CORSA ALL’EUROPA – E’ iniziato il festival degli interrogativi. Se la Roma facesse bottino pienonelle prossime due gare? E se i giallorossi facessero solo quattro punti in due partite? E se la banda di Montella dovesse avere una frenata improvvisa? Dopo l’eliminazione della Roma dalla Coppa Italia, la lotta alla Champions e all’Europa League si fa sempre più interessante. Infatti, il Palermo, grazie all’approdo in finale di Coppa Italia si è assicurato il pass per la prossima Europa League anche in caso di sconfitta contro l’Inter nell’ultimo atto della coppa nazionale. La variante “Coppa Italia” aggiunge un po’ di pepe alla lotta per la qualificazione alle prossime coppe europee. In questo momento Milan, Inter e Napoli (a cui serve un punto, ma molto plausibilmente lo farà contro l’Inter nel prossimo turno), sono certe delle prime tre posizioni e di conseguenza si sono conquistate l’accesso alle fasi finali della prossima Champions League.

Restano in ballo Udinese, Roma, Lazio e Juve, ma una delle quattro pretendenti dovrà rinunciare alla campagna europea del prossimo anno. Vediamo quali sono gli scenari che si possono delineare nei prossimi 180 minuti.

VITTORIE PER TUTTI E TANTO RUMORE PER NULLA – Nel caso in cui tutte e quattro le squadre facessero sei punti nelle prossime due partite ( non ci sono scontri diretti in calendario) ad andare in Champions sarebbe l’Udinese, in Europa League ci andrebbero Roma e Lazio (con i biancocelesti costretti a scendere in campo già da Luglio per i preliminari), mentre la Juve resterebbe fuori da tutto. Tuttavia, appare molto improbabile che le quattro squadre facciano bottino pieno e quindi è meglio iniziare a dare un’occhiata agli scontri diretti.

LA SITUAZIONE NEGLI SCONTRI DIRETTI – La Juventus: la più arretrata in classifica, è in vantaggio nei confronti di tutte le altre tre compagini negli scontri diretti. Ad essere messa molto bene, in tal senso, è anche la Roma che ad eccezione della Juve ha sconfitto sia Udinese che Lazio ( i derby vinti dalla Roma potrebbero fare la differenza anche in chiave Europa). La squadra messa peggio nel computo degli scontri diretti è la Lazio, che non ha vantaggi nei confronti di nessuna delle dirette concorrenti. Per quanto concerne l’Udinese, poi, è in svantaggio nei confronti di Roma e Juve e in vantaggio contro la Lazio.

LA CLASSIFICA MERITA ATTENZIONE – La situazione di classifica agevola certamente l’Udinese per l’approdo in Champions League, due punti da difendere con due gare dalla fine sono un buon margine per far vivere sonni tranquilli a Di Natale e compagni. Roma e Lazio hanno tre punti in più della Juve e sembrano potersi difendere dal ritorno della “Vecchia Signora”. I bianconeri possono solo sperare di fare bottino pieno e agganciando una delle squadre che li precede in graduatoria sarebbero sicuri di arrivare più in alto dell’avversaria di turno.

IL CALENDARIO, DUE PARTITE TUTTE DA SFOGLIARE – Sulla carta il calendario più insidioso sembra quello delle due romane. La Roma deve affrontare la sempre ostica trasferta di Catania nel prossimo turno e all’ultima giornata si scontra contro la Samp (che evoca certamente ricordi non felici) in piena lotta salvezza. La Lazio, dal canto suo, ospita il Genoa a Roma. Gara sulla carta agevole per i biancocelesti. Poi il Lecce invischiato nella lotta per non retrocedere. Al via del Mare quest’anno hanno già perso Napoli e Juventus. Udinese e Juventus incontrano sulla loro strada squadre che hanno poco o nulla da chiedere al campionato.

UDINESE 62  CHIEVO Milan
ROMA 60       CATANIA Sampdoria
LAZIO 60       Genoa   Lecce
JUVENTUS 57  PARMA Napoli in maiuscolo le gare in trasferta.

DIAMO I NUMERI

UDINESE: 62 punti.
Scontri diretti: in vantaggio nei confronti della Lazio. In svantaggio su Roma e Juventus.
Calendario: agevole. Chievo e Milan non hanno nulla da chiedere al campionato.
Percentuale qualificazione: Champions (65%) Europa League (30%) mancata qualificazione all’Europa (1%).

ROMA: 60 punti.
Scontri diretti: in svantaggio nei confronti della Juve, ma “batte” Lazio e Udinese.
Calendario: difficoltà media. Catania è un campo duro, la Samp si deve salvare.
Percentuale qualificazione: Champions (20%) Europa League (50%) mancata qualificazione all’Europa (5%).

LAZIO 60 punti
Scontri diretti: in svantaggio nei confronti di tutte le pretendenti all’Europa.
Calendario: medio-facile. Con il Genoa si preannuncia una passeggiata, il Lecce, in casa, venderà cara la pelle.
Percentuale qualificazione: Champions (10%), Europa League (15%), mancata qualificazione all’Europa (10%).

JUVENTUS 57 punti.
Scontri diretti: in vantaggio nei confronti di Udinese, Roma e Lazio.
Calendario: abbastanza facile. Parma e Napoli non sembrano ostacoli proibitivi.
Percentuale qualificazione: Champions (5%), Europa League (5%), mancata qualificazione all’Europa (84%).

Questi sono solo freddi numeri, tutto può essere sovvertito dalle prestazioni in campo. Vincere, per la Roma, è certamente fondamentale. Se poi dagli altri campi arrivassero buone notizie allora la vittoria avrebbe certamente un sapore più dolce…

Davide Garofalo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here