virtuoso che l’ha vista partecipare a 2 semifinali europee di grande prestigio negli ultimi 5 anni. Quella di Champions League del 2018 persa contro il Liverpool dell’ex Salah. E quella di Europa League dello scorso anno persa con il Manchester United. A queste due risultati va aggiunta, proprio nella stagione 2017-18, l’impresa contro il Barcellona ai quarti di Champions, eliminato dalla squadra allenata da Eusebio Di Francesco all’Olimpico, capace di ribaltare il pesante di 4-1 rimediato in casa dei catalani.



GSpin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.